fbpx
NewsTech

SpaceX invia 100mila terminali Starlink ai clienti

Servite già 14 Regioni, l'Italia però non è tra queste al momento

SpaceX ha inviato 100mila terminali Starlink agli acquirenti, che potranno così usufruire del servizio di connettività Internet via satellite. Ad annunciarlo è stato il CEO dell’azienda tecnologica, Elon Musk. Per la compagnia si tratta di un evento fondamentale.

Starlink copre ora 14 regioni: stiamo parlando di Stati Uniti d’America, Canada, Regno Unito, Francia, Germania, Olanda, Irlanda, Austria, Belgio, Svizzera, Danimarca, Australia, Nuova Zelanda e Portogallo. Tra le zone servite non figura, per il momento, l’Italia, ma potrebbe essere solo questione di tempo.

L’obiettivo di SpaceX per Starlink

L’obiettivo è ovviamente quello di collegare tutto il globo, e la compagnia sta cercando di ottenere le dovute autorizzazioni in tutto il mondo. Il servizio era stato lanciato lo scorso Novembre, in modalità Beta. E’ pensato per servire le zone che, per i motivi più svariati, non sono facilmente raggiungibili dalla connessione a Internet cablata.

Al momento in orbita sono presenti 1800 satelliti, ma Starlink punta ad aggiungerne altri 42mila in futuro. Si tratta decisamente di un progetto ambizioso, che mira a ridurre il gap tra le varie zone del mondo in termini di qualità di connessione.

starlink elon musk
Photo credits: Starlink

L’entusiasmo di Elon Musk sui social

Elon Musk, che come detto ha espresso tutta la sua soddisfazione su Twitter, non è di certo nuovo a progetti futuristici. Ama suscitare clamore mediatico intorno alle proprie aziende innovative, e puntare sempre ad obiettivi ambiziosi per il mondo intero. Tesla, PayPal e SpaceX e Neuralink sono il frutto di questa filosofia imprenditoriale.

In un momento storico in cui la connessione ad Internet è praticamente un bene di prima necessità, un progetto del genere pensato per coprire zone lontane dalle infrastrutture è molto importante. Speriamo che anche l’Italia apra le porte a Starlink il prima possibile, così da poter provare la nuova tecnologia anche sul nostro territorio.

Via
hypebeast

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button