fbpx
Progetto SINCRO efficienza energetica edifici

AI e risparmio energetico negli edifici: ecco il progetto SINCRO
Il sistema sviluppato da quattro aziende altoatesine migliorerà l’efficienza energetica delle abitazioni


Il progetto SINCRO, sviluppato da quattro aziende altoatesine, ha preso il via nel novembre del 2020. E ha l’obiettivo di sviluppare una soluzione per ottimizzare la gestione energetica negli edifici. Scopriamo di cosa si tratta.

Il progetto SINCRO

Il progetto, che migliora l’efficienza energetica nelle abitazioni e negli edifici in generale, si basa su una serie di dati provenienti da un sistema di monitoraggio che sfrutta le tecnologie IoT, e sul coinvolgimento attivo e intelligente degli utenti.

L’IoT (Internet of Things, Internet delle cose) è l’applicazione della rete Internet agli oggetti. In altre parole, con l’IoT gli oggetti collegati alla Rete sono in grado di elaborare dati e interagire con l’ambiente esterno.

Il sistema multiapproccio è già indicato nel nome del progetto, un acronimo (Sensible INteractive ContROl system for smarter buildings). Con SINCRO sono monitorati dati provenienti da diverse fonti: condizioni e previsioni meteorologiche, comfort abitativo, consumi e comportamento degli utenti. I quali vengono coinvolti attivamente, per mezzo di alcuni strumenti digitali avanzati che li incentivano ad adottare un atteggiamento risparmioso a livello energetico.

È possibile fornire informazioni in maniera interattiva e personalizzata a seconda della tipologia di utente (ad esempio inquilino, amministratore condominiale, manutentore eccetera). Inoltre, analizzando la recettività con cui i diversi utenti rispondono ai feedback forniti dall’interfaccia tramite algoritmi di intelligenza artificiale, si può determinare la modalità e le tempistiche con cui fornire informazioni e suggerimenti.

Progetto SINCRO risparmio energetico
©Andrii Yalanskyi/Shutterstock

Le aziende coinvolte nel progetto SINCRO

Le quattro aziende altoatesine sviluppatrici del progetto sono Alperia Bartucci, Fraunhofer Italia, Eurac Research e systems, ciascuna con un ruolo distinto.

Alperia Bartucci, società del Gruppo Alperia specializzata nell’efficienza energetica, si occupa di implementare il proprio innovativo sistema di intelligenza artificiale Sybil. Che, applicato alla centrale termica degli edifici, regola la distribuzione del calore agendo sui generatori, le pompe e le valvole dell’impianto. Sarà così possibile risparmiare in bolletta e riducendo le emissioni CO2.

È dell’azienda systems la piattaforma IoT per la gestione, l’archiviazione e l’elaborazione dei dati che provengono dal sistema di monitoraggio. Il sistema IT sviluppato è aperto (interagisce cioè con l’ambiente esterno), modulare e scalabile (è in grado di adattarsi alle necessità).

Fraunhofer Italia sviluppa un’interfaccia interattiva avanzata in grado di comunicare con gli utenti per incentivarli ad adottare comportamenti energeticamente efficienti. A questo scopo, chi si trova nell’abitazione riceve consigli in maniera automatizzata. E soprattutto, come abbiamo visyo, grazie all’intelligenza artificiale le indicazioni saranno ritagliate su misura in base ai suoi comportamenti e alle sue esigenze specifiche.

E per quanto riguarda i comportamenti degli utenti, spetta a Eurac Research analizzarli, per poi elaborare dei profili predittivi che verranno integrati nel sistema di Alperia Bartucci. Lo scopo è quello di poter validare l’efficacia del sistema a fine progetto.

logo progetto SINCRO

Le tre fasi del progetto

Il sistema, attivo dallo scorso novembre e che durerà sino al luglio del 2022, può contare su un budget di oltre 411.000 euro, di cui più di 305.000 finanziati dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale della Provincia Autonoma di Bolzano.

SINCRO viene sperimentato su due edifici diversi, un condominio e una scuola a Merano, in modo da poter testare due contesti con caratteristiche differenti.

Attualmente si sta sviluppando e installando il sistema di monitoraggio. In un secondo momento saranno implementati la piattaforma di gestione dei dati dell’edificio, l’interfaccia di coinvolgimento degli utenti e le logiche di gestione dell’impianto. La terza e ultima fase prevede un ciclo di monitoraggio dell’edificio e la validazione della loro incidenza sui consumi e sul comfort interno.

Offerta

 

Il progetto SINCRO, i consumi e l’intelligenza artificiale

Il progetto SINCRO conferma l’attenzione verso il monitoraggio delle prestazioni energetiche e la riduzione dei consumi degli edifici, in continuo aumento negli ultimi anni.

D’altronde, gli edifici residenziali in Italia sono responsabili del 29% dei consumi energetici complessivi. Il numero è impressionante se si pensa che il settore abitativo sviluppa consumi appena inferiori rispetto ai trasporti (30,4%) e addirittura superiori a quelli dell’industria (22%).

In questo senso il futuro è certamente a favore di soluzioni innovative come SINCRO, capaci di  abbattere i consumi e aumentare l’efficienza energetica degli edifici. E, come conseguenze dirette, di migliorare il comfort abitativo e ridurre le emissioni di CO2.

In un simile processo virtuoso avrà un ruolo da protagonista l’intelligenza artificiale, di recente sollecitata anche per aiutare nella battaglia contro il Covid-19.

È arrivato il canale Telegram di Tech Princess con le migliori offerte della giornata! Iscriviti qui

Claudio Bagnasco

Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975 e dal 2013 vive a Tortolì. Ha scritto e pubblicato diversi libri, è co-fondatore e co-curatore del blog letterario Squadernauti, prepara e corre maratone con grande passione e incrollabile lentezza. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale https://claudiobagnasco.com