MotoriNews

Kia Camp: il progetto di Kia per promuovere il Fair Play e l’integrazione

Una Kia Carens, la collaborazione dell'AIC (Associazione Italiana Calciatori) e una marea di bambini tra i 7 e i 13 anni. Stiamo parlando del Kia Camp, il progetto educativo lanciato lo scorso anno dalla casa automobilistica coreana che ha deciso di sfruttare lo sport più popolare della penisola per diffondere valori positivi.

Un progetto di grande successo – afferma Giuseppe Bitti, Amministratore Delegato di Kia Motors Company Italia – che vede Kia impegnata in prima linea a favore di tutto quanto di positivo può derivare dallo sport. I risultati dei Kia Camp nella stagione 2013/2014 sono stati eccellenti; parliamo di circa 1000 bambini coinvolti e di un livello di entusiasmo che ci ha portato a ritenere doveroso dare continuità a questo progetto”.

Anche quest'anno quindi dieci scuole calcio in tutta Italia si trasformeranno per un weekend nella sede dei Kia Camp dove i ragazzi potranno imparare i fondamentali del calcio e partecipare ad alcuni laboratori incentrati sul Fair Play e sull'integrazione.

TechPrincess_KIa_Camp_conferenza stampa

"Il calcio – spiega Damiano Tommasi, presidente AIC – è, prima di tutto, un gioco. Per questo l'Associazione promuove la riscoperta dei valori sani e positivi che questo sport rappresenta, per i bambini ma anche per tutta la famiglia. L’entusiasmo dei partecipanti dello scorso anno ci conferma che siamo sulla strada giusta ma sappiamo anche che c’è molto da fare ancora per rendere il gioco del calcio un’esperienza formativa indimenticabile per tutti i partecipanti".

Il tour, che durerà 6 mesi, partirà il 13-14 dicembre a Roma per fare poi tappa in alcune delle principali città italiane e avrà come testimonial il calciatore Paolo Rossi affiancato quest'anno da Mariagrazia Cucinotta. Se siete curiosi di saperne di più vi invitiamo a visitare il sito ufficiale.

Tags

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker