fbpx
CulturaTech

I bambini in quarantena possono usare lo smartphone?

Tre mamme blogger spiegano come sfruttare i device per fare divertire i piccoli in maniera bilanciata

Con l’evolversi della tecnologia, si è sempre più guardato con sospetto all’esposizione dei più piccoli agli strumenti che offre. Molti genitori infatti hanno paura di avvicinarli troppo presto ai device e viceversa, altri tendono a essere fin troppo generosi in questo sento, esagerando dall’altra parte. Il giusto, probabilmente sta nel mezzo e soprattutto in periodo di quarantena gli smartphone possono essere anche molto utili per i bambini.

Bambini, quarantena e smartphone, come combinarli al meglio

Wiko ha deciso di interrogare in merito tre mamme blogger italiane, per avere da loro consigli su come sfruttare questi device al meglio in questo periodo difficile. Ne sono emersi diversi consigli interessanti sulle attività da svolgere insieme, per un uso educato degli smartphone anche in tenera età.

Valentina, alias @Valentinadellerose, ad esempio coglie l’opportunità per educare il piccolo alla lettura. Tramite fumetti, romanzi e molto altro può farlo esercitare anche oltre i semplici compiti a casa. Inoltre può essere utile per attività di mindfulness tutti insieme per gestire al meglio le proprie emozioni: “La Rete è colma di contenuti e attività di mindfulness. Ci aiutano a tenere a bada le emozioni negative, abituando i bambini già da piccoli a semplici pratiche posturali capaci di incidere positivamente sulla quotidianità. Ovviamente da fare rigorosamente insieme“.

Anche Federica, ovvero @TasteofStyle, punta ad attività in compagnia, soprattutto la cucina. E così sfrutta le tantissime app dedicate alla preparazione di gustosi manicaretti insieme ai bambini. Non solo, ma per chi ha a disposizione un giardino o uno spazio per camminare, lo smartphone può essere utile a fare attività fisica, grazie al contapassi. Impostare un obiettivo può essere un modo per tenersi in forma e sfogare le naturali necessità di movimento.

E infine Ilaria di @Nonsidicepiacere suggerisce di puntare sui contenuti educativi offerti dagli smartphone, in particolare quelli linguistici. Con canzoni, cartoni e giochi in inglese si possono imparare facilmente le basi, mettendo a frutto questo periodo e divertendosi. E poi, supportata dalle colleghe, non bisogna dimenticare le videochiamate, “il momento più atteso della giornata“. Grazie a questo strumento si può facilmente rimanere in contatto con i propri affetti, che siano i nonni o gli amici, in maniera più emotiva rispetto a una fredda telefonata.

Insomma, il rapporto tra bambini e smartphone può essere estremamente virtuoso anche in quarantena. Basta non abusarne, né demonizzarlo.

Wiko Y80 Italia, Smartphone, Gradient dark blue, Android 9...
  • Sistema operativo: Android
  • Dimensioni schermo: 5.99 pollici
  • Dimensioni RAM: 2 GB

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button