!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');

Nello shopping online le donne spendono meno degli uomini

La parola shopping e tutto quello che la circonda viene inevitabilmente legata al mondo femminile. Una recente ricerca condotta da paysafecard, leader mondiale delle soluzioni di pagamento prepagate su Internet, rivela, però, che le donne italiane sono più accorte degli uomini negli acquisti online ( con una differenza di spesa del 74%) , dando maggiore […]


La parola shopping e tutto quello che la circonda viene inevitabilmente legata al mondo femminile. Una recente ricerca condotta da paysafecard, leader mondiale delle soluzioni di pagamento prepagate su Internet, rivela, però, che le donne italiane sono più accorte degli uomini negli acquisti online ( con una differenza di spesa del 74%) , dando maggiore importanza al prezzo e all’anonimato.
In Italia la spesa media per gli acquisti in rete si aggira intorno ai 138 euro a persona. Mentre per le donne la media è di circa 100 euro, gli uomini spendono mediamente circa 175 euro. In Europa, invece, la differenza di spesa tra i due sessi si attesta intorno al 58%.

Per il 62% delle donne, poi, la convenienza e la sicurezza risultano essere i fattore decisivi al momento dell’acquisto, per gli uomini lo sono solo per il 48%.
Gli high spender per gli acquisti online risultano in generale i giovani fra i 16 e 29 anni, con una media di 172 euro a persona contro i 115 euro spesi dagli intervistati tra i 60 e i 69 anni. Sempre secondo la ricerca di paysafecard, oggi gli acquisti sul web non avvengono quasi più tramite PC fisso, ma con dispositivi portatili come tablet o smartphone, grazie a importanti caratteristiche come la velocità e la sicurezza (riconoscimento biometrici e scansione dell’impronta digitale)
Nel 2016 saranno sempre più protagonisti del mercato i dispositivi wearable, come l’Apple watch, per cui paysafecard ha recentemente lanciato una app, molto intuitiva, che permette di trovare il punto paysafecard più vicino e di verificare la disponibilità del proprio credito in pochi secondi.

 


Carlotta Bosca

Appassionata di tutto ciò che è tecnologico. Instancabile videogiocatrice sin dall'infanzia, dipendenza nata con la prima Playstation, in particolare con Tomb Raider 2 e quindi l'amore per Lara Croft. Inguaribile sognatrice, divoratrice di romanzi e fumetti (ossessionata soprattutto da Batman).
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link