fbpx
Cultura

Washlet: la toilette giapponese e tecnologia che pulisce l’anima

La cosa che mi ha più colpita durante i miei viaggi in Giappone… non è stato il cibo. No, nemmeno la cultura millenaria. Niente di tutto ciò, queste sono cose scontate che qualunque viaggiatore conosce e che si aspetta (non abbiate timore, non rimarrete delusi). Va beh, mi costringete a dirvelo. Devo trovare un modo elegante per dirlo: le tazze del bagno. Non pensiate siano fantascientifiche; esistono seriamente e il modello a cui faccio riferimento si chiama Washlet. Ce ne sono per tutte le tasche e per tutti i gusti.

Toilette giapponesi: il bidet è fuori moda

Si parte con le toilette più semplici che si trovano negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie oppure della metro (sono rimasta incredula quando ho visto che anche nei luoghi pubblici ci si poteva sedere tranquillamente senza dover vivere nel terrore di qualche sconosciuta malattia). Questi tipi di toilette giapponese hanno un'asse che si alza e si abbassa quando vi "vede" e ha una pulsantiera, a fianco oppure a parete, dal dubbio utilizzo! Le immagini solitamente sono universali, ma non tutte le culture riescono ad interpretarle in modo univoco. Ci sono poi dei kanji a supporto che vi spiegheranno altrettanto "chiaramente" quale sia l'utilizzo dell'astronave sulla quale siete beatamente seduti.

Anche in Giappone come in molti paesi europei, il bidet, che agli italiani tanto piace, non c'è. Questo accade per questioni culturali, ma anche per questioni di spazio. Per i giapponesi, però, da buoni amanti dell'igiene personale, questa mancanza è molto grave. Il loro ingegno li ha portati ad integrare le toilette con degli spruzzini che provvederanno alla vostra cura personale. Quindi spruzzini per signore, per signori, freddi e caldi, a getto continuo oppure a fontanella. Nessuno può rimanerne scontento! D'altronde in Europa, in bagno, si pulisce il corpo… in Giappone, l'anima.

Poi più il budget si alza e più le vostre tasche sono piene di tonanti yen, più avrete l'opportunità di accaparrarvi delle "astronavi" migliori: asse riscaldato (attenti ai colpi di sonno), luce da sotto lo chassis (qualcosa di così tamarro che nemmeno in Fast and Furious) e altoparlanti per diffondere le vostre musiche preferite (magari da cantare a squarciagola).

TechPrincess_Bagnigiapponesi_WashletLa privacy prima di tutto

La privacy, inoltre, è una cosa molto importante in Giappone e viene salvaguardata in qualunque modo. Durante il vostro "lavoro" seduti là sopra potreste anche produrre suoni non graditi e talvolta imbarazzanti, ma i nostri amici giapponesi hanno escogitato un escamotage per preservare la privacy: premendo un tasto la toilette giapponese emetterà il suono di uno sciacquone che coprirà le "malefatte". Siete salvi, adesso potrete uscire a testa alta senza inutili imbarazzi.

Questo metodo è molto apprezzato perché permette di mascherare il disagio e risparmiare moltissima acqua. Infatti, l'usanza di fare i propri bisogni con l'acqua dello sciacquone aperta era molto diffusa, peccato per lo smisurato spreco d'acqua. Detto fatto. I giapponesi ci tengono particolarmente all'ambiente.

TOTO: il più grande produttore di toilette giapponesi

Il maggior produttore giapponese, un colosso con più di 24 mila dipendenti in tutto il mondo, è TOTO. Un'azienda all'avanguardia nel settore. Mi permettete una brevissima lezione di storia?
Dopo la fine della seconda guerra mondiale noi europei abbiamo voluto esplorare lo spazio e compiere altre imprese mirabolanti. I giapponesi, contrariamente, hanno deciso di sfruttare la tecnologia mettendola al servizio della vita quotidiana, per renderla sempre più confortevole e più facile. Sono nati in questo modo i migliori videoregistratori, le migliori telecamere e tutte quelle tecnologie che riconoscevano nei marchi giapponesi l'eccellenza. Marchi come Sony erano i leader. Anche TOTO si può considerare un'azienda-pioniere: dal 1917 ad oggi costruisce sanitari, investendo in ricerca e sviluppo. Questo lavoro porta nel 1980 alla creazione di Washlet, la toilette di cui vi ho parlato fino ad ora, ormai diventato uno standard nei bagni di tutto il Giappone.
Lezione di storia finita, tirate un respiro di sollievo.

Detto ciò, noi continueremo con i nostri bidet mentre loro hanno questo delizioso, utile e igenico all-in-one. So che non dormirete la notte e che ne vorrete uno a tutti i costi. Sul sito italiano dell'azienda troverete tantissime informazioni utili.

Tags

Fjona Cakalli

Amo la tecnologia, adoro guidare auto/camion/trattori, non lasciatemi senza videogiochi e libri. Volete rendermi felice? Mandatemi del cibo :)
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker