fbpx
MotoriNews

Coronavirus, la Scuderia Ferrari ferma le attività per tre settimane

La FIA ha annunciato alla fine della giornata di ieri che la pausa estiva dalla Formula 1 era stata anticipata tra il mese di marzo e quello aprile, a causa dell’emergenza coronavirus che sta colpendo tutto il mondo. Inoltre, le scuderie sono state costrette a chiudere le loro fabbriche per tre settimane anziché due come sarebbe avvenuto nella pausa estiva. A questo annuncio, ovviamente, non si è sottratta anche la Scuderia Ferrari che ha deciso nella giornata odierna di iniziare la sua pausa di tre settimane obbligatoria. Lo stabilimento di Maranello era già stato chiuso diversi giorni prima, con i dipendenti autorizzati al telelavoro.

Il comunicato di Scuderia Ferrari

“La  Scuderia Ferrari, che, come milioni di persone in Italia e nel mondo, sta affrontando la pandemia di coronavirus, sostiene pienamente la decisione presa dalla FIA e dalla Formula 1 di far avanzare il tradizionale periodo di pausa estiva” ha commentato la Scuderia Ferrari in un comunicato stampa.

La Scuderia Ferrari si fermerà questo giovedì 19 marzo e questo durerà fino a giovedì 8 aprile. La priorità del team – continua il comunicato stampa –  è sempre stata la sicurezza dei suoi dipendenti e delle loro famiglie. Per questo motivo, le attività dell’azienda a Maranello erano già state sospese da diversi giorni, adottando, se possibile, un sistema di telelavoro. Siamo spiacenti, come i nostri sostenitori, di non essere in pista come facciamo da oltre 70 anni. Ma di fronte a un evento di tale portata, la conformità con le indicazioni delle autorità e la limitazione di tutti i tipi di attività è essenziale per contenere con successo il virus nel modo più efficace possibile“.

Red Bull da parte sua ha annunciato che il suo stabilimento sarà chiuso dal 27 marzo, Alfa Romeo chiuderà il 23 marzo mentre Haas ha scelto di allinearsi con la Ferrari, chiudendo oggi la sua fabbrica.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button