fbpx
NewsTech

Il Galaxy S22 Ultra avrà un display quasi piatto

Samsung dice addio (o quasi) allo schermo curvo

Sebbene Samsung sia stata la prima a rilasciare schermi curvi anni fa, ora la compagnia sembrerebbe intenzionata a ridurre lentamente al minimo la curvatura dei suoi telefoni di punta. Secondo alcune anticipazioni rilasciate dal leaker Ice Universe, infatti, il Galaxy S22 Ultra avrà una curvatura del display davvero ridotta. E nonostante questa abbia rappresentato per anni un tratto distintivo di Samsung, lo smartphone potrebbe arrivare sul mercato con display piatto e bordo verticale. Proprio come il nuovo iPhone di Apple.

Galaxy S22 Ultra: il display avrà una curvatura ridotta

Il display del Galaxy S22 Ultra non avrà più la curvatura a cui ci ha abituati Samsung. Ed anzi questa sarà ridotta al minimo. A rivelarlo è il leaker Ice Universe, che riferisce che la curvatura del nuovo smartphone dovrebbe essere più piccola di quella del Galaxy Note20 Ultra, e forse più simile a quella del Galaxy Note10+. Insomma, addio allo schermo curvo, o almeno così pare. D’altronde, già in passato Ice Universe aveva rivelato che Samsung avrebbe abbandonato la curvatura del display per passare allo schermo piatto in perfetto stile Apple.

Ed ora quel momento sembra essere finalmente arrivato. Anche se questa rivelazione stride fortemente con il leak rilasciato da un ex impiegato di Samsung, secondo cui lo schermo del Galaxy S22 Ultra conserverebbe ancora una leggera curvatura. Così pure come i modelli S22 e S22+, che tenderanno ad avere uno schermo piatto, ma pur sempre dotato di una curvatura minima. Quello che sembra essere certo è che la serie S22 avrà un display più corto e più largo rispetto alla precedente linea S21. Ma si tratta solo di supposizioni. Nulla più. Ma quello che sembra essere chiaro è che Samsung stia lentamente abbandonando lo schermo curvo. Vedremo.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button