fbpx
samsung galaxy note 9 render

Galaxy Note 9 è realtà: svelati il design e le specifiche tecniche

Ormai è solo una questione di ore prima di poter dare il benvenuto al nuovo Galaxy Note 9 di Samsung, protagonista di un’apposita conferenza stampa in programma per domani in quel di Brooklyn, New York. Ciononostante, in rete sono apparsi diversi render ufficiali che confermano tutte le caratteristiche e il design trapelati nelle scorse settimane, […]


Ormai è solo una questione di ore prima di poter dare il benvenuto al nuovo Galaxy Note 9 di Samsung, protagonista di un'apposita conferenza stampa in programma per domani in quel di Brooklyn, New York. Ciononostante, in rete sono apparsi diversi render ufficiali che confermano tutte le caratteristiche e il design trapelati nelle scorse settimane, svelando ogni possibile dettaglio sul prossimo flagship del colosso sudcoreano.

Galaxy Note 9 non ha più segreti: i render ufficiali

samsung galaxy note 9 render

Le immagini in alta risoluzione ci permettono di dare uno sguardo ravvicinato al nuovo device targato Samsung e confermano, per giunta, le differenti colorazioni disponibili al lancio. Galaxy Note 9 vanterà così le varianti Ocean Blue, Midnight Black, Lilac Purple e Metallic Copper – la famigerata versione "Marrone" di cui vi avevamo già parlato.

Come se ciò non bastasse, i più recenti rumor ci consentono di fare il punto della situazione per quanto concerne la configurazione tecnica del device.

Si parte così dal già vociferato Infinity Display SuperAMOLED da 6,4 pollici, con risoluzione QHD+ (1.440×2.960 pixel) e rapporto d'aspetto 18,5:9. Sotto la scocca troveremo il SoC Exynos 9810 con processore octa-core fino a 2,7GHz, 6 o 8 GB di memoria RAM e un'archiviazione interna che può spaziare dai 128 ai 512GB.

La lunga autonomia sarà garantita da una batteria interna da 4.000mAh – presumibilmente – e dal supporto alla ricarica rapida e alla ricarica wireless.

Tornando sul design, manca anche stavolta il famigerato notch presente invece nei principali device dei competitor. Galaxy Note 9 non si distanzierà troppo dalle linee del suo predecessore, aumentando tuttavia il suo spessore (8,8 mm) e peso (201 g) e riducendo la curvatura dei bordi laterali. Sul retro ritroviamo la doppia fotocamera posteriore, che questa volta monta due sensori da 12MP e due diverse ottiche: una lente grandangolare con apertura variabile (F1.5/F2.4) e un'altra con zoom ottico 2x.

La dotazione hardware viene completata dall'inclusione della nuova S Pen, con supporto alla connettività Bluetooth e al controllo remoto del dispositivo.

Sul fronte software dovremmo ritrovare Android 8.1 Oreo, l'immancabile Intelligenza Artificiale che supporterà il comparto fotografico e la compatibilità con la modalità DeX di Samsung, che nel caso di Galaxy Note 9 non necessiterà della classica docking station.

Galaxy Note 9: prezzi e disponibilità

samsung galaxy note 9 renderCome già accennato, Galaxy Note 9 verrà ufficialmente presentato da Samsung nella giornata di domani, 9 agosto.

In questa data dovrebbero essere avviati anche i preordini, con disponibilità fino al prossimo 23 agosto 2018, giorno che dovrebbe invece vedere il lancio ufficiale dello smartphone sul mercato globale.

Nel Regno Unito, Samsung Galaxy Note 9 sarà messo in vendita in due differenti versioni: una da 6GB (RAM) e 128GB (ROM) da 899£ e il top di gamma da 8/512GB da 1.099£. In Europa queste cifre potrebbero essere tradotte, rispettivamente, in 999€ e 1.199€; numeri da mal di testa, ma Samsung potrebbe sempre smentirci.

Stando alle indiscrezioni, effettuando il preordine del telefono sarà possibile ricevere le cuffie Bluetooth AKG Y50 BT in regalo e altro accessori firmati Samsung.

Rimandiamo dunque l'appuntamento a domani, quando durante il keynote di New York scopriremo tutti i dettagli ufficiali in merito a Samsung Galaxy Note 9 e se – come da tradizione – i rumor avranno avuto la meglio anche questa volta.


Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.