fbpx
giacca emoji ford share the road sicurezza bicicletta

Spostarsi in sicurezza è possibile…se siete da soli
Purtroppo non tutti possono rimanere al sicuro in casa propria durante la pandemia in corso, ma come muoversi da una parte all'altra della città?


Spostarsi in sicurezza è una priorità in qualsiasi momento della nostra esistenza. Nessuno desidera rischiare la propria vita affidandosi a mezzi di fortuna (fatta eccezione per quei pochi che hanno sperimentato i jetpack). Oggi però questa necessità acquista sfumature leggermente diverse. Non è l’affidabilità del mezzo ad essere messa in discussione, ma la sua capacità di tutelarci dal contagio.

Sì, è vero, dobbiamo stare a casa, ma non sempre è possibile. C’è chi deve andare ugualmente al lavoro, chi deve fare la spesa e chi invece ha bisogno di recarsi in farmacia. Cerchiamo quindi di capire qual è il metodo migliore per muoversi in città in questo periodo.

Nota Bene: per effettuare qualsiasi tipo di spostamento è obbligatorio avere con sè un modulo di autocertificazione. Clicca qui per scaricare la versione più aggiornata e scoprire quando è necessario mostrarlo ad un eventuale controllo delle forze dell’ordine

Spostarsi in sicurezza da soli

Premesso che la regola principale in questo periodo è #iorestoacasa, sappiamo, come vi anticipavo prima, che alcuni professionisti non hanno smesso un attimo di darsi da fare, proprio come il personale sanitario. O, banalmente, chi abita in periferia e si trova costretto ad uscire da casa per fare la spesa, non potendo più usufruire della spesa a domicilio. 

Spostarsi in autonomia ha senza dubbio i suoi vantaggi, che aumentano se abbiamo un mezzo personale a disposizione. Questo mezzo può essere dotato di due ruote, come una bici, un monopattino o uno scooter, o se siete tra i fortunati a possederne una e poterla usare, un’automobile. Con i mezzi su due ruote bisogna però avere un’accortezza maggiore e dotarsi di un dispositivo di protezione come la mascherina. In auto, se ad uso esclusivo, se ne può fare a meno, basta aver sterilizzato prima tutte le superfici che solitamente toccate con mano. Ma tanto ormai siamo esperti di gel disinfettanti e lavaggio completo delle nostre mani!

Il discorso cambia un po’ se si fa uso di mezzi a noleggio. Bici, scooter e monopattini a noleggio possono essere stati utilizzati da chiunque, per cui è bene disinfettare prima le zone con cui entreremo in contatto (es. maniglie, freni, acceleratore) con una salvietta igienizzante. Stesso discorso per l’automobile, con stavolta l’aggiunta di una mascherina. Non sappiamo se prima di noi chi ha utilizzato l’auto fosse portatore o meno del virus. Alcune aziende come Share Now disinfettano periodicamente i loro veicoli (ed in questo periodo con maggior frequenza), tuttavia la prudenza non è mai troppa.

Spostarsi in sicurezza “in gruppo”…o forse meglio di no

In questo caso vi parlo di mezzi di trasporto che sarebbe preferibile evitare. Sono i mezzi di trasporto pubblico in cui si concentra solitamente una massa consistente di persone, di cui non conosciamo assolutamente lo status di salute. Rispettare la distanza di sicurezza di un metro e mezzo all’interno del vagone di un treno, in metropolitana, in un bus o addirittura su un aereo è oltremodo difficile. Il rischio di contagio è più elevato, anche perchè dobbiamo necessariamente entrare in contatto diretto con le superfici di sedili o porte, o dei maniglioni per evitare di cadere quando siamo sulla metro durante la partenza o una brusca frenata.

 

In quei casi ricordatevi di non toccare con le mani nessuna altra parte del vostro corpo, magari riponete lo smartphone in tasca finché non avrete modo di lavarle nuovamente. Se proprio non riuscite a farne a meno, ricordatevi di igienizzare anche il vostro smartphone in maniera corretta.


Condividi la tua reazione

Confusione Confusione
2
Confusione
Felicità Felicità
9
Felicità
Amore Amore
5
Amore
Tristezza Tristezza
5
Tristezza
Wow Wow
9
Wow
WTF WTF
1
WTF
Livio Marino

author-publish-post-icon
Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link