fbpx
LifestyleLusso ConnessoNews

Le truffe su Whatsapp diventano sempre più frequenti e pericolose

Un rapporto di Kaspersky, leader mondiale di sicurezza informatica, evidenzia come su WhatsApp sia in corso una nuova campagna di cyber truffe relative al mondo del delivery. Ecco come proteggersi dai tentativi di frodi e phishing.

WhatsApp diventa il nuovo social preferito dai truffatori

Gli esperti di Kaspersky fanno sapere che un gran numero di cyber criminali sta utilizzando WhatsApp per adescare vittime. Gli hacker, sfruttando vecchi protocolli in uso a corrieri e delivery globali, indurrebbero le ignare vittime a cadere in truffe e furti di identità.

La società di cyber sicurezza sta esortando gli utenti a tenere gli occhi aperti quando si ricevono messaggi da presunti corrieri. Non è tutto però, Kaspersky evidenzia anche come stia nascendo un vero e proprio trend criminale relativo a finte app di incontri in rete.

Vi ricordiamo che, proprio qualche settimana fa, vi avevamo segnalato 5 consigli per non cadere vittime di phishing online.

Non cliccare mai su link sconosciuti a siti web sconosciuti

Le nuove abitudini pandemiche, che hanno portato ad un incremento sostanzioso degli acquisti online, hanno spinto gli hacker a studiare nuove metodologie truffaldine. Le campagne sono infatti sempre più localizzate e specifiche. I criminali forniscono addirittura finte fatture, presentando richieste di rimborso per finti dazi doganali. Basta un solo clic su un link infetto per subire il furto di dati personali sensibili come dettagli bancari e numero di carta.

“Come spesso accade, gli aggressori stanno sfruttando le nuove tendenze per rubare denaro e credenziali. Nei casi più frequenti si sfrutta l’escamotage del delivery, in cui si chiede di confermare l’indirizzo di casa cliccando su un link malevolo.” osserva Tatyana Shcherbakova, Senior Web Content Analyst di Kaspersky.

“Messaggi di spam e phishing sono ancora alcuni dei modi più efficaci per lanciare attacchi di successo perché giocano sull’emotività delle vittime. La cosa migliore da fare è diffidare di eventuali e-mail inaspettate e fare molta attenzione ad eventuali allegati o link”

Furti d’identità tramite WhatsApp e Facebook

Nelle ultime ore si sta diffondendo anche una campagna truffaldina che ha approfittato della recente modifica della politica sulla privacy di WhatsApp. Gli utenti vengono indirizzati su siti che richiedono l’accesso a Facebook, rubando così l’identità social delle vittime.

Kaspersky ribadisce l’importanza di dotare i propri dispositivi di antivirus e antimalware. Se non sai quale scegliere, ti proponiamo questo il nostro articolo sui migliori antivirus gratuiti.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button