fbpx
FeaturedNewsTech

Huawei e l’umanità dell’Intelligenza Artificiale: ecco The Frequency of Love

Scopriamo l'interessante progetto sperimentale che ha visto la collaborazione di WWF Italia.

The Frequency of Love è il titolo dato da Huawei al progetto sperimentale che mira dimostrare la potenza dell’Intelligenza Artificiale, e ad evidenziare l’aspetto umano di questa tecnologia emergente. Scopo dell’iniziativa è infatti quello di creare una connessione tra uomo, tecnologia e natura. In che modo? Utilizzando il linguaggio universale della musica.

In tale occasione abbiamo visto protagonista Huawei Mate 20 Pro e il suo processore Kirin 980, dotato di doppia intelligenza artificiale. Il chip è stato così in grado di trasformare il canto d’amore delle megateri – tra i cetacei più maestosi del mondo – in un’incantevole melodia comprensibile all’orecchio umano. Scopriamo com’è stato possibile raggiungere questo stupefacente traguardo.

The Frequency of Love: l’IA al servizio delle emozioni

huawei mate 20 pro frequency of love

“The Frequency of Love è un incontro sonoro tra tecnologia e natura, una storia di connessione affascinante e unica, resa possibile grazie al nostro processore con doppia intelligenza artificiale Kirin 980, che permette al Mate 20 Pro di trasformare i canti delle megattere in una melodia. Crediamo che ogni storia d’amore meriti di essere raccontata e la potenza e la straordinarietà di questa tecnologia lo hanno reso possibile”.

Sono le parole di Isabella Lazzini, Marketing & Retail Director Consumer Business Group Huawei Italia. Il progetto non ha solo dimostrato come la tecnologia legata all’Intelligenza Artificiale sia in grado di elevare il potenziale di ciascun individuo – permettendogli di raggiungere obiettivi altrimenti considerati irraggiungibili – ma ha permesso allo spirito pionieristico del colosso cinese di raggiungere una nuova e più umana dimensione.

Per la prima volta, l’Intelligenza Artificiale è stata così posta al servizio delle ‘emozioni’, riuscendo persino ad aiutare l’uomo ad entrare in connessione con altri mondi, lontani e, tuttavia, affini. Il tutto è stato reso possibile da questa sperimentazione, che ha trovato la partecipazione di un’equipe di sviluppatori con una lunga esperienza nell’ambito dell’IA e la collaborazione scientifica del WWF Italia.

In questo modo Huawei ha potuto insegnare all’IA del suo Mate 2 Pro a riconoscere le frequenze dei vocalizzi delle megateri durante la fase del corteggiamento e a collegarle ad una progressione armonica, dopo aver riconosciuto i toni e la loro posizione all’interno del canto. Come risultato, i canti d’amore dei cetacei – di norma non comprensibili all’orecchio umano – sono diventati vere e proprie canzoni con note, strofe e motivi, con una loro frequenza e durata.

huawei mate 20 pro frequency of love

L’applicazione di Huawei che rende possibile la trasformazione del verso della megattera in suono opera in tre differenti passaggi:

  1. L’app registra il canto e l’Intelligenza Artificiale identifica i singoli versi degli animali
  2. Il singolo verso viene collegato automaticamente a una progressione armonica che rispecchia, per ritmo, il canto della megattera
  3. Il sistema crea e riproduce una melodia ispirata al canto originale del cetaceo

The Frequency of Love: il supporto di WWF Italia

huawei mate 20 pro frequency of love

Come anticipatovi, partner del progetto è stato WWF Italia, sezione italiana dell’organizzazione che da più di 50 anni si occupa di conservazione di specie e habitat.

WWF ha così supportato Huawei mettendo a disposizione i propri esperti e le proprie conoscenze in merito al mondo del mare e, in particolare, dei cetacei, fornendo tutte le informazioni necessarie inerenti alle megattere. Di quest’ambiziosa partnership ci parlerà Benedetta Flammini, Direttore Marketing e Comunicazione di WWF Italia:

“Il progetto che ci ha proposto Huawei ci ha subito colpito. Per il WWF è fondamentale trasmettere a più persone possibile la bellezza e l’unicità delle specie che proteggiamo ogni giorno perché quello che rende possibile il nostro lavoro di conservazione è anche la capacità di fare innamorare il grande pubblico di animali e luoghi straordinari e fragili che devono essere protetti.

In questo caso ci ha intrigato molto farlo attraverso la tecnologia e il modo in cui può essere usata per trasmettere emozioni”.

The Frequency of Love non è solo una sorprendente dimostrazione delle potenzialità dell’Intelligenza Artificiale. L’esperimento offre anche un’originale opportunità per avvicinare le persone al mondo dei cetacei: WWF ci parla allora dell’area marina protetta conosciuta come Santuario Pelagos, istituita a difesa dei cetacei grazie ad un accordo firmato da Italia, Francia e Principato di Monaco.

Con tale iniziativa, Huawei ha scelto di sostenere l’impegno del WWF Italia per salvaguardare i cetacei del Santuario Pelagos. Chiunque può contribuire partecipando alla raccolta fondi a favore del WWF, visitando wwf.it/balena.

Tags

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker