fbpx

Cooler Master ci aveva già stupito positivamente con suo primo Ergostand: era comodo, preveniva il surriscaldamento del laptop ed era piuttosto silenzioso. Insomma, il primo genito di questo prodotto di successo aveva già tutte le caratteristiche per distinguersi, ma l'azienda taiwanese ha deciso di continuare a migliorare il dispositivo per poter raggiungere la perfezione, perfezione che sembra essere stata raggiunta da Notepal Ergostand III. Siete scettici? Proviamo a convincervi in 5 parole.

Millepiedi

Non importa quando robusto sia lo stand, ci sarà sempre una parte più debole delle altre e quella parte sono i supporti anti-scivolamento.

Nella prima versione di questo prodotto questi supporti dovevano essere inseriti manualmente all'interno dell'apposito alloggiamento. L'operazione di per sé non era affatto complicata, visto che si trattava di agganciarli in modo che fossero abbastanza stretti da reggere il vostro laptop, ma nonostante ciò questo sistema portava con sé due difetti macroscopici: la fragilità e la dimensione. Il semplice aggancio, per  quanto ben studiato, aumentava la possibilità che si rompessero e staccassero una volta sottoposti ad un peso maggiore del previsto, senza contare che durante eventuali spostamenti era facile riuscire ad urtarli con risultati catastrofici. Per sopperire a questa mancanza Cooler Master puntò all'epoca su supporti davvero enormi, tanto da risultare scomodi durante la scrittura, soprattutto se il vostro portatile è piuttosto sottile.

La soluzione ideata per Ergostand III è indubbiamente più convincente. Questa volta i supporti hanno un aggancio laterale invece che frontale e l'alloggiamento è ribassato rispetto al resto della superficie per garantire una resistenza maggiore. Tutto questo senza perdere una delle caratteristiche più importanti: la possibilità di spostarli per consentire allo stand di reggere anche i tablet oltre ai notebook.

Cooler Master Ergostand 3 supporti

Ninja

Ergostand III è esattamente come un ninja: non lo sentite.

Non importa a che velocità stia andando, anche nel cuore della notte, nel silenzio più totale, non vi accorgerete che lo stand di Cooler Master è acceso e sta lavorando per voi e per il benessere del vostro portatile. Niente rumori fastidiosi quindi (si parla di un massimo di 21 dB), ma anche niente vibrazioni ed un consumo energetico ridotto al minimo così da non pesare troppo sulla batteria del portatili.

(Pulizie di) Primavera

Il merito della silenziosità di questo stand però non possiamo darlo interamente alla tecnologia di Cooler Master. Uno dei fattori chiave infatti è la possibilità di accedere direttamente alla ventola.

Avete presente la griglia su cui appoggia lo stand? Può essere facilmente rimossa per permettervi di mettere mano alla ventola e pulirla occasionalmente per evitare che la polvere pregiudichi il suo normale funzionamento.

Ovviamente questa comodità, assente nel primo modello, non è stata aggiunta a testimonianza della continua manutenzione che richiede questo dispositivo. In realtà infatti l'Ergostand III integra il Loop Dynamic Bearing (LDB) che permette alla ventola di auto-lubrificarsi per resistere maggiormente alla polvere garantendone il funzionamento per un totale di 160.000 ore. Insomma, il lavoro sporco  -è proprio il caso di dirlo- lo farà il dispositivo in totale autonomia, ma voi siete liberi di dargli un mano.

Cooler Master Ergostand 3 accesso ventola pulizia

Controllo

La parola d'ordine nella progettazione di Cooler Master Ergostand III deve essere stata questa: controllo. Controllo perché tutto è stato posizionato esattamente dove risulta più comodo per gli utilizzatori, controllo perché non c'è niente che venga lasciato al caso.

Partiamo dallo stand. La terza generazione porta con sé 6 regolazioni per permettervi di tenere il portatile all'altezza che più si confà alle vostre esigenze; non mancano poi le classiche 4 porte USB, che compensano ampiamente l'ingresso USB del vostro portatile che Ergostand III dovrà usare per poter funzionare, e che questa volta sono state posizione sul retro invece sul lato, il che le rende comodamente accessibili indipendentemente dall'altezza che avete scelto per lo stand.

Nuove porte USB implicano nuovi cavi pronti ad occupare spazio sulla scrivania. Un problema? A dire il vero no visto che il prodotto ha sul lato sinistro una griglia dove incastrare i vari cavi per fare in modo che sia saldamente ancorati e tutti in ordine rigoroso.

Ultima ma non meno importante novità è la nuova rotella per il controllo della ventola. Realizzata in alluminio, la nuova ghiera permette di accendere e spendere la ventola oltre che di regolarne la velocità, ma la novità più importante non è questa. A sorprenderci è stata la posizione. Invece di essere nascosta su un lato, la ghiera è posta sulla parte superiore, in alto a sinistra, in modo da essere raggiunta facilmente.

Comunismo

cooler Master ergostand gestione cavi

Ce n'è per tutti. Di cosa? Ovviamente di aria!

Ergostand III monta infatti una nuova ventola, migliorata nel design in modo che possa fornire una dissipazione migliore. La nuova ventola generare così un flusso d'aria che non è più concentrato sulla parte superiore e inferiore dello stand e, di conseguenza, del laptop, ma è equamente distribuito su ogni lato in modo che a beneficiarne sia tutta la superficie, con risultati benefici sulle performance del computer portatile.

Insomma, in Ergostand III niente è stato lasciato al caso e alla fine non potrete che innamorarvene.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.