fbpx
CulturaNewsSpettacoli

Mamma, ho perso l’aereo: titolo e data di uscita del reboot

Il sesto capitolo della saga arriverà su Disney+ il 12 novembre.

Con due tweet sui rispettivi profili ufficiali, Disney e 20th Century Studios hanno annunciato la data di uscita e il titolo ufficiale dell’attesissimo reboot di Mamma, ho perso l’aereo. Come si evince dai tweet sottostanti, il film arriverà su Disney+ il prossimo 12 novembre. Il titolo del film sarà invece Home Sweet Home Alone, gioco di parole che riprende il capostipite della saga, cioè Mamma, ho perso l’aereo (Home Alone in originale) di John Hughes. Faranno parte del cast Ellie Kemper, Rob Delaney, Archie Yates (già visto in Jojo Rabbit), Aisling Bea, Kenan Thompson, Tim Simons, Pete Holmes, Devin Ratray, Ally Maki e Chris Parnell. Con l’occasione, sono state pubblicate anche le prime immagini ufficiali del progetto, che trovate allegate al post sottostante.

Mamma, ho perso l’aereo: fra passato e futuro

Il film è basato su una sceneggiatura di Mikey Day e Streeter Seidel. Il regista è invece Dan Mazer. Il già citato Mamma, ho perso l’aereo ha avuto ben 4 seguiti: Mamma, ho riperso l’aereo: mi sono smarrito a New York, uscito nel 1992; Mamma, ho preso il morbillo del 1997, con una giovane Scarlett Johansson nel cast; Mamma, ho allagato la casa del 2002; Holiday Heist – Mamma, ho visto un fantasma del 2012. Home Sweet Home Alone sarà quindi il sesto capitolo della serie, nonché un vero e proprio reboot di un franchise molto amato dai giovani cresciuti a cavallo fra anni ’80 e ’90.

Questa la sinossi ufficiale del film:

Max Mercer è un ragazzo dispettoso e pieno di risorse che è stato lasciato a casa mentre la sua famiglia è in Giappone per le vacanze. Così, quando una coppia sposata che cerca di recuperare un cimelio dal valore inestimabile mette gli occhi sulla casa della famiglia Mercer, tocca a Max proteggerla dagli intrusi… e farà di tutto per tenerli fuori. Ne deriveranno delle esilaranti peripezie di proporzioni epiche, ma nonostante il caos assoluto, Max si renderà conto che non c’è davvero nessun posto come la propria “casa dolce casa”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button