CulturaViaggi

MEDinACTION: la guardia medica dei turisti

TechPrincess_Medinaction_guardia_medica_domicilioL'idea è tutta italiana e l'obiettivo quanto mai ambizioso: diventare l'Uber dei dottori. Sto parlando di MEDinACTION, una giovane startup nata con l'intento di offrire a chiunque sia in viaggio, in Italia o all'estero, la possibilità di chiamare un medico semplicemente usando un computer oppure un smartphone.

Questa però è la teoria.

Non fraintendetemi, MEDinACTION promette molto bene. Stiamo parlando di un'iniziativa che permette a qualsiasi utente iscritto di trovare una guardia medica in zona in grado di intervenire entro un'ora e funzionante 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Un sogno per qualunque turista o viaggiatore visto che il sistema è davvero molto semplice: vi collegate al sito o all'applicazione (purtroppo solo per iOS) e sfruttate la geolocalizzazione per vedere chi c'è nelle vicinanze, potendo per altro leggere le recensioni di chi quel medico l'ha chiamato prima di voi così da decidere a quali mani affidare la vostra salute.

Utile, pratico e alla portata di chiunque. L'unico limite è l'estensione territoriale. MEDinACTION infatti ha cominciato da poco ad espandersi per cui il servizio ad oggi è attivo soltanto a Roma e a Firenze, ma non temete perché l'obiettivo della startup, come vi dicevo all'inizio, è diventare l'Uber dei dottori e i suoi founder stanno lavorando alacremente per riuscire a stipulare convinzioni in tutta Italia, e all'estero, in modo da estendere la rete il più possibile.

E i dottori? Non vi preoccupate, quelli non mancano. Nel nostro Paese 6 medici su 100 sono disoccupati, quindi non solo MEDinACTION potrebbe finalmente risolvere il dramma del "Oddio, sto male e adesso chi chiamo?" ma anche offrire lavoro a decine di dottori che al momento non ne hanno.

Non so voi, ma io penso andrò ad iscrivermi.

Tags

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker