fbpx

La vita nella Grande Mela è molto costosa, ma non di rado possiamo imbatterci in musei o eventi totalmente gratuiti e meritevoli di interesse.
Uno di questi luoghi è il Sony Wonder Technology Lab, che si trova a Midtown Manhattan, al 55o della Madison Avenue (vicinissimo al MoMa).

Il Sony Wonder Technology Lab – aperto nel 1994 ed è gestito da Sony Corporation of America – è uno di quei luoghi che solitamene non vengono presi di mira in massa dai turisti, ma che i locals conoscono invece molto bene. Vi basti pensare che, durante la mia visita, erano presenti ben 3 scolaresche newyorkesi: il museo si adatta infatti perfettamente alle esigenze d'intrattenimento, educative e didattiche imposte dalle nuove tecnologie.

Il Lab ospita al suo interno mostre riguardanti la comunicazione tecnologica, offrendo ai visitatori la possibilità di imparare la storia e il funzionamento di dispositivi elettronici e digitali vecchi e nuovi. Inoltre sono presenti varie mostre interattive pensate su misura per i ragazzi, focalizzate su musica, film e videogiochi.

Appena entriamo nel primo dei quattro piani del Lab, ci viene consegnata una speciale card di riconoscimento, nella quale inserire i nostri dati e attraverso cui fare il "Login" per interagire con ogni attrazione presente nel museo. Da ora ha inizio la nostra avventura.

Una delle prime attrazioni che incontriamo è la Robot Zone, un'arena contenente sei robot colorati dotati di sensori touch e luci che permettono di determinare come questi si comportino nelle diverse situazioni. Ovviamente possiamo prendere il controllo del nostro robot e farlo interagire con quelli degli altri visitatori.

Subito dopo incontriamo la zona riservata alle tecnologie aptiche: attraverso un controller tattile, qui potremo sperimentare le sensazioni fisiche associate ai vari strumenti e alle diverse procedure, eseguendo un intervento chirurgico a cuore aperto su un paziente virtuale. Ovviamente dovremo cercare di essere i più precisi possibile.

Sony Wonder Technology Lab

All'interno dell'Animation Studio potremo invece imparare a conoscere i principi fondamentali e le tecniche di animazione 3D, della produzione cinematografica e del montaggio digitale. Come prima cosa andremo a creare un nostro personaggio personalizzato, modificandone l’aspetto, il movimento e le espressioni facciali in risposta ad una trama. Dopodichè, potremo inserirlo in un'ambientazione, manipolando effetti visivi, sonori e composit finali.

La zona dedicata alla Dance Motion Capture è probabilmente una delle più divertenti: potremo vedere infatti i nostri passi di danza eseguiti in tempo reale da personaggi Sony, in una dinamica esperienza di motion capture markerless. Ciò permetterà ai ragazzi di capire come questa tecnica venga utilizzata oggi per rendere realistici i personaggi di molti film e videogiochi.

Entrando nella stanza del Music Mixer, intraprenderemo un viaggio nella musica accompagnati dalla cantante Alicia Keys (o meglio, dal suo ologramma), che, attraverso una sua canzone, ci insegnerà a manipolare digitalmente una serie di tracce audio su un tavolo interattivo. Il nostro compito sarà quello di lavorare in sinergia con gli altri visitatori per creare un intero nuovo mix della canzone, imparando a conoscere le caratteristiche dei diversi strumenti musicali.

Prima di lasciare il Sony Wonder Technology Lab, come ultima installazione incontreremo la Interactive Sand, un'esperienza multisensoriale interattiva che mostra come l’arte e la tecnologia si fondano perfettamente ed armoniosamente all'interno del mondo digitale. Questa proiezione mostra una cascata di sabbia colorata, ovviamente virtuale, che reagisce alle ombre dei movimenti del visitatore proiettate sul muro davanti alla proiezione stessa.

Insomma, se passate a New York questa è praticamente una tappa obbligatoria, anche perché il divertimento è garantito, soprattutto se siete amanti delle nuove tecnologie.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Marina Belli

author-publish-post-icon
Molti tatuaggi e una laurea magistrale in Informatica Umanistica. Dopo un anno e mezzo di dottorato di ricerca in Interazione e Ambienti Virtuali sono scappata a New York. Una volta tornata, ho iniziato ad occuparmi a tempo pieno di web e social media. Toglietemi tutto ma non i miei libri e il mio gatto.