fbpx

Mozilla: i consigli per tutelare la propria privacy sui dispositivi Android

Il 23 novembre Android compirà 7 anni. 7 anni caratterizzati da una crescita esponenziale, da un numero vertigionoso di applicazioni, da moltissimi aggiornamenti ma anche da un preoccupante aumento degli attacchi informatici e dei virus indirizzati ai nostri dispositivi mobile. Mozilla ha quindi deciso di stilare una lista di suggerimenti per aiutarci a difenderci e […]


Il 23 novembre Android compirà 7 anni. 7 anni caratterizzati da una crescita esponenziale, da un numero vertigionoso di applicazioni, da moltissimi aggiornamenti ma anche da un preoccupante aumento degli attacchi informatici e dei virus indirizzati ai nostri dispositivi mobile.

Mozilla ha quindi deciso di stilare una lista di suggerimenti per aiutarci a difenderci e a tutelare la nostra privacy.

Attenzione al browser. Non limitatevi ad usare il browser preinstallato. Scaricate uno, come Firefox, che vi permetta di proteggere i vostri dati come cronologia, segnalibri e password.

Siate selettivi. Non è necessario che tutte le vostre ricerche e tutti gli indirizzi visitati siano visibili. Potete usare la navigazione in incognito per evitare che il browser tenga traccia di ciò che fate.

Fate attenzione. Ogni volta che installate una nuova app, ricordate di controllare la lista dei vari diritti di accesso che il Play Store vi mostra; inoltre è buona norma utilizzare solo lo store ufficiale, controllare la provenienza dell'app e verificare il numero di utenti. Non ne usate più una? Disinstallatela.

Chiudete gli accessi. Non pensate a niente di complicato. In realtà si tratta di disattivare funzioni come GPS, Bluetooth e WiFi quando non li usate. Ricordatevi inoltre che è preferibile non salvare le password sul cellulare.

Volete saperne di più? Visitate il sito ufficiale.


Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link