fbpx

Se vivere con un auto elettrica in città è ormai più che fattibile, grazie all’autonomia ormai più che sufficiente a coprire una giornata, per viaggi leggermente fuori porta esiste ancora il problema di dover programmare in anticipo il percorso facendo attenzione a dove sono presenti delle colonnine di ricarica. In soccorso agli automobilisti elettrici, quindi, Google Maps implementerà una nuova funzione che, oltre a mostrare i vari punti di ricarica (già presenti sulla mappa), indicherà quali sono le stazioni di ricarica compatibili con la nostra auto.

Le stazioni di ricarica su Google Maps

La compatibilità della ricarica è un fattore molto importante quando si parla di auto elettriche: se infatti, con un adattatore di qualche tipo è possibile arrangiarsi, può capitare a volte di scordarselo o di voler comunque preferire l’attacco ‘nativo’, magari capace di una ricarica più veloce.

Ora, su Google Maps per Android (non sappiamo ancora quando arriverà su iOS, ma è probabile che non dovremo attendere molto) sarà presto possibile, nelle impostazioni “Veicolo Elettricofiltrare le stazioni di ricarica cercando solo quelle con un certo tipo di attacco.

Questo tipo di funzionalità era comunque già presente nelle app dedicate proprio alla ricerca di colonnine e stazioni di ricarica. L’implementazione su Google Maps, però, la renderà disponibile ad un pubblico più vasto e la integrerà con gli algoritmi di ricerca del percorso migliore dell’azienda di Palo Alto.

[amazon_link asins=’B07TSCTG2F,B07S2R48FT,B019GJLER8′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c7d3b97c-9acb-434f-a8a6-c5b779ac0675′]


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
1
Wow
WTF WTF
0
WTF
Giovanni Natalini

author-publish-post-icon
Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.