fbpx
MotoriNews

Nissan Italia e l’Università dell’Aquila insieme per la mobilità elettrica

Nissan e l’Università dell’Aquila hanno firmato un protocollo d’intesa per la sperimentazione di un modello di mobilità elettrica. Un accordo che include una Nissan Leaf 100% elettrica e un’infrastruttura di ricarica, entrambi messi a disposizione del Laboratorio di Ingegneria Elettrica del Dipartimento DIIIE dell’università.

La collaborazione inoltre prevede l’attività di ricerca, i seminari a supporto della didattica e l’attività di consulenza sull’utilizzo quotidiano della mobilità a zero emissioni in un contesto urbano.

In Nissan lavoriamo da anni ad una mobilità efficiente e sostenibile, per lo sviluppo di propulsori che siano sempre più ecocompatibili, sistemi sempre più integrati nelle smart cities e tecnologie di ausilio alla guida sempre più intelligenti e sicure. – ha commentato Bruno Mattucci, Presidente e Amministratore Delegato di Nissan Italia L’iniziativa intrapresa con l’Università dell’Aquila si inserisce proprio in questo contesto di efficienza e sostenibilità e l’apporto dell’Ateneo, degli studenti e dei ricercatori è fondamentale per proseguire nella strada dello sviluppo della mobilità elettrica, soprattutto in virtù dei target ambientali sempre più stringenti”.

In questo contesto, i Ricercatori aquilani svilupperanno modelli di simulazione relativi al sistema veicolo elettrico-stazione di ricarica-rete elettrica che permetteranno di comprendere al meglio i vantaggi e le potenzialità dell’utilizzo quotidiano di un veicolo elettrico e delle tecnologie connesse. I modelli saranno messi a punto sulla base dei reali flussi energetici che interessano un veicolo elettrico nelle varie condizioni di utilizzo, dell’energia effettivamente utilizzata nei percorsi di guida quotidiani e dell’impatto della frenata rigenerativa”, ha spiegato Francesco Parasiliti Collazzo, Professore di Motori e Azionamenti Elettrici e responsabile del progetto.

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button