fbpx
All'apertoLifestyleTech

Facebook si impegna a diventare più green entro il 2030

L'azienda tecnologica mira a ripristinare più acqua di quella che consuma, mentre compete per soddisfare gli obiettivi verdi

Facebook ha annunciato l’intenzione di diventare “acqua positiva” entro il 2030, ripristinando più acqua di quella che l’azienda consuma a livello globale. Ecco tutti i dettagli.

Facebook verso il green: più “acqua positiva” entro il 2030

L’azienda sta facendo qualche passo in avanti verso l’essere più green insieme ai più grandi esponenti tecnologici del mondo che si stanno impegnando per essere i primi a raggiungere la neutralità del carbonio.

“Facebook ha sempre cercato di gestire responsabilmente l’uso delle risorse idriche nelle comunità in cui opera”, ha detto Sylvia Lee, responsabile della sostenibilità idrica di Facebook. “Seguiamo una strategia di gestione dell’acqua che si concentra sull’approvvigionamento responsabile dell’acqua. Ci concentriamo anche sull’efficienza idrica nelle nostre strutture e operazioni e sull’investimento in progetti critici di ripristino dell’acqua negli stessi bacini idrici in cui si trovano le nostre strutture. Ora stiamo andando ancora oltre e ci stiamo impegnando ad essere positivi per l’acqua entro il 2030, il che significa che ripristineremo più acqua di quanta ne consumiamo.”

Come molte aziende tecnologiche, l’uso di acqua di Facebook è sostanziale, principalmente a causa del suo ruolo nel raffreddamento dei datacenter. Solo un centro dati di Facebook ad Albuquerque negli Stati Uniti, per esempio, ha accesso a più di 0,5 miliardi di litri di diritti d’acqua all’anno. Questo ha causato conflitti con le aziende agricole locali e le imprese che temono che un’espansione potrebbe danneggiare la loro capacità di operare.

Facebook ha rivelato di aver già iniziato a lavorare per ridurre quel carico sviluppando nuove tecnologie per il raffreddamento e l’umidificazione dei data center. Queste hanno aumentato la loro efficienza idrica dell’80% “rispetto allo standard del settore”.

Tuttavia la nuova spinta per la positività dell’acqua coinvolgerà l’azienda a lavorare anche su progetti di ripristino dell’acqua in aree soggette a stress idrico.

L’obiettivo dell’azienda tecnologica

L’organizzazione ha detto di aver già investito in progetti che reintegrano più di 850 milioni di galloni di acqua all’anno in sei stati americani. Ha in programma di estendere il lavoro a Irlanda, Singapore, India, Regno Unito e Messico in futuro.

“L’obiettivo idrico di Facebook rappresenta la pratica leader per gli obiettivi idrici operativi”, ha detto il World Resources Institute. “Più aziende e industrie devono seguire questo esempio e fissare obiettivi lungimiranti per essere resilienti in un futuro sempre più incerto”.

Questo arriva dopo che Facebook ha annunciato di aver raggiunto con successo le emissioni nette zero in aprile, aprendo la strada per raggiungere un ulteriore obiettivo di emissioni nette zero in tutta la sua catena di approvvigionamento entro il 2030.

Questo tipo di obiettivo ambizioso sta rapidamente diventando la norma nel settore. Apple, ad esempio, si è impegnata per raggiungere un obiettivo di neutralità del carbonio per se stessa, i suoi fornitori e anche l’elettricità utilizzata per alimentare i suoi prodotti nelle case degli utenti entro il 2030. L’anno scorso, invece, Microsoft ha annunciato di voler rimuovere tutto il carbonio che ha emesso entro il 2050.

Source
The Guardian

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button