fbpx
Casa Intelligente - ElettrodomesticiTech

Combattere caldo e inquinamento: i nuovi purificatori Dyson

Con il nuovo purificatore d’aria targato Dyson sarà possibile combattere caldo e inquinamento durante l’estate. Il dispositivo è dotato di una nuova tecnologia di rilevamento e distruzione di inquinanti potenzialmente pericolosi nell’ambiente indoor.

Dyson Purifier Formaldehyde per combattere caldo e inquinamento

La nuova gamma di purificatori Dyson Purifier Formaldehyde nasce con lo scopo di combattere caldo e inquinamento. I dispositivi sono dotati di sensore di rilevamento della formaldeide allo stato solido. Inoltre il sistema di filtrazione HEPA 13 completamente sigillato assicura un ambiente domestico più pulito. La formaldeide è un gas  inquinante incolore, rilasciato da mobili e altri oggetti in legno che contengono resine a base di  formaldeide. Essendo 500 volte più piccola delle particelle  delle dimensioni di 0,1 micron, la formaldeide è particolarmente difficile da catturare. Inoltre, se non rilevata, questa può portare ad un fenomeno noto come degassamento, conseguenza di un’esposizione prolungata alla sostanza.

Gli altri sensori di formaldeide a base di gel possono deteriorarsi nel tempo e rilevare erroneamente altri  inquinanti COV. Il nuovo sensore Dyson di formaldeide allo stato solido lavora insieme all’algoritmo unico  di Dyson per monitorare selettivamente i livelli di formaldeide, ignorando in modo intelligente altri gas che  sono rilevati da un sensore COV dedicato.

In merito al problema, Alex Knox, Vicepresidente della categoria Environmental Care di Dyson afferma: 

“La tendenza della formaldeide al degassamento fa sì che possa passare inosservata in una casa per anni.  Dyson ha progettato un dispositivo che rileva, cattura e distrugge selettivamente questo inquinante. Il  nostro sensore allo stato solido non si esaurisce nel tempo, ma si mantiene per tutta la durata della vita del  dispositivo. La pandemia da Covid-19 ci ha resi più consapevoli a livello globale circa l’aria che respiriamo  e l’impegno di Dyson per fornire aria più pulita attraverso l’innovazione e la tecnologia rimane al centro  della nostra mission.”  

Inquinamento indoor: i rischi invisibili ad occhio nudo

Ogni giorno gli esseri umani respirano fino a 9.000 litri di aria e, anche prima del 2020, passavano fino al 90% del loro tempo in ambienti chiusi. Per questa ragione, la qualità dell’aria che respiriamo in ogni momento della nostra quotidianità non è un elemento trascurabile. Esistono una serie di fonti di inquinamento interno che rilasciano nell’aria inquinanti come PM10, PM2.5,  COV, NO2 e formaldeide. In ogni momento della nostra vita quotidiana sono presenti fonti di  inquinamento, sia che si tratti di PM2.5 emesso mentre cuciniamo, o di COV emessi dai prodotti per la  pulizia della casa. Con l’instancabile obiettivo di un costante miglioramento, la nuova gamma di purificatori Dyson Formaldehyde racchiude la  più recente tecnologia nelle tre seguenti aree: rilevamento, filtrazione e acustica. 

Lo sforzo degli ingegneri Dyson per combattere caldo e inquinamento

Lintegrazione di un sensore intelligente di formaldeide assicura un rilevamento selettivo dell’inquinante per tutta la vita del dispositivo. Esistono sensori di formaldeide a base di gel, che possono deteriorarsi  gradualmente seccandosi con il passare del tempo. Grazie a una cella elettrochimica, il sensore di formaldeide Dyson non si secca e il suo algoritmo unico e intelligente controlla i dati ogni secondo. Questo permette di rilevare selettivamente la formaldeide per non confonderla con altri COV. 

Il sistema di filtrazione HEPA H13

Sistema di filtrazione HEPA H13 completamente sigillato cattura il virus H1N1 e il 99,95% delle particelle fino a 0,1 micron. Particelle di queste dimensioni comprendono allergeni, batteri, pollini e spore di muffa. Gli ingegneri Dyson hanno adottato un approccio forense per ottenere un dispositivo  completamente sigillato. Hanno infatti creato guarnizioni ad alta pressione per evitare che l’aria sporca fuoriesca dai filtri e riporti le sostanze inquinanti nella stanza.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button