FeaturedRecensioniTech

Recensione Google Pixel 3 XL: la fotocamera singola mostra i muscoli

Google Pixel 3 XL si presenta sul mercato con l’ormai distintiva fotocamera singola, promettendo ottimi scatti e grandi risultati persino al buio. Ma non è finita qui: a caratterizzarlo troviamo anche un design semplice ed elegante e tutta la potenza e fluidità di Android 9 Pie. Come si comporta nella vita quotidiana? Ve lo raccontiamo in questa recensione.

Google Pixel 3 XL: la scheda tecnica

Dimensioni:158 x 76.7 x 7.9 mm
Peso: 184 g
Display: 6,3″ IPS LCD – 1440 x 2960 pixel
CPU: Qualcomm Snapdragon 845
GPU: Adreno 630
RAM: 4 GB
Memoria: 64/128 GB
Rete: 4G LTE
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0, USB Type-C, A-GPS, NFC
Batteria: 3430 mAh
Fotocamera posteriore: 12,2 MP
Fotocamera anteriore: 8 + 8 MP
Video: 4K @30fps
Sistema operativo: Android 9.0 Pie

L’eredità di Google Pixel 2 XL

Il design del nuovo top di gamma di Google non sorprende. Il nuovo arrivato infatti riprende le linee del suo predecessore, senza però rinunciare a qualche utile novità. La prima è sicuramente la back cover in vetro, capace di emulare l’aspetto di Pixel 2 XL ma anche di consentire la ricarica wireless; la seconda invece riguarda i bordi dello smartphone, ora più stondati e pensati per facilitare il grip e, più in generale, l’utilizzo del device. Nuovi sono anche il tasto di accensione, che risulta colorato nelle varianti bianca e rosa mentre rimane nero nell’omonimo modello, e la certificazione IP68.

Invariati invece il bilanciere del volume, il connettore USB Type-C e persino l’assenza del jack da 3,5 mm. Attenzione però: Google Pixel 3 XL viene venduto con gli auricolari USB-C. Una presenza non solo apprezzatissima vista la mancanza del classico jack, ma capace di potenziare ulteriormente l’esperienza di utilizzo: una volta inserite infatti queste cuffie potranno leggere le vostre notifiche in tempo reale, richiamare Google Assistant e persino tradurre qualsiasi conversazione in oltre 40 lingue.

Arriviamo infine al display P-OLED da 6,3 pollici che rappresenta sicuramente un enorme passo avanti rispetto a quello presente su Google Pixel 2 XL. La resa dei colori è perfetta e i neri sono davvero profondi. Usarlo sarà un piacere. Ad accompagnarlo anche l’ormai immancabile notch che sì, è sicuramente più ampio del previsto, ma è un sacrificio che vi permette di avere due nuovo un doppio speaker frontale, ideale per guardare qualsiasi video senza rischiare di ovattare l’audio con le proprie mani.

La differenza la fa il software

Google Pixel 3 XL monta un processore Qualcomm Snapdragon 845, affiancato da 4 GB di RAM e dalla GPU Adreno 630. La batteria invece è da 3430 mAh. Lo so, sulla carta 4 GB e 3430 mAh sembrano pochi, ma qui a fare la differenza è il software. Android 9 Pie sta a Google Pixel 3 XL come iOS 12 sta al nuovo iPhone: un mix perfetto che garantisce una fluidità davvero incredibile. Ma c’è di più: l’ottimizzazione di Google vi permette di arrivare senza problemi a fine giornata anche dopo pesanti maltrattamenti. Insomma, il power bank lo vedrete solo occasionalmente.

E la memoria? Abbiamo due differenti tagli: 64 e 128 GB. Niente espansione tramite microSD ma potete comunque contare su Google Photos. L’acquisto dello smartphone infatti vi permette di ottenere spazio illimitato sul cloud, così potete salvare online i vostri scatti e video e rivederli in qualsiasi momento.

La rivincita della fotocamera singola

Google Pixel 3 XL sposa la filosofia già espressa l’anno scorso dal colosso di Mountain View e così ci ritroviamo con una fotocamera singola che non si tira indietro di fronte alla concorrenza. I 12,2 megapixel del sensore posteriore, dotato di stabilizzazione ottica ed elettronica, di un’apertura F/1.8 e della tecnologia Dual Pixel a rilevamento di fase, vi consentono di ottenere scatti dettagliati, definiti e brillanti.

Negli ultimi giorni poi è arrivata anche la modalità Foto Notturna che riesce a regalarvi qualche soddisfazione persino al buio. Tra l’altro non dovete nemmeno selezionarla: sarà il vostro Pixel 3 XL a suggerirvi di attivarla qualora l’ambiente risulti poco illuminato.

Impossibile poi non parlare della doppia fotocamera frontale. Ebbene sì, Google punta sul sensore singolo posteriore ma raddoppia sul fronte opposto proponendo un grandangolo adatto ai selfie di gruppo. Il risultato? Davvero buono.

Una menziona speciale infine la meritano la divertente modalità Coglie l’attimo, perfetta per divertirvi sia da soli che con gli amici vista l’abilità di scattare le foto proprio mentre sorridete e fate qualche faccia buffa, ma anche l’immancabile e sempre ottimo Ritratto, che vi regalerà foto profilo adatte ai social.

 

 

 

    Google Pixel 3 XL: comprarlo o non comprarlo?

    Google Pixel 3 XL è la perfetta evoluzione del suo precedessore, un dispositivo che non solo migliora il suo hardware ma che riesce a garantire un’esperienza d’utilizzo davvero senza pari. Il tocco di Google si sente e fa la differenza. Per capirlo però è necessario provarlo perché, vi garantisco, le prove, le recensioni e i test non gli rendono giustizia. Se cercate un mix eccellente tra sistema operativo e hardware Google Pixel 3 XL è la risposta.

    E difetti? Ne ha qualcuno, ma soprattutto porta con sé una mancanza: sì, la fotocamera posteriore svolge un lavoro ottimo, ma l’ormai usatissimo grandangolo sarebbe stato decisamente apprezzato.

    Google Pixel 3 XL

    • Ottima qualità costruttiva
    • Ottimo display
    • Molto performante la fotocamera
    • Il software funziona perfettamente
    • Finalmente abbiamo la ricarica wireless
    • Il notch è da migliorare anche se alla fine vi abituerete
    • Avrei apprezzato il grandangolo per la fotocamera posteriore
    Tags

    Erika Gherardi

    Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
    Next Article
    Close

    Adblock Rilevato

    Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker