fbpx

COLONIA – Anche Ford spinge sull’acceleratore nel mondo dei videogame e crea Fordzilla, un nome che riunirà diverse squadre nazionali di player professionisti pronte a competere tra loro nei più importanti campionati di videogame.

Fordzilla

Fordzilla, l’annuncio al Gamescom 2019

Siamo stati all’edizione annuale del Gamescom in Germania, ospiti della Ford, che proprio in questo frangente ha annunciato la nascita di Fordzilla, un progetto che si basa sulla creazione di differenti team nazionali nati appositamente per competere nel mondo degli eSport. Per ora sappiamo che le squadre nazionali sono pronte a reclutare una serie di fuoriclasse provenienti da ItaliaFranciaGermaniaSpagna Inghilterra. L’obiettivo? Affrontare i più importanti campionati dedicati ai racing game.

Ad accompagnare l’annuncio anche uno stand interamente dedicato al modo dei videogiochi. Una vocazione testimoniata soprattutto dal simulatore 4D che, oltre a mantenere tutte le caratteristiche di un sistema di ultima generazione, dava la possibilità ai partecipanti di oscillare nello spazio attraverso un sistema di ammortizzazioni e leve. Il risultato è un maggior senso di movimento all’interno della struttura ed un’esperienza di gioco ancora più realistica.

Quattro chiacchiere con Amko Leenarts

Alla Gamescom abbiamo avuto anche il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Amko Leenarts, nuovo direttore del design di Ford Europe.

Amko ha sottolineato come la scelta di creare Fordzilla sia nata principalmente grazie all’evidente relazione tra Ford e il mondo dei videogame, in quanto i veicoli dell’Ovale Blu sono sempre tra i più scelti in tutto il mondo in qualsiasi videogioco di guida. Per questo motivo oggi il team Ford è alla quotidiana ricerca dei migliori piloti virtuali per formare le prime squadre eSport.

Oltre alle cinque squadre nazionali, verrà creato anche un team europeo composto dai Top-Player più famosi in ciascuno di questi paesi.

Fordzilla

“Contrariamente a quanto si possa pensare, il gamer medio ha circa trent’anni – racconta Amko Leenarts – Ecco perché ogni due di mesi stiamo lanciano nuove automobili all’interno dei videogames, una vasta gamma che comprende, oltre alle automobili più recenti, anche quelle più classiche. In questo modo tutti i giocatori possono ritrovare le auto che amano, mentre i nuovi gamer vengono attirati dalla presenza delle auto più recenti”.

Per quanto possa sembrare semplice, in realtà inserire veicoli classici all’interno dei videogame è più complicato rispetto alla creazione di quelli più moderni.

“Noi ovviamente offriamo una vastissima gamma di auto da cui attingere. Ora, mettere auto nuove nei videogiochi è relativamente semplice, perché sono state comunque create digitalemente – ci ribadisce Leenart – ma mettere anche le automobili classiche è indubbiamente più complicato poiché devi digitalizzare e ricreare migliaia di vecchi disegni. Anche le informazioni riguardo il colore, i materiali, il modo in cui si guida, non sono digitalizzate, quindi risulta decisamente più difficile”.

Leenart ha poi continuato: “La distinzione tra mondo reale e virtuale è sempre più sottile. Il gioco è ormai parte integrante della cultura di massa. Molti dei più grandi gamer sfidano piloti professionisti nella vita reale, e tante delle nostre attività quotidiane sono ormai ‘gamificate’: dall’utilizzo di app per il fitness alla raccolta punti fedeltà. Sfruttare la passione e l’esperienza della comunità gaming aiuterà a far evolvere il nostro modo di pensare sulla mobilità del futuro, qualcosa per cui siamo tutti impegnati e davvero molto entusiasti”.

Un obiettivo a cui quelli di Ford credono veramente: nel 2017 sono stati la prima casa automobilistica ad avere uno stand al Gamescom e nel 2018 è stato il primo brand in assoluto a presentare un veicolo – il nuovo Ford Ranger Raptor, la versione performance del pick-up più venduto in Europa – in questa fiera che vanta più di 1000 espositori e centinaia di migliaia di visitatori ogni anno.

Fordzilla

Tra i più importanti videogiochi: Forza Motorsport 7

I team di Fordzilla si cimenteranno tra i più famosi videogiochi di guida. Tra questi anche Forza Motorsport 7, sviluppato da Turn 10 Studios, software house che appartiere ai Microsoft Game Studios.

Siamo lieti di constatatre che Forza Motorsport sia la scelta di grandi marchi come Fordd per lanciare iniziative nel mondo eSport – ha dichiarato Justin Osmer, SR Manager of Partnership Development at Turn 10 Studios – Con milioni di fan che giocano a Forza, abbiamo registrato una crescita significativa nel numero di persone che scelgono di competere, o semplicemente assistere alle gare negli esports, ed è bello vedere un partner accreditato come Ford Motor Company offrire sempre più opportunità per partecipare”.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Enrico Natalini

author-publish-post-icon
il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.