Motori

Stella: l’auto ad energia elettrica

Il suo tetto piatto, la forma a goccia schiacciata e il basso profilo non fanno pensare ad un'auto per famiglie pronta per lo show-room, men che meno ad un veicolo pronto per la strada, ma in realtà Stella è la prima auto ad energia solare a quattro posti al mondo, ed è già utilizzabile nel quotidiano.

Stella è realizzata prevalentemente in alluminio e fibra di carbonio. L'insolita forma è il risultato di un compromesso tra aerodinamica e comfort per almeno due persone, un compromesso che ha permesso di ottenere una superficie più ampia su cui installare le celle solari, che coprono 6 metri quadrati. La batteria da 60 kw, inguainata in un involucro di colore giallo brillante, corre lungo il centro del veicolo e copre 400 km di distanza, o 800 km quando il pannello solare sta fornendo la massima energia.

Stella è CO2-neutra ed è la prima auto ad energia positiva nel mondo. I pannelli solari si ricaricano sia mentre l'auto è in movimento che quando è parcheggiata. "Otteniamo più energia rispetto a quella necessaria per guidare", spiegano i proprietari.

TechPrincess_stella_interior

Stella però non si limita ad essere molto avanzata dal punto di vista energetico. Il veicolo infatti vanta un'infrastruttura creata dalla NXP, una società olandese di semiconduttori, che permette alla vettura di "parlare" con altre vetture e con dispositivi wireless come semafori, segnali di stop e molto altro.

Il sistema utilizza un protocollo Wi-Fi per veicoli, chiamato 802.11 p, per vedere dove il conducente non può. Attualmente alcune vetture sfruttano  radar e telecamere per rilevare altre vetture e oggetti, avendo però il grosso limite di non "vedere" oltre gli angoli; il sistema Wi-Fi, invece, è in grado di farlo: i sensori di stella raccolgono il segnale e lo trasmettono al guidatore per mezzo di uno schermo fissato sul cruscotto. Se un furgone o un camion bloccano la visuale di un semaforo, il sistema di bordo di Stella avverte il guidatore prima che chiunque altro possa vedere il semaforo.

Insomma, un gioiello di tecnologia a cui non sembra mancare niente. Voi la guidereste?

Tags
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker