fbpx
FeaturedRecensioniVideogiochi

Yooka-Laylee and the Impossible Lair recensione: il ritorno del mitico duo

Abbiamo giocato estensivamente a Yooka-Laylee and the Impossible Lair, ecco cosa ne pensiamo.

Il duo Yooka e Laylee sono entrati con grande successo nel mondo dei platform nel 2017, quando Playtonic Games ha deciso di dare una bella rinfrescata al genere con un nuovo gioco ricco di avventura e possibilità. Oggi, l’improbabile duo torna in una nuova avventura con Yooka-Laylee and the Impossible Lair. Vediamo se le buone sensazioni che abbiamo avuto durante la prova del gioco sono state attese.

I due avventurosi amici, questa volta, sono chiamati a difendere il regno dell’ape regina Phoebee dal ritorno del malvagio Capital B, intento a conquistare il mondo controllando mentalmente le api-soldato. Il nostro compito sarà quello di viaggiare su e giù per i vari “capitoli” del regno e liberare le api intrappolate per tentare così di sconfiggere l’usurpatore del trono.

Yooka-Laylee and the Impossible Lair – Recensione

Yooka e Laylee dovranno affrontare ben 40 livelli per liberare i prigionieri in mappe ricche di pericoli e sezioni platform. Grazie alle abilità dei due eroi saremo in grado di saltare, rotolare, afferrare gli oggetti con la lingua prensile di Yooka e sfruttare l’aiuto di Laylee per planare dopo un lungo salto o schiacciare i nemici con una violenta testata.

I livelli di gioco sono tutti abbastanza lineari ma offrono sfide divertenti con tutti gli elementi che ci si aspetta da un classico Platform: nemici insistenti, lame rotanti, livelli acquatici, palle infuocate e così via. Attraverso una grande mappa in 3D che funge da “tabellone di gioco“, avremo la possibilità di scegliere liberamente in che ordine affrontare i vari capitoli. In realtà, questa stessa mappa è un gigantesco livello ricco di puzzle, aree segrete e piccoli enigmi da superare. Da qui, andando avanti con il gioco, avremo la possibilità di sbloccare nuove aree, incontrare i bizzarri personaggi del regno e cambiare la natura stessa della mappa e dei capitoli connessi.

Il level design del gioco ci regala degli schemi semplici ma decisamente efficaci con nuove abilità da sbloccare, livelli sempre nuovi e tantissimi collezionabili. Oltre alle piume d’oca (Quill), la bizzarra valuta del gioco, è infatti possibile collezionare, all’interno di ogni livello, 5 monete d’oro. Queste saranno necessarie per sbloccare nuove aree ed andare avanti con il gioco e così completarlo al 100%. La mappa principale, invece, è piena di preziosi tonici seminati in giro e a volte, nascosti dietro semplici indovinelli o puzzle. Acquisire i Tonici (e poi sbloccarli), fornirà extra particolari. Alcuni di questi donano a Yook-Laylee nuove abilità, come subire un colpo in più o rotolare più a lungo, altre invece sono delle modifiche puramente estetiche al gioco o ai personaggi.

Tantissime possibilità

Attraverso l’uso dei tonici potremo quindi agire attivamente sulla difficoltà stessa del gioco variandone il gameplay. Tralasciando quelli che ne modificano l’aspetto, come il filtro in bianco e nero o la visuale in 4:3, alcuni filtri possono potenziare i nemici permettendogli di subire più colpi. Questi elementi, oltre a fornirvi dei Quill in più alla fine del livello, aumentano notevolmente il grado di sfida. Le possibilità sono moltissime con 60 tonici da trovare e testare, e accrescono la varietà del gioco con nuove meccaniche interessanti.

Uno dei punti di forza di Yooka-Laylee and the Impossible Lair è, infatti, la sua abilità a reinventarsi in continuazione. Attraverso la mappa principale saremo infatti in grado di apportare delle interessanti modifiche ai vari livelli. Questi cambiamenti non si limitano soltanto a modifiche estetiche ma andranno a cambiare l’intero level-design permettendoci di raggiungere aree altrimenti inaccessibili e liberare così nuove api soldato. Potremo quindi agire attivamente su un determinato mondo, per esempio inondando le aree o congelandolo. Sarà divertente scoprire come cambierà un capitolo in seguito alle nostre azioni.

Altrettanto interessante e innovativa è la possibilità di tentare di completare il livello finale già dall’inizio del gioco. Il terribile Capital B può infatti essere affrontato fin da subito un numero illimitato di volte. La sfida è però, come da titolo del gioco, pressoché impossibile da vincere senza andare avanti con il gioco. Ogni ape che libererete nel gioco vi darà infatti la possibilità di incassare un colpo in più nella sfida con il boss finale. Non importa quanta abilità o maestria pensiate di avere, avrete bisogno di moltissime api-scudo prima di riuscire a vincere.

Il colorato mondo dei platform

Tooka e laylee mappa

Il vivacissimo mondo di Yooka-Laylee si presenta in una veste grafica colorata e piena di dettagli, scorrevole e senza nessun problema in termini di cali di frame. Allo stesso modo il character design torna nuovamente a brillare con personaggi interessanti e ricchi di dettagli ispirati a quelli dei platform della nostra infanzia. C’è da dire, però, che, a differenza dei personaggi, i livelli non presentano nessuna caratteristica distintiva, perdendosi un po’ nel numero. Nota di merito invece per le colonne sonore, allegre e ben diversificate.

Yooka-Laylee and the Impossible Lair recensione – il verdetto finale

Yooka-Laylee and the Impossible Lair è un brillante esempio di come il genere platform, tra giochi di tripla A e grafica iper-realistica, abbia ancora qualcosa da raccontare. Lo stile classico e fedele ai titoli “storici” di questo genere è affiancato da un’innovazione di meccaniche intelligenti ed efficaci.  Un capitolo imperdibile per gli amanti del platform e i giochi di avventura.

Yooka-Laylee and the Impossible Lair

  • Meccaniche interessanti
  • Alta longevità e rigiocabilità
  • Graficamente poco incisivo
  • Mancanza della lingua italiana

Tags

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker