CulturaFeaturedVideogiochi

7 consigli per l’uso di Tinder che abbiamo imparato da Super Seducer 2

Il nuovo gioco di Richard La Ruina può aiutarci a fare conquiste su una delle App di dating più famose? Vediamolo insieme!

È uscito da poco più di un mese Super Seducer 2, sequel di uno dei titoli più discussi sul web negli ultimi mesi. Si tratta fondamentalmente di un dating simulator basato sull’esperienza del pick-up artist Richard La Ruina, che interpreta l’alter ego del giocatore nella maggior parte dei livelli.

Questi consistono in filmati interattivi che riproducono differenti situazioni di abbordaggio dal più classico approccio al bar all’ambiente lavorativo, passando in questo secondo capitolo anche da punti di vista differenti, compreso quello femminile. Tuttavia, non siamo qui per parlarvi delle caratteristiche di questo titolo: potete trovare tutte le informazioni che cercate nella nostra recensione.

L’obiettivo di questo articolo è infatti raccontarvi alcuni dei consigli e degli insegnamenti che abbiano raccolto giocando a Super Seducer, in particolare quelli dedicati all’uso delle app di dating come Tinder. Uno degli ultimi livelli è infatti dedicato proprio a questo argomento e contiene diversi suggerimenti per sfruttarle al meglio e, chissà, magari trovare anche il proprio partner ideale.

Siete pronti? E allora iniziamo subito con i 7 consigli per l’uso di Tinder che abbiamo imparato da Super Seducer 2!

Super Seducer : How to Talk to Girls
Super Seducer : How to Talk to Girls
Developer: RLR Training Inc
Price: 12,99 €

Super Seducer 2
Super Seducer 2
Developer: RLR Training Inc
Price: 10,79 €
1 2 3 4 5 6 7 8Pagina successiva
Tags

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker