fbpx
NewsTech

Adobe presenta Firefly, i nuovi servizi di AI generativa per immagini e testo

Adobe annuncia Firefly, una nuova famiglia di modelli creativi di AI generativa, focalizzati sulla creazione di immagini ed effetti di testo. Firefly renderà ancora più precisi, potenti, semplici e veloci i flussi di lavoro di Creative Cloud, Document Cloud, Experience Cloud e Adobe Express. Programmi dove i contenuti vengono creati e modificati. Firefly farà parte di una serie di nuovi servizi di intelligenza artificiale generativa Adobe Sensei su tutte le piattaforme cloud di Adobe.

Adobe Firefly basato sull’innovazione dell’intelligenza artificiale

Adobe vanta oltre dieci anni di esperienza nell’innovazione dell’Intelligenza Artificiale. Offre, grazie ad Adobe Sensei, centinaia di funzionalità intelligenti nelle applicazioni utilizzate da centinaia di milioni di persone. Funzioni come Filtri Neutrali di Photoshop e Riempimento in base al contenuto di After Effects consentono agli utenti di creare, editare, misurare, ottimizzare e revisionare miliardi di contenuti in modo potente, preciso, semplice e veloce. Queste innovazioni sono sviluppate e implementate in linea con i principi etici dell’AI di responsabilità, affidabilità e trasparenza di Adobe.

Adobe Firefly: Nuovi superpoteri per i creator 

Adobe ha progettato Firefly per dare a tutti i creator nuovi superpoteri che consentano loro di stare al passo con la propria immaginazione. Con Firefly, chiunque crei contenuti, a prescindere dall’esperienza, sarà in grado di utilizzare le proprie parole per generare contenuti esattamente come li ha concepiti. Firefly consente di produrre infinite variazioni di contenuti e apportare ripetute modifiche (sempre in linea con il brand) in modo semplice e veloce. Adobe integrerà Firefly anche direttamente nei suoi strumenti e servizi leader del settore. In questo modo gli utenti possono sfruttare senza sforzo la potenza dell’AI generativa all’interno dei loro flussi di lavoro già esistenti.

Adobe lancia inoltre una beta per Firefly che mostra come i creator, a prescindere dall’esperienza e competenza, possano generare immagini di alta qualità e straordinari effetti di testo. Adobe è convinta che non sia possibile sfruttare appieno il potere della tecnologia senza una fervida immaginazione che la alimenti.

Attraverso il processo della versione beta, l’azienda si interfaccerà con la community creativa e i clienti, sviluppando man mano questa tecnologia trasformativa e integrandola nei flussi di lavoro delle applicazioni. Le prime applicazioni a trarre vantaggio dall’integrazione di Firefly saranno Adobe Express, Adobe Experience Manager, Adobe Photoshop e Adobe Illustrator.

Adobe Firefly, immagini di alta qualità e sicure per un uso commerciale 

Firefly sarà composto da più modelli, realizzati su misura per offrire agli utenti un’ampia gamma di competenze e profili tecnici per molteplici esigenze d’uso. Il primo modello di Adobe, addestrato su immagini di Adobe Stock, contenuti con licenza aperta e contenuti di dominio pubblico con copyright scaduto, si concentra su immagini ed effetti di testo ed è pensato per generare contenuti sicuri per uso commerciale.

Le centinaia di milioni di immagini professionali con licenza di Adobe Stock sono tra le migliori sul mercato e impediscono a Firefly di generare contenuti basati sull’IP di altre persone o brand. I futuri modelli Firefly faranno leva su una varietà di risorse, tecnologie e dati di Adobe e altri produttori. Proseguendo nell’implementazione di altri modelli, Adobe si concentrerà principalmente sulla prevenzione di potenziali bias dannosi. 

Firefly text to image gallery

Un approccio con gli utenti al centro 

Adobe sta sviluppando l’AI generativa per sostenere i creativi e aiutarli a beneficiare al meglio delle proprie competenze e creatività. 

Un approccio con gli utenti al centro 

I contenuti stanno alimentando l’economia globale e, al contempo, creatività e design sono più ricercati che mai. In un recente studio di Adobe, l’88% dei brand ha affermato che la domanda di contenuti è più che raddoppiata nell’ultimo anno, mentre due terzi ritiene che crescerà di 5 volte nei prossimi due anni.

Adobe punta sull’AI generativa per far fronte a questa sfida, con soluzioni che consentano di lavorare in modo più veloce, pratico e smart, inclusa la possibilità di addestrare Firefly con il proprio materiale, generando contenuti in linea con il proprio stile e brand. 

Compensare i creatori

Come già fatto nel caso di Adobe Stock e Behance, Adobe intende sviluppare l’AI generativa in una modalità che consenta ai professionisti della creatività di monetizzare il frutto del proprio talento. Adobe sta quindi sviluppando un modello di remunerazione per i contributor di Adobe Stock e condividerà maggiori dettagli una volta che Firefly uscirà dalla versione Beta.

Adobe Creative Cloud Photography Plan with 20GB | 1 Anno |...
  • Modifica: incentrata su desktop con Lightroom Classic
  • Organizzazione: include la gestione di cataloghi basata sui file
  • Memoria: 20 GB di memoria, sufficienti per cominciare ad accedere, modificare e fare il backup in sicurezza delle tue...

Promuovere standard aperti

Adobe ha fondato la Content Authenticity Initiative (CAI) per creare uno standard globale per l’attribuzione di contenuti digitali affidabili. Con oltre 900 membri in tutto il mondo, il ruolo della CAI è più importante che mai. Adobe sta spingendo verso standard di settore aperti utilizzando gli strumenti open source della CAI, che sono gratuiti e sviluppati attivamente attraverso l’organizzazione no-profit Coalition for Content Provenance and Authenticity (C2PA).

Tra gli obiettivi, un tag universale di Credenziali Contenuto “Do Not Train” nelle credenziali di contenuto dell’immagine, per consentire ai creatori di vietare che i propri contenuti vengano utilizzati per l’addestramento e la formazione dei modelli. Il tag rimarrà associato ai contenuti ovunque vengano utilizzati, pubblicati o memorizzati. Inoltre, i contenuti generati dall’IA verranno contrassegnati di conseguenza.

Ultimo aggiornamento 2024-07-17 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Da non perdere questa settimana su Techprincess

🎮Il video del monaco buddista che gioca a Super Mario (e prega per ogni nemico ucciso)
 
💍A cosa serve un anello smart? | La prova di RingConn Smart Ring
 
💬noplace è l’applicazione più scaricata su App Store: scopriamo di cosa si tratta
 
Chi ha detto che il fotovoltaico deve essere complicato?
 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Autore

  • Roberta Maglie

    Amante del cinema, serie tv, tecnologia e video games, mi piace approfondire la cultura pop attraverso il battere delle mie dita sulla tastiera del MacBook. La laurea in Comunicazione mi ha dato la spinta per buttarmi nel mondo del giornalismo, dandomi così l’opportunità di riflettere sui temi più disparati.

    Visualizza tutti gli articoli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button