fbpx
NewsTech

Cosa aspettarsi dalla conferenza Google I/O 2021

Dalle novità di Android 12 a possibili lanci di cuffie, smartphone e forse persino smart watch

Domani 18 maggio inizia la conferenza Google I/O 2021, che riunisce tutti gli sviluppatori Android e dei vari prodotti Google. E che gli appassionati di tecnologia non possono assolutamente perdersi. Ma come funziona questo evento e cosa aspettarsi? Ecco tutto quello che dovete sapere, comprese le possibili novità di Android 12 e dei prodotti Google in arrivo.

Cosa aspettarsi dalla conferenza Google I/O 2021

L’anno scorso Google ha annullato la conferenza I/O del tutto. Gli annunci dei nuovi prodotti si sono tenuti per un anno in streaming, con conferenze per i giornalisti su Meet e video di presentazione su YouTube: a Google non mancano certo i mezzi per tenere eventi anche a distanza. Anche quest’evento, per precauzione, avverrà solamente online.

Il CEO Sundar Pichai ha annunciato che ci saranno alcuni importanti annunci e update di prodotti. E a giudicare dalle indiscrezioni trapelate in questi giorni, sono davvero interessanti. Andiamo ad anticipare alcune delle novità in arrivo, sapendo che i cambi di piani in questi eventi possono avvenire anche all’ultimo minuto: per avere la certezza di queste uscita, doppiamo aspettare.

Google I/O 2021: le novità software, da Android 12 a WearOS

android 12 novità in arrivo

L’azienda di Mountain View ha già rilasciato tre Developer Preview del nuovo sistema operativo per smartphone, quindi conosciamo già molti dettagli di Android 12. La più grande novità in arrivo riguarda l’uso delle password, che Google vuole rendere più semplice e al tempo stesso più sicuro. Da poco ha annunciato che chiederà l’autentificazione in due step invece della password per l’accesso al proprio account Google. Ma anche per le password WiFi ci sono novità come la condivisione con QR Code.

Inoltre ci sono molte nuove funzioni in arrivo grazie al machine learning, che permettono di utilizzare meglio le gesture, gestire la rotazione automatica in maniera intelligente e molto altro. Vi abbiamo già parlato di molte di queste novità, ma ci aspettiamo che Google sveli qualche chicca che sarà implementata da qui all’uscita ufficiale prevista per ottobre.

Inoltre dovrebbero arrivare nuove funzioni per l’Assistente Google, per potenziare le funzioni dell’assistente vocale (si pensa soprattutto per il monitoraggio della salute e dell’attività fisica). Anche WearOS dovrebbe ricevere parecchi miglioramenti, il più evidente dovrebbe essere il supporto della tastiera Gboard per scrivere sul piccolo schermo. Dopo l’acquisizione di Fitbit Google vuole puntare sul proprio sistema operativo per smart watch e potremo vedere i primi risultati.

Hardware: Pixel Buds A e forse il primo smart watch Pixel?

Un’altra novità che gli utenti aspettano da molto è l’arrivo di uno smart watch targato Google per competere con Apple Watch. Pixel Watch dovrebbe servire per mostrare tutte le possibilità di WearOS e sembra che Google ci stia lavorando con la stessa attenzione che riserva agli smartphone. Tuttavia le possibilità che sia annunciato al Google I/O 2021 sono scarse, invece della conferenza dovrebbe avere un evento tutto suo. Ma l’azienda potrebbe sorprenderci.

pixel watch google

Potrebbero invece arrivare le Google Pixel Buds A. Se funziona come per gli smartphone, il suffisso A dovrebbe significare un calo di prezzo rispetto al modello standard da 179 euro. Il che porterebbe gli auricolari wireless di Google ha competere nella fascia di prezzo sotto i 150 euro, dove la concorrenza è davvero interessante. 

Meno probabile invece l’annuncio di Pixel 5a: l’anno scorso abbiamo visto che il modello meno costoso dello smartphone targato Google non è arrivato al Google I/O come ci saremmo aspettati, ma insieme al top di gamma a ottobre. Sembra che questa sia una dinamica che Google voglia proseguire e che quindi vedremo lo smartphone quest’autunno.

Il programma dell’evento

La conferenza Google I/O storicamente è molto di più di un evento di presentazione prodotti e funzionalità. Serve più agli sviluppatori del ricchissimo ecosistema Android, Chrome OS e di tutti gli altri prodotti software dell’azienda. Quindi ha un programma che si sviluppa su tre giorni, da martedì 18 maggio al 20.

android 12 novità più interessanti

Noi ci impegneremo a coprire tutte le notizie davvero interessanti dell’evento, ma i programmatori e chiunque voglia approfondire (e abbia le competenze informatiche per farlo) può seguire il programma intero (in lingua inglese):

Martedì 18 maggio

  • Novità di Android (1:30PM PDT/4:30PM EDT, le 22.30 in Italia)
  • What’s new in Google Play (2:00PM PDT/5:00PM EDT, le 23 in Italia)
  • Novità per la web platform (2:15PM PDT/5:15PM EDT, le 23.15 in Italia)

Mercoledì 19 maggio

  • Progressing Progressive Web Apps (8:00AM PDT/11:00AM EDT, le 17 in Italia)
  • What’s new in machine learning (9:00AM PDT/12:00PM EDT, le 18 in Italia)
  • Novità di Google Assistant (9:45AM PDT/12:45PM EDT, le 18.45 in Italia)
  • What’s new in Material Design (10:15AM PDT/1:15PM EDT, le 19.15 italiane)
  • Novità di ChromeOS (10:45AM PDT/1:45PM EDT, le 19.45 italiane)
  • What’s new in Android Accessibility (12:00PM PDT/3:00PM EDT, le 21 italiane)
  • What’s new in Google Pay (2:15PM PDT/5:15PM EDT, 23.15 nel nostro Paese)
  • New capabilities in ARCore (3:15PM PDT/6:15PM EDT, 00.15 del 20 maggio in Italia)
  • What’s new in smart home (4:15PM PDT/7:15PM EDT, l’1 di notte in Italia)

Giovedì 20 maggio

  • Live chat with Android Developers (4:00AM PDT/7:00AM EDT, le 13 italiane)
  • Project Fugu and you (9:00AM PDT/12:00PM EDT, le 18 italiane)
  • Building trusted AI products (9:00AM PDT/12:00PM EDT, le 18 italiane)

Seguendo questo programma, potrete scoprire tutti i dettagli della conferenza, fino all’ultima riga di codice. Potete farlo a questo indirizzo. Noi vi terremo aggiornati per le notizie più importanti.

OffertaBestseller No. 1
Google Pixel 4a 14,7 cm (5.8") 6 GB 128 GB 4G USB Tipo-C...
  • Type: Smartphone
  • - 2G Network: GSM 850 / 900 / 1800 / 1900
  • - 3G Network: HSDPA 850 / 900 / 1700(AWS) / 1900 / 2100
Source
Engadget

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button