fbpx
NewsTech

Un team di ricercatori sta lavorando alla creazione di un hard disk da 700 TB

L'equivalente di 28.000 Blu-Ray da 25GB

Col passare degli anni, la quantità di dati generati tramite i nostri dispositivi, sia smartphone che PC, è cresciuta in modo esponenziale. Basti pensare alle memorie interne degli smartphone che, nonostante siano sempre più capienti, sembrano non bastare mai. C’è quindi la necessità di sviluppare tecnologie di archiviazione in grado di accogliere l’enorme quantità di dati che generiamo: per fortuna sembra che in futuro saranno disponibili degli hard disk dalle capacità incredibili, fino a 700 TB.

L’incredibile traguardo: hard disk con una capacità di 700 TB

La richiesta di archiviare dati sempre più grandi ha portato all’implementazione diffusa dei data center, che però consumano enormi quantità di energia. Inoltre si affidano ad hard disk con capacità di archiviazione limitate (come 2TB per disco) e una durata limitata (fino a 3-5 anni).

I ricercatori della USST (University of Shanghai for Science and Technology), della RMIT University e NUS (National University of Singapore) hanno avviato un progetto per superare queste limitazioni. Sono riusciti ad ottenere una densità di dati notevolmente migliorata, raggiungendo una capacità di archiviazione stimata di 700 TB su un hard disk di 12 cm. Questo equivale alla capacità di archiviazione di 28.000 dischi Blu-Ray. La tecnologia utilizza dei laser a onda continua economici, riducendo i costi operativi rispetto alle tradizionali tecniche di scrittura ottica.

“Sebbene siano necessari progressi per ottimizzare la tecnologia, i risultati aprono nuove strade per affrontare la sfida globale dell’archiviazione dei dati. La tecnologia è adatta alla produzione in serie di dischi ottici, quindi il potenziale è enorme.” affermano gli esperti.

Come funziona

team di ricerca - hard disk 700 TB

La tecnologia utilizza un nuovo materiale nanocomposito che combina scaglie di ossido di grafene con nanoparticelle. L’ossido di grafene può essere visto come un singolo strato di grafite con diversi gruppi di ossigeno. La riduzione dell’ossido di grafene mediante l’eliminazione di questi gruppi di ossigeno produce un materiale chiamato ossido di grafene ridotto, che ha proprietà simili al grafene. Bit di informazioni sono stati scritti nel nanocomposito utilizzando nanoparticelle per ridurre localmente l’ossido di grafene dopo l’illuminazione ingegnerizzata.

L’utilizzo di queste nanoparticelle consente una scrittura ottica efficiente, utilizzando laser a bassa intensità, con conseguente basso consumo energetico e una lunga durata dei dispositivi ottici.

Offerta
WD 2TB Elements Portable, Hard Disk Esterno Portatile, USB...
  • Trasferimenti dati ultraveloci con USB 3.0
  • Capacità elevatissima
  • Software di backup WD in prova gratuita
Source
Storage Newsletter

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button