fbpx
FeaturedMotori

NITO NES 10 test drive: lo scooter elettrico che coniuga stile e comodità

Li abbiamo provati in anteprima pochi giorni fa.

MILANO – È una calda giornata nella città di Milano, quando ci troviamo ad andare alla scoperta di un nuovo player nel mondo della mobilità. Stiamo parlando di NITO, il cui nome è un acronimo di Nuova Industria Torinese, una compagnia che punta a rivoluzionare il mondo degli scooter elettrici. Una realtà che in quattro anni di lavoro è diventata sempre più importante e che ora vuole accelerare grazie a una campagna su Mamacrowd. Vediamo un po’ di cosa si tratta.

NITO, gli scooter elettrici arrivano su Mamacrowd

NITO, come spiega il nome, nasce nella città di Torino, uno dei punti nevralgici dell’industria automotive. Il suo CEO César Mendoza, che abbiamo avuto modo di incontrare in questa occasione, è stato il direttore dello IED nella città ed è anche per questo motivo che l’azienda ha un focus così forte sul design dei propri veicoli. Ma non c’è solo questo.

Già perché Mendoza è un grande appassionato di moto, ha esperienze nel mondo della motocross e sa bene che le sensazioni che si provano alla guida di una due ruote sono una parte fondamentale dell’esperienza. “Una moto deve andare, se no non è una moto“, ci dice. Ed è per questo che nella realizzazione dei diversi modelli di scooter elettrici di NITO si è puntato molto sulla potenza del mezzo, che non deve sembrare ‘rallentato’ dalla sua alimentazione.

L’obiettivo è realizzare prodotti di grande qualità, che non siano semplicemente un’alternativa elettrica, ma qualcosa che sia piacevole da usare, funzionale e bello da vedere. Ne parleremo più approfonditamente nel prossimo paragrafo, ma possiamo già anticiparvi che la nostra impressione sugli scooter elettrici di NITO è positiva.

“…cambiamento epocale che porterà finalmente ad avere una mobilità sostenibile”

Come detto, questa realtà è ormai attiva da quasi cinque anni e per crescere ancora di più nella prossima fase ha scelto una strada in linea con il proprio approccio moderno: quella del crowdfunding. Per farlo, ha deciso di appoggiarsi a Mamacrowd, una delle principali piattaforme italiane. La formula è quella dell’equity crowdfunding, che permette di non effettuare dei semplici pre-order, ma di diventare degli investitori. Questo in aggiunta ai diversi benefit offerti dalle quote, che consistono soprattutto in sconti sui diversi prodotti dell’azienda.

Il CEO César Mendoza ha dichiarato, in merito alla campagna: “Coloro che crederanno nel nostro progetto e lo finanzieranno non solo ci accompagneranno nel divenire un futuro player mondiale delle due ruote elettriche, ma saranno protagonisti del cambiamento epocale che porterà finalmente ad avere una mobilità sostenibile“.

Non è secondario il fatto che Mamacrowd sia una piattaforma italiana. Dare il giusto peso al contributo del nostro Paese è un valore chiave per NITO, che per i propri scooter elettrici predilige spesso fornitori tricolore. Circa un terzo dei costi di produzione dei vari modelli vanno ad imprese italiane. Spesso si tratta di artigiani, che aiutano ad ottenere gli incredibili risultati in termini di design dei diversi prodotti.

Ma ora, chiudiamo con le premesse e andiamo su strada!

NITO, la nostra prova del NES 10

nito scooter elettrici mamacrowd nuova industria torinese

Anzi no, prima soffermiamoci un momento per parlare della bellezza di questo veicolo. Perché tutti i discorsi sull’importanza del design degli scooter elettrici di NITO non sono affatto caduti nel vuoto. Ogni singolo dettaglio è curato attentamente, con una precisa gestione degli spazi per renderli più funzionali possibili, ma allo stesso tempo piacevoli allo sguardo.

Il dettaglio che più ci ha colpito è senza dubbio la pedana in legno, assolutamente affascinante e caratterizzata da un bellissimo ‘easter egg’ che potete vedere qui sotto. Mendoza stesso ce lo ha svelato con orgoglio, una testimonianza della cura e dell’amore che NITO mette nei suoi scooter elettrici.

nito scooter elettrici mamacrowd nuova industria torinese

A questo punto però è giunto il momento di saltare in sella davvero. Casco allacciato e si parte per il test drive per le trafficate (e caldissime, come dicevamo sopra) vie di Milano. Ed è un’esperienza assolutamente positiva. Il NES 10 è assolutamente maneggevole e semplice da guidare e scorrere tra le strade è un’esperienza più che piacevole.

Nei rettilinei abbiamo voluto mettere alla prova quell’affermazione “La moto deve andare” e possiamo confermare che è vero. Non si sente alcuna vera limitazione nel guidare un NES 10 nonostante, pur restando nell’ambito della guida prudente, abbiamo cercato di ‘mettere in difficoltà’ il mezzo. Combinato con la quasi assenza di rumore del motore elettrico, offre una sensazione unica, come di planare sull’asfalto. Ottimo anche tutto il comparto freni, ovviamente, che hanno risposto a dovere alle varie interruzioni dovute al traffico meneghino.

NITO, gli scooter elettrici tutti da scoprire

nito scooter elettrici mamacrowd nuova industria torinese

Insomma, la nostra impressione di NES 10 è sicuramente positiva. Ancora di più però è quella dell’azienda che lo produce. Il team di NITO ci ha dimostrato di essere una realtà forte, chiara nei propri obiettivi e desiderosa di offrire il miglior prodotto possibile alla propria clientela, anche a costo di fare il classico “extra mile”. Un carisma che conquista e che vi invitiamo caldamente a scoprire.

Per maggiori informazioni su NITO, i suoi scooter elettrici e i suoi altri prodotti, vi invitiamo a visitare il sito dell’azienda e della loro campagna su Mamacrowd.

[amazon_link asins=’B073QNQWBH’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b7cb6c98-9d4c-46fd-9ad2-721b64e04bcf’]

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button