fbpx
MotoriNews

Serie 1 BMW diventa una speciale “macchina da presa”

La Nuova BMW Serie 1 si converte in una speciale «macchina da presa» per offrire un punto di vista originale per la realizzazione di un video musicale.

Serie 1 BMW: ciak, si gira!

Cinque esemplari della Nuova BMW Serie 1 sono stati impegnati sul set di un nuovo video musicale. Inedito ruolo per la compatta premium BMW che è stata chiamata ad offrire un punto di vista originale per la realizzazione delle riprese e a fornire elementi per l’illuminazione e la scenografia del set.

La vettura, terza generazione della compatta premium del marchio bavarese, si è trasformata in «macchina da presa» per due giorni, sul set allestito a Milano per la realizzazione di un nuovo video musicale. Attraverso la telecamera posteriore della vettura e una ulteriore serie di telecamere con cui è stata equipaggiata grazie a particolari supporti, la Nuova Serie 1 ha offerto un punto di vista originale per la realizzazione del video.

La Nuova Serie 1 si è dimostrata perfettamente a proprio agio nel contesto urbano in cui è stato girato il video e grazie alle spiccate doti dinamiche che la contraddistinguono ha permesso di realizzare le inquadrature necessarie a realizzare il racconto visivo. Le cinque vetture presenti sul set sono servite anche come scenografia di alcune scene e hanno fornito attraverso i loro fari la luce necessaria a illuminare il set, ambientato in notturna in diversi quartieri simbolo della città di Milano.

BMW Serie 1 è stata lanciata lo scorso autunno sul mercato. Si tratta di un modello che fonde il piacere di guida e l’eccellenza dinamica tipici di BMW con un significativo aumento dello spazio interno rispetto alla generazione precedente. Sportiva, fresca, sicura e di classe, con un nuovo design e connettività di ultima generazione,  rappresenta un modello di grande importanza per il mercato europeo e quello italiano in particolare.

Livio Marino

Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button