fbpx
Bullismo e Cyberbullismo

Bullismo e Cyberbullismo, 4 ragazzi su 10 ne sono vittima


Quattro ragazzi su dieci, di età compresa tra i 12 e i 16 anni, navigano tra le 2 e le 4 ore al giorno e si imbattono in episodi di bullismo e cyberbullismo.

Bullismo e Cyberbullismo sono un problema per 4 ragazzi su 10

Sono i dati riportati dall’Osservatorio scientifico dell’organizzazione no-profit “Social Warning Movimento Etico Digitale” che ha effettuato la ricerca.

Bullismo e CyberbullismoNel 2019 Social Warning ha formato 17 mila studenti e 4 mila genitori sui rischi e le opportunità del web e Davide Dal Maso, fondatore della no-profit, spiega: “emerge che insieme all’esposizione a contenuti e immagini pornografiche e ad episodi gravissimi di adescamento, il cyberbullismo è purtroppo ancora oggi il fenomeno più diffuso in cui i nostri ragazzi si imbattono on-line“.

Dal Maso, 24 anni, è un docente ed il primo in Italia ad aver portato l’Educazione Civica Digitale nelle aule dell’istituto in cui insegna, l’Istituto Professionale in provincia di Vicenza.

Grazie a questo suo impegno, Forbes l’ha inserito tra i primi cinque italiani under 30 più influenti nel settore Education: “i dati dell’Osservatorio raccontano della difficoltà degli adulti rispetto all’impartire regole precise ed esplicite per vivere serenamente il web in famiglia, forse per il distacco e la sfiducia con cui molti di loro hanno sempre visto il digitale.

Ma è sempre più necessario costruire un ponte tra genitori analogici e figli digitali per arrivare ad un sano equilibrio tra vita on-line e off-line“.

I numeri della ricerca

Il 72,6% dei ragazzi intervistati ritiene giusto ricevere delle regole per approcciarsi alla navigazione, ma succede solo nel 55% delle famiglie (+7,4% rispetto al 2018).

L’80% dei ragazzi riferisce che l’unica limitazione è legata al tempo di utilizzo.

Tra le, poche, altre regole dei genitori ci sono quella dello stare alla larga dai siti pornografici e di tenere chiuso il proprio profilo social.

Per quanto riguarda l’Educazione Digitale risulta che 1 ragazzo su 10 non ne ha mai discusso con nessuno; il 47% dei ragazzi non si è mai confrontato con la famiglia e, mediamente, se ne parla di più con gli insegnanti che con i genitori.

Quanto tempo passano in rete?

Il 32% dei ragazzi compresi tra 12 e 16 anni passa su internet dalle due alle quattro ore al giorno ed il 22% di loro non ha alcuna limitazione.

Le piattaforme preferite sono YouTube e WhatsApp per la condivisione di stati; poi vengono Instagram e TikTok che nel 2019 ha superato Facebook.

L’85,4% dei ragazzi si collega più volte al giorno e solo l’11,6% qualche volta a settimana.

Per quanto riguarda l’informazione reperibile in rete, quasi il 69% degli intervistati dice di non fidarsi, il che li terrebbe alla larga dalle fake news che girano.

Il 65% è consapevole che tutto ciò che è postato non è più di loro proprietà.

Capitolo “influencer”

Il 65% ritiene che non sia facile diventare un “influencer“, ma risulta che per loro non sia esattamente chiaro cosa sia o cosa faccia un influencer (32%).

Alcune risposte alla domanda chi sia un influencer sono state: “influencer significa rappresentare un marchio come se fosse il tuo“; “influencer è una persona famosa drogata di social“.

“Influencer è una persona che riesce a muovere qualcosa dentro ad altre persone convincendole a pensare ciò che vogliono. Non è facile perché ci vuole tempo e dedizione, cose che in molti non hanno“.

Il 38% ha invece risposto correttamente.


Matteo Bonanni

author-publish-post-icon
Musicista di professione e malato di tecnologia per indole, mischio sempre musica e tecnologia senza soluzione di continuità perché mi piace circondarmi di cianfrusaglie tecnologiche mentre faccio tutto il resto!
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link