fbpx
Pneumatici

Una ricerca rivela che gli pneumatici sono più inquinanti dei motori
Secondo uno studio di Emissions Analytics, gli pneumatici produrrebbero fino a mille volte più particelle fini rispetto ai motori, a seconda delle condizioni della strada


Quando ti viene chiesto, quale parte di un veicolo inquina di più, ci sono ottime possibilità che tu risponda il motore. Bene, ti sbagli, ma è del tutto normale, non ti preoccupare. Perché il dispositivo che più emette particelle fini non è realmente quello a cui penseremmo per primo. Se alcuni potrebbero anche menzionare i freni, che producono molti residui quando vengono utilizzati, in realtà sono gli pneumatici i più dannosi per l’ambiente e la nostra salute. Questo è quanto emerge da uno studio condotto dalla società indipendente Emissions Analytics, leader mondiale nell’analisi delle emissioni dei veicoli. Se già in passato si aveva qualche dubbio che le gomme non erano esattamente un componente “green”, Emission Analytics è la prima a quantificare con precisione quanto non lo sono.  E il “quanto” è piuttosto preoccupante. 

pneuamaticiInfatti, secondo la società di ricerca gli pneumatici producono fino a 1.000 volte più particelle fini rispetto ai motori. Richard Lofthouse, uno dei ricercatori dietro questa conclusione, aggiunge anche che “ciò che è più spaventoso è che le emissioni dei gas di scarico sono sempre più regolate nel corso degli anni , mentre questo non è il caso di quelli degli pneumatici”. Ha anche affermato che “con l’aumento delle vendite di SUV più pesanti e auto elettriche, le emissioni da altri elementi oltre allo scarico sono un vero problema“. Tuttavia, questo dovrebbe cambiare, soprattutto dopo lo scandalo Dieselgate. visto che i governi e l’Unione europea si sono impegnati a ridurre il più possibile le emissioni inquinanti derivanti da un’automobile. 

Un semplice test per capire quanto inquinano gli pneumatici

Per giungere a una conclusione così inquietante, i ricercatori hanno effettuato diversi test, con svariati tipi e marche di pneumatici, su strade più o meno degradate. Al fine di ottenere il peggior scenario possibile, l’azienda ha utilizzato pneumatici di scarsa qualità su una superficie molto danneggiata. “Abbiamo guidato una Volkswagen Golf del 2011 per 320 km ad alta velocità, su una strada con asfalto degradato. Questo ha comportato una perdita di 1,844 di materiale, che equivale a 5,8 g/km di materiale. Questo è 29 volte superiore alle nostre previsioni ”. Su un percorso meno accidentato, un pneumatico perde una media di 1,5 g di materiale ogni 300.000 chilometri. Questo è già 44 volte il limite autorizzato nel test di omologazione per le particelle nello scarico (4.5 mg/km). Secondo Nick Molden, CEO di Emissions Analytics, la principale sfida per l’industria automobilistica sarà ora quella di ridurre il peso dei veicoli , in modo che le gomme si consumino meno rapidamente e quindi producano particelle meno fini.   


Carlo Moiraghi

author-publish-post-icon
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link