Viaggi

Aeroporto Pearson di Toronto: è davvero a prova di noia [Racconti di Viaggio]

Odio, e dico odio, fare lunghi scali negli aeroporti soprattutto quando si tratta di estenuanti voli intercontinentali. L'ultimo aeroporto in transito in cui sono capitata, con grande sorpresa, è stato il Toronto Pearson International. Arrivavo da San Francisco sconvolta dalla stanchezza e la prospettiva di dover trascorrere quattro ore in aeroporto in attesa di prendere il mio volo per Milano Malpensa non mi faceva impazzire.

Con mia somma sorpresa però mi sono ritrovata in un paese dei balocchi senza trucco e senza inganno: camminando per i gate del Toronto Pearson International infatti mi sono accorta che sui tavoli del primo, poi del secondo e poi ancora del terzo ristorante erano stati installati degli iPad. A dir la verità vi era un iPad per ogni posto a sedere… in tutto ne ho contatti all'incirca 300. Immaginavo servissero per ordinare da mangiare e come forma d'intrattenimento ammazza-tempo per i commensali.

Ho deciso allora di sedermi e vedere cosa offriva il menu: nulla che fosse di mio gradimento. A quel punto mi alzo con grande grazia e, senza farmi vedere, mi allontano fischiettando. Vagabondando per i gate scorgo un cartello, gigantesco, il quale informa i passeggeri che le postazioni iPad possono essere utilizzate da chiunque anche senza consumare nulla ai tavoli. Seriamente?

TechPrincess_AeroportoPearsonTorontoSenza vergogna ritorno in una postazione e inizio a giocherellare. Questo è il risultato:

https://youtube.com/watch?v=zyNt7FKe80w

Una volta tornata a casa decido di volerne sapere qualcosa di più su questi iPad installati qui al Toronto Pearson International e scopro che la società che li ha installati si chiama OTG. Il loro scopo è di trasformare l'esperienza aeroportuale attraverso la cucina, il design e la tecnologia. Questo stesso sistema è stato installato in altri 8 aeroporti (tutti situati negli Stati Uniti).

Milano Malpensa e Roma Fiumicino… siete all'ascolto? No perché qui c'è gente che vorrebbe trascorrere in serenità – magari divertendosi – le interminabili ore di scalo tra un volo internazionale e l'altro.

Tags

Fjona Cakalli

Amo la tecnologia, adoro guidare auto/camion/trattori, non lasciatemi senza videogiochi e libri. Volete rendermi felice? Mandatemi del cibo :)
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker