fbpx
Recensioni VideogiochiVideogiochi

La recensione di Klonoa Phantasy Reverie Series: un gradito ritorno

Il fattore nostalgia è sempre un’arma a doppio taglio quando si parla dei videogiochi che hanno caratterizzato la nostra gioventù. Ma quando abbiamo sentito del ritorno del mitico Klonoa, abbiamo abbassato le nostre difese e ci siamo buttati a pesce su Klonoa Phantasy Reverie Series. Questa raccolta porta in epoca contemporanea i due capitoli di Klonoa (Klonoa: Door to Phantomile e Klonoa 2: Lunatea’s Veil) con una grafica rinnovata e adattato alle più recenti console. Scopriamo tutto su Klonoa Phantasy Reverie Series in questa recensione!

La nostra recensione di Klonoa Phantasy Reverie Series

Per i più giovani, Klonoa è una serie di videogiochi nata nel 1998 su PlayStation con Klonoa: Door to Phantomile. Siamo di fronte ad un colorato videogioco platform con protagonista un buffo gatto dalle lunghe orecchie impegnato a salvare gli abitanti del suo villaggio e presto, il mondo! La trama del primo capitolo della serie ci porta nel villaggio Eolo dove vive Klonoa. Qui il nostro protagonista entra in contatto con un misterioso anello magico e uno spiritello che lo abita chiamato Huepow. Grazie a questo anello Klonoa è in grado di colpire con la magia i nemici sul campo di battaglia, i Moos, e partire all’esplorazione del picco Campana, recentemente attaccato da un dirigibile. Qui i due fanno l’incontro del malvagio Gladius e di Joka, i cattivoni di turno che hanno rapito la cantante Diva Lephise. Da qui inizia un viaggio impegnativo per Klonoa che lo porterà alla scoperta del mondo e di un male ben peggiore!

Nel secondo capitolo, Klonoa 2: Lunatea’s Veil, Klonoa unirà le forze con la sacerdotessa Lolo e il suo amico Popka per salvare la terra di Lunatea da una minaccia incombente. La pace del regno è mantenuta dalle Campane dell’armonia situate negli angoli della terra. La misteriosa apparizione di una quinta campana ha disturbato gli equilibri facendo apparire sulla terra il Regno del Dolore. Klonoa dovrà utilizzare le sue abilità e il supporto del mitico anello per sconfiggere i nuovi nemici e riportare l’armonia nel mondo.

Cavallo vincente non si cambia (?)

Klonoa Phantasy Reverie Series recensione

Entrambi i capitoli di Klonoa vantano un gameplay semplice ma efficace con tutti gli elementi tipici dei videogiochi platform a scorrimento orizzontale. Gli elementi collezionabili sono tanti, troviamo diamanti da raccogliere, cuori per ripristinare la vita e abitanti da salvare in ogni livello. Le aree di gioco sono infatti suddivide in macro aree che rappresentano una regione o un regno a sua volta diviso in vari livelli. Alla fine della serie troviamo solitamente un boss da sconfiggere.

Le principali azioni che Klonoa potrà effettuare riguardano salti e attacchi. Grazie al suo anello magico, Klonoa è in grado di effettuare attacchi del vento che acchiapperanno i nemici per poterli utilizzare a nostro vantaggio. Una volta bloccato un nemico possiamo portarcelo a spasso e utilizzarlo per attaccare a distanza altri nemici, distruggere oggetti o usarlo come base per saltare più in alto e raggiungere punti altrimenti irraggiungibili. Grazie alle sue grandi orecchie, Klonoa è anche in grado di fluttuare brevemente in aria per saltare più lontano.

Rispetto ai giochi originali, Klonoa Phantasy Reverie Series non introduce nessuna novità degna di nota in termini di gameplay. L’unica riguarda un semi-multiplayer. Il gioco offre infatti la possibilità di avere il supporto di un secondo giocatore (con un secondo Joystick) che, premendo il tasto salto al momento giusto, permetterà al giocatore principale di saltare più in alto. Inutile dire che si tratta di una aggiunta più che superflua e facilmente dimenticabile.

KLONOA PHANTASY REVERIE SERIES - PS5
  • Due giochi in uno - "Klonoa: Door to Phantomile" e "Klonoa 2: Lunatea's Veil" in un'unica collezione
  • Remastering dell'anniversario - Scopri o riscopri il mondo di Klonoa a 60 FPS e in risoluzione 4K
  • Gameplay inconfondibile - Corri, salta e usa il tuo Anello Eolo per afferrare e lanciare i nemici.

Un cambiamento grafico necessario

Va da se, come ogni remastered che si rispetti, che la principale novità riguarda il fattore grafica e dopo 25 anni, ce n’era bisogno. Klonoa Phantasy Reverie Series sfoggia una splendida risoluzione in 4K mantenendo il frame rate stabile a 60fps su PlayStation 5, la versione che abbiamo giocato per questa recensione.

Le differenze principali le notiamo ovviamente sul primo capitolo di Klonoa. Sebbene la versione rimasterizzata sia quella del Klonoa uscito nel 2008 su Nintendo Wii, il progresso grafico è ben visibile e apprezzatissimo. Texture e fluidità sono sempre al top anche se si perdono un po’ di dettagli sugli elementi grafici più lontani. Nel complesso, entrambi i giochi vanno che è una meraviglia, un bellissimo modo per scoprire e riscoprire questa divertente serie.

Questa versione, inoltre, introduce anche i livelli di difficoltà divisi tra facile, normale e difficile, sbloccabile dopo aver completato il gioco una prima volta. La difficoltà cambia elementi come vite, cuori a disposizione e quantità di nemici.

La recensione di Klonoa Phantasy Reverie Series in breve

Klonoa Phantasy Reverie Series recensione 1

In questa remastered non ci sono novità di gioco, nessun livello extra o modalità sconvolgenti, solo il caro vecchio Klonoa in una veste grafica rinnovata. La mancanza di novità può fare storcere il naso a qualcuno, soprattutto in vista del prezzo (49,99€), ma la verità è che Klonoa Phantasy Reverie Series non è altro che una bellissima opportunità in 4K per riprendere in mano questa bellissima serie.

E che questa remastered possa dare il via a un nuovo capitolo di Klonoa? Noi siamo pronti!

PRO

  • Klonoa così come lo abbiamo conosciuto
  • Migliorie grafiche ottime
  • Divertente come sempre

CONTRO

  • Nessuna novità degna di nota
  • Prezzo eccessivo per una normale remastered

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button