NewsTech

Phishing: ecco i consigli di Avira per difendersi

Avira fornisce cinque buone norme per proteggersi dal phishing

phishing

La società tedesca produttrice di antivirus Avira ha voluto fornire a tutti gli utenti cinque buone norme ideate per fornire una maggiore sicurezza ed evitare uno dei cybercrimini più comuni: il phishing.

Come funziona il phishing

Il phishing è uno tra i cybercrimini più comuni e diffusi del mondo. Il meccanismo alla sua base è infatti molto semplice: tutto nasce dal ricevimento di una mail apparentemente sicura e genuina, contenente un invito a visitare un certo sito web.

Una volta cliccato sul link, il sito chiede delle informazioni personali all’utente che, magari all’apparenza insignificanti, possono invece rappresentare il punto di partenza di un incendio informatico. Spesso, infatti, dietro a portali di questo genere vi sono degli hacker, che sfruttano proprio queste informazioni per ottenere credenziali di accesso a siti, come posta elettronica e servizi di home banking.

Ad intervenire in questo ambito è Avira che, oltre a proporre il suo software Avira Security, ha anche voluto fornire a tutti gli utenti alcune buone norme per proteggersi da attacchi di questo tipo.

Le norme proposte da Avira

La società tedesca Avira ha voluto fornire ben cinque consigli, ideati per fornire strumenti utili a tutti gli utenti per proteggersi da reati informatici come il phishing:

  1. Rimanere sempre aggiornati sui meccanismi del reato: l’evoluzione della tecnologia porta, ogni giorno, alla nascita di nuovi metodi e tipologie di truffe. Proprio per questo bisogna sempre rimanere aggiornati su tutte le ultime novità, anche controllando l’apposito blog della società produttrice di antivirus;
  2. Attenzione ai clic: evitare di cliccare su link o siti web di cui non è certa la provenienza, anche in chat, e prestare attenzione a loghi o dettagli molto simili a quelli originali. Diffidare soprattutto delle richieste di aiuto, delle promesse di vincite milionarie e di buoni sconto da riscattare;
  3. Installare una barra anti-phishing sul browser: i software di navigazione possono spesso essere personalizzati con l’aggiunta di elementi di difesa e anti frode, come Avira Browser Safety, ideati per segnalare agli utenti le pagine non sicure;
  4. Controllare i certificati: fornire informazioni bancarie online è normale, ma solo su siti certificati. Come assicurarsi che una pagina lo sia? Controllando che il website inizi con “https” e abbia un’icona a forma di lucchetto accanto!
  5. Sfruttare i firewall: questi ultimi sono strumenti capaci di creare uno scudo tra l’utente, il computer e gli intrusi esterni, per questo andrebbero sempre adottati, sia per il software sia per l’hardware!

Cosa pensate dei suggerimenti di Avira?

 

Tags

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker