NewsVideogiochi

Call of Duty: Black Ops 4, tutto quello che c’è da sapere

Nel corso della scorsa giornata, Call of Duty: Black Ops 4 si è finalmente mostrato al pubblico attraverso una presentazione mondiale svoltasi in quel di Los Angeles. Il world reveal ci ha permesso di dare uno sguardo ravvicinato alla prossima incarnazione del popolare sparatutto, distribuito da Activision e sviluppato da Treyarch, che avrebbero confezionato un prodotto particolarmente innovativo – per certi versi.

Il quarto episodio della serie Black Ops sposterà interamente il focus sull'esperienza multiplayer, rinunciando alla tradizionale campagna multiplayer per dedicarsi anima e corpo alle partite competitive e a quelle co-op, con le nuove avventure Zombie.

Prima di poter mettere le mani su questo ambizioso FPS, in arrivo il 12 ottobre, facciamo il punto della situazione sulle principali novità presentate da Activision e Treyarch.

Black Ops 4: un capitolo rivoluzionario

Si parte dunque dal cavallo di battaglia di questo Call of Duty: Black Ops 4, ovvero il multigiocatore PvP. Senza troppi giri di parole, l'intero comparto si baserà sull'azione nuda e cruda, impreziosita da una più percettibile componente tattica.

L'esperienza "boots on the ground" in perfetto stile Treyarch è sintetizzata in match adrenalinici, che rinunciano al verticalismo offerto dagli innesti cibernetici e da eventuali jetpack per favorire l'abilità del giocatore e le sue capacità meramente strategiche. Strategia che sarà fortemente legata al gioco di squadra e, quindi, alla collaborazione tra il nostro Specialista e quelli dei nostri compagni.

Sì, sono tornati gli Specialisti, già introdotti in Black Ops III e riproposti nel diretto sequel con una serie di gradite new entry. Avendoli intravisti nei primi filmati del world reveal, sappiamo che torneranno alcune vecchie glorie quali Ruin, Seraph, Battery e Firebreak, rinfrescati con nuove abilità e con qualche lieve modifica al proprio arsenale. Questi saranno accompagnati dai debuttanti Ajax, Crash, Recon e Torque, per un totale di otto personaggi giocabili – quelli confermati finora, se non altro.

Per ciascun Specialista sarà presente una missione singleplayer, che fungerà da tutorial per il loro impiego sul campo di battaglia e che ci racconterà in breve la loro storia.

Il loadout del nostro Specialista potrà essere plasmato attraverso il sistema Pick 10, altro grande ritorno che renderà felici i fan di Black Ops. Come suggerisce il nome stesso, questo ci consentirà di selezionare dieci elementi, tra gadget e accessori per la nostra arma principale e per la secondaria e i perk del personaggio.

Parlando di meccaniche di gioco, tra le novità più importanti dovremmo necessariamente soffermarci sul nuovo sistema di gestione della salute. Quest'ultima, infatti, non si rigenererà più automaticamente, ma dovrà essere ripristinata tramite delle iniezioni, dotate di un determinato tempo di ricarica. Quella di Treyarch è una scelta coraggiosa – e "old school", aggiungeremmo – che costringerà molti giocatori ad adottare (finalmente) un approccio diverso durante i match; staremo a vedere quale sarà il risultato finale.

Zombie: tre campagne disponibili al lancio

Quest'anno Call of Duty: Zombies giunge al suo decimo anniversario, sarà per tale occasione che Treyarch ha deciso di realizzare non una, ma ben tre campagne Zombie per il lancio di Call of Duty: Black Ops 4: Voyage of Despair, IX e Blood of the Dead.

Partiamo da Voyage of Despair, quella che è stata presentata come la campagna principale che ci permetterà di conoscere i nostri quattro nuovi eroi: ScarletBrunoDiego e Shaw. A giudicare dal trailer, la storia sembra ambientata a bordo del Titanic, dove un viaggio apparentemente sereno viene stravolto da un terribile incidente, che trasformerà tutti i passeggeri e l'intero equipaggio in famelici zombie.

"Iceberg? Spoiler alert: erano stati gli Zombie". Bella mossa, Treyarch.

Con IX l'azione si sposterà in una sorta di sogno in cui saranno coinvolti gli eccentrici protagonisti, catapultati in un setting alquanto atipico. Ci troviamo in un'arena di battaglia, presumibilmente romana, in cui una misteriosa figura sta compiendo un rito; ecco dunque una nuova orda di morti viventi, particolarmente determinati a farci a brandelli.

Vista l'inaspettata scelta dell'ambientazione storica, gli sviluppatori ci invitano ad utilizzare un arsenale del tutto diverso dalle solite bocche di fuoco à la Call of Duty. I giocatori dovranno quindi impugnare spade, scudi, lance e chi più ne ha più ne metta, per una frenetica battaglia ad ondate all'insegna dell'arma bianca.

Insomma, alla fine gli zombie sono riusciti a disturbare anche i poveri gladiatori.

Concludendo la parentesi dedicata agli zombie, la sorpresa finale s'intitola Blood of the Dead. Dalla presenza del brano "Where Are We Going" – lanciato nella campagna Mob of the Dead di Black Ops II – deduciamo che i quattro eroi di questa terza campagna saranno Michael "Finn" O'Leary, Albert "Weasel" Arlington, Salvatore "Sal" DeLuca, Billy Handsome.

Non abbiamo conferme riguardo al cast o ulteriori informazioni, ma potremmo dire che il breve teaser sia stato più che sufficiente, osservando l'incredibile esaltazione dei fan.

Tra le novità apportate all'inedito comparto co-op troveremo un più articolato sistema di personalizzazione, una nuova gestione delle sfide della community e una vera e propria piattaforma social progettata per riunire tutti i giocatori di Call of Duty: Black Ops 4. Ultima, ma non meno importante, la modalità Zombie Rush, che proporrà accattivanti sfide ai veterani ed un ritmo di gioco più scorrevole per i neofiti.

Blackout: Black Ops diventa Battle Royale

La terza colonna portante dell'ultima produzione Activision si rivela essere la tanto discussa modalità battle royale, per la prima volta nella storia di Call of Duty.

S'intitolerà Blackout la modalità multigiocatore che trasporrà l'azione su vasta scala, seguendo l'esempio dei ben più noti Fortnite e PUBG. I giocatori dovranno competere tra loro e, quindi, sopravvivere nel tentativo di arrivare fino alla fine della partita, da soli o in compagnia del proprio team. L'arena potrà vantare un'area 1500 volte più grande della celebre Nuketown e permetterà ai partecipanti di utilizzare veicoli da terra, aria e mare.

Per i fan "storici" di Call of Duty sarà una sorta di tuffo nel passato. Questi potranno tornare a vestire i panni di alcuni dei personaggi più iconici della serie Black Ops, come l'indimenticabile Alex Mason (COD: Black Ops) o Raul Menendez (COD: Black Ops II).

Treyarch sembra aver investito non poco nella sua prima modalità battle royale, al punto da attribuire proprio a Blackout il motivo dell'assenza di una campagna singleplayer, già divenuto oggetto delle feroci critiche dei videogiocatori.

Call of Duty: Black Ops 4 approda su Battle.net

“La community di Black Ops è fondamentale per noi, quindi sapevamo di doverci spingere oltre ogni limite, per creare qualcosa di davvero special come Blackout, con la più grande mappa mai creata in Call of Duty. Lo stesso vale per la nostra community PC. Ci hanno ispirato e spinto verso un nuovo standard per PC attraverso ogni aspetto, da server dedicati e sicurezza alla completa ottimizzazione, all’altezza di Black Ops e Battle.net.”

Con queste parole Mark Gordon, co-studio head di Treyarch, ci parla della futura versione PC di Call of Duty: Black Ops 4 e del suo arrivo su Battle.net. Lo studio di sviluppo collaborerà con Bennox per l'ottimizzazione del titolo per la celebre piattaforma targata Blizzard e che al momento può vantare la presenza di titoli quali Destiny 2 e Overwatch.

I giocatori da mouse e tastiera avranno accesso a framerate illimitati, risoluzione 4K e HDR, piena customizzazione dei controlli e supporto per monitor ultra-wide. Sarà inoltre possibile personalizzare l'intero settaggio grafico e ottenere in tal modo le migliori performance che il proprio hardware possa garantire. Nella versione PC stati incorporati anche i sistemi social, la sicurezza e la stabilità dei server di Battle.net.

Questo è tutto quello che possiamo dirvi finora in merito a Call of Duty: Black Ops 4. Un episodio che prende notevoli distanze dalle precedenti incarnazioni, presentandosi come un nuovo punto di (ri)partenza per l'intero franchise. Parola chiave: multiplayer.

Il 12 ottobre 2018 scopriremo se Treyarch avrà vinto la sua scommessa, quando avremo la possibilità di sviscerare il nuovo sparatutto su PlayStation 4, Xbox One e PC.

Tags

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker