fbpx
steminthecity 2019

#STEMintheCity, l’iniziativa per promuovere la tecnologia


Science, Technology, Engineering, Mathematics sono le quattro discipline STEM al centro di #STEMintheCity 2020, la quarta edizione dell’iniziativa che punta a promuovere la diffusione delle discipline tecnico-scientifiche.

#STEMintheCity 2020: il futuro professionale delle nuove generazioni

La quarta edizione di #STEMintheCity include le nuove tecnologie digitali in una visione orientata al futuro professionale delle nuove generazioni, con particolare attenzione rivolta alla popolazione femminile.

L’obiettivo è quello di coinvolgere tutte le figure professionali legate alla formazioneinsegnanti, genitori, istituzioni e aziende – per aumentare la consapevolezza verso queste tecnologie che spesso sono messe da parte per colpa di alcuni stereotipi.

Alla scorsa edizione hanno partecipato più di 14.000 persone; 150 erano gli eventi organizzati grazie al contributo di 146 partner e alla partecipazione di oltre 100 scuole di ogni ordine e grado.

Un aspetto che desta attenzione è, però, la disparità di genere: il 52% della popolazione femminile mondiale non usa internet, rispetto al 42% degli uomini e le donne, in generale, sono indietro nel trarre vantaggio dalle tecnologie digitali.

Sostenibilità ambientale, il tema dell’edizione 2020

Nel 2019, in occasione del cinquecentenario della morte di Leonardo Da Vinci, si era esplorato il legame tra arte e scienza e come si possa riconoscere e sviluppare il proprio genio.

Nel 2020 il tema è la sostenibilità ambientale, tema più che attuale e trasversale a tutti gli ambiti socio-culturali della società contemporanea.

In questo senso, #STEMintheCity punta a creare maggiore consapevolezza e fornire un’opportunità di analisi in modo da inserire le discipline STEM nell’ambito di un processo di cambiamento verso una società sostenibile.

Le parole dei due assessori

Roberta Coco, assessora alla Trasformazione Digitale e Servizi Civici, afferma: “È nostro dovere garantire ai giovani le conoscenze e gli strumenti per avere le competenze in grado di dare risposte alle urgenze del nostro pianeta.

Il valore della cultura STEM sta proprio nel suo essere trasversale a ogni ambito della nostra vita professionale e privata e uno strumento indispensabile per raggiungere gli obiettivi che l’esigenza di innovazione e di progresso richiede.

Il programma della manifestazione del 2020 declinerà il valore della connessione tra le STEM e l’ambiente partendo dal piano della formazione per arrivare a quello del lavoro.

Gli ambiti STEM sono, infatti, quelli dove si concentrano oggi, e ancora per molto tempo, le più numerose opportunità di lavoro poiché rappresentano i settori maggiormente in crescita, capaci di accogliere spazi di carriera per le donne“.

La nuova e travolgente sensibilità ambientale dei più giovani è un importante sprone per l’attività degli amministratori pubblici“, commenta l’assessora all’Educazione Laura Galimberti, “ed è nostro dovere sostenerla, agevolarla […]

Crediamo che la scienza e la tecnologia debbano essere sempre più delle alleate per raggiungere obiettivi di sostenibilità“.

La manifestazione inizierà ad aprile

#STEMintheCity 2020 prenderà il via ad aprile e coinvolgerà gli studenti di tutte le scuole del Comune di Milano e di Città Metropolitana.

Il culmine si avrà dal 27 al 29 aprile con la Maratona delle STEM, tre giorni dedicati alla promozione di queste tecnologie e gestiti dal Comune di Milano.

Da oggi e fino al 28 febbraio, tutti i progetti che anticipano l’iniziativa saranno riconoscibili grazie al logo “aspettando STEMintheCity 2020”.

Enti pubblici, provati, scuole, aziende e associazioni sono invitati ad organizzare dibattiti, corsi di formazione, seminari e spettacoli allo scopo di alimentare il dibattito.

Per candidare il proprio progetto basterà andare sul sito www.steminthecity.eu e alla fine sarà pubblicato l’elenco completo degli appuntamenti a cui prenderà parte tutto il sistema educativo di Milano.

L’assessora Cocco ha già annunciato che il primo evento sarà “I Talenti delle donne“, un progetto multidisciplinare curato dall’Assessorato alla Cultura dedicato alle donne protagoniste nelle arti e nel pensiero creativo di ieri ed oggi.

Assolombarda, Cefriel, Università Bocconi, Fondazione Politecnico di Milano, Politecnico di Milano, Fondazione Veronesi e Valore D hanno già aderito all’iniziativa e dichiarato il loro coinvolgimento nella manifestazione.


Matteo Bonanni

author-publish-post-icon
Musicista di professione e malato di tecnologia per indole, mischio sempre musica e tecnologia senza soluzione di continuità perché mi piace circondarmi di cianfrusaglie tecnologiche mentre faccio tutto il resto!
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link