fbpx
CulturaTech

Garmin premia chi supera le sfide

Si è tenuta la quinta edizione dei Beat Yesterday Awards

I Beat Yesterday Awards sono ormai una tradizione ricorrente per Garmin, celebre azienda in ambito tech. Un progetto che mira a premiare chi è riuscito a superare sfide eccezionali, legate alla propria storia o meno, con impegno, dedizione e un pizzico di coraggio e follia, che non guasta mai. Proprio in questi giorni si è tenuta la premiazione della quinta edizione del premio, ricca di ospiti speciali per celebrare queste avventure eccezionali.

Garmin Beat Yesterday Awards 2021, ecco i vincitori

La serata si è aperta con l’avventura di Marco Martinez. Un giovane che ha scelto di acquistare una barca, rimetterla completamente a nuovo e su di essa salpare verso l’orizzonte. Destinazione Grecia, arrivando fino ai confini con la Turchia. Una vera e propria avventura, che trasmette determinazione e forza. A celebrarlo, un grande del mondo nautico come Michele Cannoni, direttamente dal Team Luna Rossa.

Dal mare poi ci si è spostati alla montagna, con la storia di Enrica Gouthier. Cinque anni di preparazione sono serviti a questa donna per riuscire a raggiungere il proprio obiettivo: completare l’Ultra Trail du Mont Blanc, un percorso da oltre 170km con più di 10.000 metri di dislivello totale. Correre è diventato un modo per trovare sé stessa, negando le difficoltà incontrate lungo la strada. È stato emozionante vederla raccontarsi, fianco a fianco con il grande alpinista Hervé Barmasse.

Queste imprese poi non colpiscono solo per le difficoltà in sé, ma a volte anche per il loro obiettivo. È il caso della storia di Wolfango Poggi che ha dimostrato di avere un grande cuore, non solo in senso sportivo. Quest’uomo è salito in sella alla sua bicicletta per un viaggio lungo otto giorni che lo ha portato da Firenze fino alla città di Belgrado. L’obiettivo era raccogliere fondi per ampliare un asilo in un villaggio serbo, progetto della fondazione Novak Djokovic. Ebbene, Wolfango è riuscito ad attrarre donazioni per oltre 10.000 euro con la sua impresa. Una storia toccante, che ha emozionato anche i presentatori del premio Garmin Beat Yesterday Norma Gimondi e Alessandro Ballan.

Due storie di genitorialità

A questo punto la palla è passata al motociclista italiano Alessandro Botturi, che ha premiato Domitilla Quadrelli. La donna è passata al mondo delle due ruote dopo aver concluso la propria carriera da modella. Qui ha iniziato a farsi un nome, scoprendo una grande passione. L’amore per questo mondo è stato tale, da spingerla a iscriversi a una gara difficilissima come lo Swank Rally di Sardegna, quando ancora era al sesto mese di gravidanza. Una preparazione attenta l’ha portata ad arrivare in sella alla sua moto alla linea di partenza, solo due mesi dopo aver partorito. E ovviamente all’arrivo l’attendeva il suo piccolo, pronto a celebrare a suo modo la madre.

Infine, è arrivato il momento di Roberto Carnevali e il figlio Manu. Quest’ultimo è un ragazzo autistico e per lungo tempo il padre ha cercato di creare un rapporto di comunicazione e comprensione reciproca con lui. La chiave a quanto pare era il trekking. Le escursioni, amatissime da Roberto e ora anche da Manu, sono riuscite ad avvicinare padre e figlio, creando una relazione più stretta e forte che mai. Una storia toccante, che è stata premiata con il Garmin Beat Yesterday Award dal conduttore Matteo Viviani.

Oltre che nella serata, ognuna di queste imprese è stata raccontata in una clip, realizzata da Daniele Piervincenzi. Ne trovate alcune in questo articolo, ma vi invitiamo a scoprirle tutte per approfondire queste avventure straordinarie. Se invece siete curiosi di sapere di più sui Garmin Beat Yesterday Awards (magari per proporvi per la prossima edizione) potete visitare la pagina ufficiale sul sito dell’azienda.

Garmin Fenix 6 - GPS Smartwatch Multisport 47mm, Display...
  • Schermo a colori da 1, 2' HD
  • Cardio polso Garmin Elevate TM (funziona in acqua)
  • Autonomia GPS + cardio: 25 ore

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button