fbpx
HardwareRecensioni TechTech

La recensione di GoPro Hero 12 Black: perfezionata ma non perfetta

GoPro e i produttori di smartphone sono afflitti dal medesimo problema.
Pensate all’ultimo top di gamma nel mondo della telefonia.
Ottime prestazioni, ottima fotocamera, design contemporaneo, autonomia che regge anche le giornate più impegnative.
Eppure, l’anno successivo, ci aspettiamo che qualcosa cambi. Che le aziende facciano meglio. Che ci sorprendano.
Ed è difficile perché, quando hai un prodotto che è già di altissimo livello e fa tutto in maniera eccelsa, capire dove mettere le mani per arricchire ancora l’esperienza d’uso è un’attività complessa.

Questo vale anche per GoPro.
La Hero 11 Black ci era già piaciuta parecchio, seppur avesse due limiti evidenti: le riprese in condizioni di scarsa luminosità e il surriscaldamento con l’uso prolungato.
GoPro Hero 12 Black, ufficialmente in arrivo sul mercato il 13 settembre, prova a fare di meglio, senza però stravolgere – comprensibilmente – quanto fatto lo scorso anno.

La recensione di GoPro Hero 12 Black

449,99 €.
Questo è il prezzo della nuova arrivata.
Ma la domanda a cui dobbiamo rispondere non è “ne vale la pena?” ma “faccio l’upgrade o mi tengo la 11?”.
Questo perché GoPro Hero 12 Black mantiene senza difficoltà il suo ruolo di leader del mercato: continua ad essere performante, compatta, versatile e semplice da usare. Perfetta per riprese di ogni genere, soprattutto quelle in condizioni estreme. Proprio come la versione dello scorso anno.
Il punto è capire cosa c’è di nuovo e cosa invece è rimasto invariato.

Scopri la disponibilità e Acquista con Amazon Prime. Qui tutti i vantaggi!

Le somiglianze

GoPro Hero 12 Black recensione display

Esteticamente sono uguali.
Stesse dimensioni (71,8 x 50,8 x 33,6 mm). Stesso peso (154 grammi). Stessa resistenza all’acqua fino a 10 metri.
E poi abbiamo due display, quello principale da 2,27 pollici posizionato sul retro, e quello secondario, da 1,4 pollici, che invece è davanti. Ed entrambi continuano ad essere perfettamente visibili sotto al sole, così non avrete difficoltà a capire cosa state inquadrando o ad impostare la camera senza passare dall’applicazione.
Come da tradizione, solo lo schermo posteriore è touchscreen, mentre quello frontale serve a monitorare ciò che state registrando, visualizzando al contempo informazioni sul formato, la risoluzione, la batteria e lo spazio sulla scheda SD.

I controlli sono sempre intuitivi, così in pochi secondi e una manciata di tocchi potete scegliere le impostazioni desiderate, affidandovi ad uno schermo capacitivo che si conferma molto reattivo.

Ritroviamo anche la batteria Enduro da 1.720 mAh, pensata per consentire il funzionamento della GoPro anche a temperature basse, lo slot per la scheda microSD e il connettore USB-C per la ricarica: tre elementi che trovate nascosti dietro lo sportellino laterale, sportellino che ripropone la stessa ermetica chiusura vista nei modelli precedenti.

GoPro Hero 12 Black filettatura compressed

Sull’altro lato troviamo il tasto di accensione/spegnimento, che permette anche di cambiare le modalità, mentre sopra abbiamo il pulsante di scatto/registrazione.
Completano il quadro la filettatura 1/4-20 e i gancini necessari ad abbinare GoPro ad un sempre più vasto parco di accessori.

Anche all’interno qualcosa è rimasto invariato: il processore, il GP2, è lo stesso della Hero 11 e della Hero 10 e continua ad offrire ottime prestazioni, senza rallentamenti di sorta. Troviamo poi lo stesso sensore 8:7 e di nuovo 3 microfoni che garantiscono una resa più che discreta, seppur non paragonabile all’uso di un microfono esterno. E se vi state chiedendo se potete farlo, beh… sì: GoPro Hero 12 Black può essere collegata a microfoni esterni tramite il Bluetooth, incluse le AirPods di Apple e qualsiasi altro paio di auricolari wireless abbiate. Questo vi permette per altro di usare i comandi vocali oltre che raccontare ciò che sta accadendo mentre state registrando.

Le differenze

Che altro c’è di nuovo?
Prima di tutto video e foto in HDR, così da avere più dettagli nelle zone d’ombra.
Non siamo di fronte a qualcosa di rivoluzionario, questo è vero; in fondo i video in HDR li ritroviamo anche sugli smartphone ma il punto qui è offrire qualcosa in più agli utenti, ampliando un arsenale che è già molto vasto.
GoPro Hero 12 Black permette infatti di registrare video fino a 5,3K a 60 fps, consente di sfruttare l’HyperView per avere un campo visivo ampissimo, vi permette di usare tutto il sensore 8:7 per poi decidere in post produzione quale porzione tenere e offre la registrazione in verticale per essere già pronti all’uso social. Per altro la nuova arrivata permette di registrare in verticale anche quando la montate in orizzontale. Vi basta selezionare il formato 9:16 e il gioco è fatto.

Ora potete inoltre sfruttare tre Night Effects ossia Star Trail, Light Painting e Scie luminose veicoli; un buon modo per portarvi a casa qualcosa di originale anche al buio, tenendo però presente che in condizioni di scarsa luminosità Hero 12 Black arranca ancora un po’.

Rimane invece impressionante la stabilizzazione. L’HyperSmooth 6.0, l’ultima evoluzione del sistema di stabilizzazione di GoPro, integra l’Autoboost, che analizza la scena con una frequenza quattro volte superiore rispetto a quanto accadeva con l’HyperSmooth 5.0. Tutto questo per garantire il campo visivo più ampio possibile, riducendo il crop ogni volta che è possibile.
Potete poi contare sul blocco dell’orizzonte a 360° per clip ancora più stabili.

DCIM100GOPROGOPR0003.JPG
Foto scattata con GoPro Hero 12 Pro

Per i professionisti arriva il GP-Log con le LUT. Che vuol dire? Che potete registrare i video in Log, ossia in un formato poco saturato e poco contrastato, per poi agire in post produzione applicando le LUT – Look-Up Table – messe a disposizione da GoPro per dare tono, vita e atmosfera al girato.

Scopri la disponibilità e Acquista con Amazon Prime. Qui tutti i vantaggi!

Terminiamo con l’autonomia.
In questi pochi giorni di utilizzo non abbiamo avuto modo di testare a pieno tutto ciò che ha promesso GoPro, ossia:

  • 70 minuti con la registrazione a 5,3K @60fps con HyperSmooth 6.0 attivo;
  • 58 minuti con la registrazione a 4K @120fps con HyperSmooth 6.0 attivo;
  • 90 minuti con la registrazione a 5,3K @30fps con HyperSmooth 6.0 attivo;
  • 155 minuti con la registrazione a 1080p @630fps con HyperSmooth 6.0 attivo.

Abbiamo comunque notato una tendenza a scaldarsi meno dopo periodi prolungati di tempo, con la batteria che non ci ha dato problemi durante il nostro giro in biciletta e neanche nel corso della nostra oretta di allenamento in palestra.
Ci riserviamo comunque di fare altri test e aggiornare poi questa recensione.

Il Max Lens Mod 2.0

Max Lens Mod 2 prova compressed

Dedichiamo qualche parola anche a lui, il Max Lens Mod 2.0. Il modulo che potete applicare alla vostra GoPro Hero 12 Black per ampliare il campo visivo arrivando a 177°, con supporto alla registrazione video in 4K a 60 fps.

Saremo brevi: ci è piaciuto molto.
Una volta iniziato ad usare, diventa difficile rinunciarci proprio perché amplia il campo e permette di catturare una porzione maggiore dell’ambiente che ci circonda mentre facciamo qualsiasi attiva, dalla bici alla mera camminata, dallo skateboard agli sci.

È vero, c’era anche prima, ma ora il campo è più ampio – 177° contro i 155° precedenti – ed è più resistente ai graffi, più leggero e più compatto.

La recensione di GoPro Hero 12 Black: conclusioni

GoPro Hero 12 Black recensione con Max Lens Mod 2 compressed

GoPro Hero 12 Black è indubbiamente un bel gioiellino, un action cam che non è ancora perfetta ma che viene perfezionata ogni anno cercando di rispondere alle esigenze del proprio pubblico, composto principalmente da sportivi e videomaker.
Come anticipato, non possiamo quindi che dirvi questo: vale i 449,99 € richiesti.

Se però avete già una Hero 11 Black, sappiate che non siamo di fronte ad un salto generazionale senza precedenti. Valutate quindi l’upgrade solo se le novità di quest’anno, come l’HDR o il GP-Log, risultano vitali per voi e/o il lavoro che svolgete con la vostra GoPro.

Da non perdere questa settimana su Techprincess

🎮 Xbox Games Showcase 2024: tantissimi annunci, tra grandi ritorni e novità
💻A Taiwan per toccare con mano i nuovi AI PC di ASUSEd è solo l’inizio
💬Google lancia l’app Gemini in Italia: ecco come provare l’AI su Android e iOS
🧩La strategia di Jansen Huang, il CEO-rockstar: mi ha offerto da bere e chiesto del turismo in Italia
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

 

Autore

  • Erika Gherardi

    Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

    Visualizza tutti gli articoli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button