fbpx
News

Class action contro Apple: la garanzia di iPhone non copre la resistenza all’acqua

La garanzia di iPhone non copre i danni causati dell’acqua e così a New York parte la class action. A guidarla è Antoinette Smith, che ha deciso di fare causa ad Apple dopo che l’assistenza le ha negato la riparazione gratuita di un iPhone 8 venuto a contatto con l’acqua. Ma ha davvero ragione? Cerchiamo di capire cos’è successo.

La garanzia di iPhone e i danni causati dall’acqua

Tutto parte da un non specificato incidente che vede protagonista l’iPhone 8 di Antoinette Smith, cittadina americana residente a New York, nel Bronx. Il suo smartphone pare essere entrato in contatto con l’acqua in una situazione che rientra perfettamente all’interno della certificazione IP67 che prevede la resistenza a questo liquido per immersioni fino ad un metro di profondità. La Smith si è quindi recata in un Apple Store e ha richiesto la riparazione in garanzia del suo iPhone, riparazione che però è stata negata da Apple.

la garanzia di iPhone non copre i danni causati dall'acqua

A questo punto è scattata la causa legale, che pare coinvolgere tutti coloro che hanno acquistato un iPhone e che risiedono nello stato di New York. La motivazione? La violazione del New York General Business Law’s Consumer Protection Statute. Insomma, pubblicità ingannevole e violazione dei diritti dei consumatori.

La querelante infatti sostiene che Apple da anni pubblicizza i suoi prodotti come resistenti all’acqua, cosa che stando alla sua esperienza non sembra essere vera. In più la “resistenza” viene certificata in laboratorio e in condizioni sicure, con un acqua che non rispecchia quella con cui viene effettivamente a contatto l’utente, che sia quella del rubinetto a casa o quella della piscina o, ancora, quella di mari e oceani. A tutto questo aggiungete il fatto che la garanzia non copre dichiaratamente i danni causati dall’acqua pur vantando la certificazione IP e avete il contenuto delle 13 pagine presentate dall’avvocato della Smith in tribunale.
Ad accompagnarle naturalmente c’è una richiesta: Apple deve modificare la sua campagna di marketing per fare in modo che rispecchi la realtà, deve risarcire i querelanti coinvolti nella class action e pagare le spese legali.

Antoinette Smith non è la prima

In realtà la class action americana non ci stupisce molto. A novembre infatti l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato aveva multato Cupertino con una sanzione da 10 milioni di euro. Due le motivazioni:

  • nei diversi messaggi pubblicitari non erano specificate le precise condizioni in cui iPhone resiste a questo liquido;
  • la garanzia non copriva i danni provocati dai liquidi.

Insomma, la situazione è davvero la stessa, con molti altri utenti a cui è stata negata la riparazione in garanzia di iPhone, dall’8 all’11 Pro Max. Ora non ci resta che capire come si comporteranno negli Stati Uniti.

Bestseller No. 1
Novità Apple iPhone 12 (128GB) - Azzurro
  • Display Super Retina XDR da 6,1"
  • Ceramic Shield, più duro di qualsiasi vetro per smartphone
  • 5G per download velocissimi e streaming ad alta qualità
Bestseller No. 2
Apple iPhone 11 (128GB) - nero
  • Come parte dei nostri sforzi per raggiungere i nostri obiettivi ambientali, iPhone 11 non include più un alimentatore o...
  • Display Liquid Retina HD da 6,1" (LCD)
  • Resistente alla polvere e all’acqua (2 metri fino a 30 minuti, IP68)
Source
Apple Insider

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button