Motori

A Barcellona con SEAT: dalla mobilità sostenibile ai segreti del controllo qualità passando per la scuola di apprendistato

In occasione della fiera Smart City Expo, ho fatto un salto a Barcellona per capire meglio il mondo SEAT: dagli sforzi per rendere sempre più sostenibile la mobilità, passando per la scuola degli apprendisti che ogni anno forma decine di nuovi operai specializzati fino ad arrivare alla famosa fabbrica di Martorell, lì dove prendono vita le “piccoline” di casa SEAT e non solo.

A Smart City Expo: monopattini, 5G e tanto altro 

Tra le varie novità presentate da SEAT durante la fiera Smart City Expo ci sono diversi progetti atti a migliorare il futuro della mobilità urbana: dalla creazione – in collaborazione con Segway – di un monopattino elettrico fino all’upgrade del progetto SEAT Cristobal, ora favorito dal 5G.

Ma partiamo con ordine. Il monopattino elettrico – Seat eXS powered by Segway – è uno strumento di micro mobilità capace di far procedere il passeggero laddove l’auto non può circolare. Il monopattino elettrico, con batteria alloggiata all’interno del manubrio, è in grado di raggiungere una velocità di 25 km/h per un totale di 24 km di autonomia totali. Le sue ruote da 8 pollici e le sospensioni anteriori lo rendono il mezzo adatto per la città.

I nuovi modelli, come il suv Seat Tarraco saranno dotati di una presa nel bagagliaio perfetta per poter caricare il monopattino che sarà disponibile inizialmente in Spagna, Francia, Germania, Austria, Svizzera e Portogallo e successivamente nel resto d’Europa. Sarà possibile acquistarlo presso i concessionari SEAT a partire da dicembre 2018 al prezzo di €599.

Sarà comunque una scelta del concessionario, decidere se regalare il monopattino ai propri clienti oppure no. Il programma di SEAT è quello di venderlo come un mezzo complementare alle proprie auto che avranno poi degli appositi alloggiamenti nel bagagliaio per ospitare – senza intralciare – il nuovo monopattino elettrico.

Nel prossimo futuro, l’obiettivo di SEAT è quello di voler testare l’utilizzo di eXS – attraverso un ampio parco di monopattini – in diverse città spagnole per poterne comprendere al meglio il potenziale di questo nuovo tipo di mobilità. A capo del progetto pilota troveremo l’azienda XMOBA (brand indipendente del Gruppo SEAT di recente creazione).

Torniamo ora a parlare di SEAT Cristobal, progetto già presentato durante lo scorso Mobile World Congress. Criostobal è il prototipo che racchiude avanzati sistemi di sicurezza per la riduzione dei rischi e degli incidenti. Oggi ancor più performante grazie all’implementazione delle future reti 5G che permetteranno minori latenze e una migliore integrazione delle notifiche.

Il primo test drive e caso di utilizzo reale è stato recentemente presentato a Segovia e Talavera de la Reina, in collaborazione con Telefónica, compagnia spagnola di telecomunicazioni.

Le tre funzioni di Cristobal già in fase finale e che saranno introdotte prossimamente sui nuovi lanci di SEAT sono l’“Exit-Assistant”, un sensore per il rilevamento di moto o auto nelle vicinanze quando si sta per aprire la portiera, il “Display-Mirror”, uno specchietto retrovisore che elimina i punti ciechi, e l’“Advanced ACC”, che permette la regolazione automatica della velocità adattandola al limite stabilito su ogni tipo di percorso.

Ciao Alexa!

SEAT è la prima casa automobilistica in Europa a servirsi di Amazon Alexa, l’assistente vocale targato Amazon e lanciato da pochissimo tempo in Italia, Spagna e Francia. Da adesso, sarà più facile e naturale impartire comandi vocali alle vetture SEAT.

Escuela de Aprentices SEAT: gli specialisti si formano qui 

4952 ore di lezione (teoria e pratica) per tre anni di scuola. Questi sono i numero del centro di formazione professionale Escuela de Aprendices SEAT. Qui si formano i meccanici specializzati di domani anche grazie le più avanzate tecnologie come ormai la sfruttatissima realtà virtuale. Indossando il caschetto VR, gli alunni potranno imparare a saldare virtualmente evitando così tutti i pericoli che un principiante potrebbe incorrere in questa pratica.

Con grande stupore, in questa scuola ho visto tantissime ragazze molto giovani destreggiarsi con il tornio. Chi l’ha detto che fare essere meccanici specializzati sia una cosa solo da maschi?

Sfida dei sensi, nel centro di qualità di Martorell

Infine abbiamo concluso la nostra giornata nello stabilimento SEAT di Martorell lì dove prendono vita le “piccole” di VolksWagen: Seat Ibiza, Arona, Ateca ma anche Audi A1.
Qui abbiamo avuto modo di fare una picca esperienza di controllo qualità: imparando a distinguere i rumori giusti e i rumori sbagliati, ad affinare la nostra vista cercando difetti della carrozzeria anche da diversi punti di vista e abbiamo annusato qualsiasi parte della vettura. Tutto questo per verificare se ci fossero difetti di qualsivoglia genere che potessero compromettere la qualità finale della vettura.

Se siete curiosi di rivivere con me questa avventura spagnola insieme a SEAT vi suggerisco di guardare il vlog che trovate qui di seguito. Buona visione.

Tags

Fjona Cakalli

Amo la tecnologia, adoro guidare auto/camion/trattori, non lasciatemi senza videogiochi e libri. Volete rendermi felice? Mandatemi del cibo :)
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker