fbpx
FeaturedNewsTech

Android cambia nome: basta dolci, si passa ai numeri

Colpo di scena in diretta da Mountain View

Dopo tanti anni di nomi particolari e interessanti (soprattutto per chi ha avuto modo di mangiare tutti quei dolci), Google ha oggi comunicato ufficialmente che ci sarà un importante cambio proprio per quanto concerne la nomenclatura. Si parte con Android 10, nuovo nome del sistema operativo creato dagli ingegneri di Mountain View. Ecco i dettagli e le motivazioni.

Android 10

Android 10: nuovo nome, nuovo stile

A partire dal 2009 in poi, la tradizione made by Google ha sempre voluto il nome di un dolce nelle varie versioni di Android, sistema operativo con il famoso robottino verde come simbolo internazionale. Siamo passati da Donut a Eclair, da Ice Cream Sandwich a Jelly Bean, senza dimenticare KitKat, Lollipop, Marshmallow e così via. Secondo un post ufficiale pubblicato oggi sul blog di Big G, pare che d’ora in poi non ci saranno più dolci abbinati alle varie versioni di Android, a partire già dal prossimo ormai quasi in uscita. Android 10 sarà il nuovo nome di quello che precedentemente era stato presentato come “Q”; anche Google, come altri produttori, ha quindi deciso la via della numerazione seriale.

Android 10

Android 10: ecco i motivi del cambiamento

La scelta di chiamare il sistema operativo “Android 10” e di non includere più dolci nei vari nomi è stata motivata in più modi da Google: innanzitutto, c’erano pochissimi dolci con la lettera “Q” iniziale tra cui scegliere e poi, questione più importante, la diffusione dei dolci stessi nel mondo; secondo Big G infatti, alcuni dolci come i Marshmallow non erano molto conosciuti al di fuori degli Stati Uniti d’America, motivo per cui risultavano difficili da comprendere per tutti. Allo stesso modo, alcuni paesi avevano difficoltà di pronuncia di alcuni nomi (come quelli contenenti le lettere “L” e “R” ad esempio). Insomma, sono stati molteplici i motivi che hanno fatto propendere per questa drastica decisione, e per quanto possa dispiacere, ha sicuramente senso.

Android 10 è stato scelto inoltre come svolta assoluta rispetto al passato, motivo per cui un cambio totale si era reso necessario in vista di rinnovamenti al sistema operativo, migliorie grafiche e novità per quanto concerne i colori. Cambiano infatti anche i look del robottino verde e le varie tonalità esadecimali viste finora; certo, molte saranno differenze davvero minime ad occhi poco esperti, ma Google sembra seriamente intenzionata a portare una reale ventata d’aria fresca, un po’ come fece Apple con iOS7 (seppur non cambiò il nome).

Android 10

Le modifiche per quanto concerne colori e forme sono state motivate come una miglior resa nel contrasto affinché sia possibile rendere tutto più facile da leggere e, soprattutto, più d’impatto.

Sicuramente ci sono alcuni tasselli che ancora vanno incastrati in questa vicenda: cosa succederà a livello estetico nella sede di Mountain View in vista di questo cambiamento per Android 10? Come molti di voi sapranno, nella sede del produttore c’è un piccolo giardino aperto al pubblico che contiene grandi sculture a forma di biscotti, ciambelle, leccalecca, cupcake, marshmallow e altri dolci proprio in rappresentanza dei vari sistemi operativi.

Come verrà rappresentata, in termini artistici, la scultura di Android 10? Staremo a vedere.

Tags

Ricky Delli Paoli

Parlo italiano e inglese di giorno, russo di notte. Molti mi definiscono "creativo", io rispondo che sbagliano perché sono un creatino. Fotografo, riprendo (sia come "video" sia se sbagliate qualcosa), faccio Time Lapse, metto miei filmati su YouTube e racconto cose alla gente.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker