fbpx
AttualitàCulturaEventi

Giornata della Terra: ecco cosa cercano gli italiani su Google e Maps

L’Earth Day si celebrerà venerdì 22 aprile

Sembra quasi di festeggiare il compleanno di un’anziana signora, piena di acciacchi ma ancora arzilla ed energica, e capace di raccontare affascinanti storie ai più giovani.

Sì, perché venerdì 22 aprile si celebrerà la Giornata della Terra, o Earth Day.

La ricorrenza, come vedremo, è stata istituita (seppure in altra data) nel 1970, e da allora è diventata – di anno in anno – una data sempre meno simbolica e sempre più importante, visto il progressivo peggioramento delle condizioni di salute del nostro Pianeta.

Ma in che modo le persone si interessano alle questioni ambientali? Quali le loro ricerche in Rete?

Una risposta almeno parziale ce la fornisce Google, che proprio in occasione della Giornata della Terra ha reso pubbliche le tendenze di ricerca degli italiani sui temi di ambiente, clima e sostenibilità. Oltre a una lista di luoghi green cercati su Maps. Scopriamo dunque quali sono le ricerche dei nostri connazionali riguardo alle tematiche ambientali.

La Giornata della Terra, gli italiani e la sostenibilità

I dati forniti da Google sono il risultato delle ricerche degli italiani nel periodo che va da gennaio ad aprile del 2022.

E riguardano non solo le parole più digitate nel maggior motore di ricerca, ma anche i luoghi in qualche modo green, o comunque legati alla salvaguardia ambientale, che gli abitanti del Belpaese hanno ricercato su Maps. Vediamo quali sono stati gli uni e gli altri risultati.

Giornata della Terra

Gli italiani e l’ambiente: le ricerche su Google

Per quanto riguarda le parole più ricercate su Google, alla vigilia della Giornata della Terra scopriamo che gli italiani hanno una spiccata e varia sensibilità per quanto riguarda ambiente e sostenibilità.

Gli argomenti che più interessano i nostri connazionali sono legati all’energia, all’inquinamento, ai consumi in mobilità e anche all’alimentazione rispettosa dell’ambiente.

Le due domande più digitate sul motore di ricerca nel periodo gennaio-febbraio 2022 sono state “Cos’è lo sviluppo sostenibile?” e “Quali sono i gas serra?” A seguire, “Cosa fare per ridurre il riscaldamento globale?”, “Come si può risolvere il cambiamento climatico?” e “Quale dieta è la più sostenibile?”

Nel più ampio periodo gennaio-aprile, invece, i cinque argomenti più gettonati su Google sono stati: “Beni usati”, “Energia solare”, “Auto elettrica”, “Veganismo” e “Negozio di seconda mano.”

Ma attenzione soprattutto alle tre ricerche che, rispetto al 2021, hanno avuto addirittura un’impennata del 5000%. Sono tre: “Infrastruttura urbana sostenibile”, “sicurezza dell’acqua” e “ambiente”. Boom anche per temi come “vita sostenibile” (+375% rispetto al 2021) “energia marina” (+370%) ed “economia verde” (+178%).

Gli italiani e l’ambiente: le ricerche su Maps

Su Google Maps, al primo posto tra le mete ecosostenibili digitate ecco le “stazioni di ricarica per veicoli elettrici”, in aumento del 169% rispetto al 2021. Secondo posto per “mercato contadino”, dove acquistare prodotti a chilometro zero.

Impennate rispetto al 2021 per i negozi di abbigliamento second hand (+371%), di abbigliamento usato (+703%) e di abbigliamento vintage (+576%). In crescita del 51% rispetto al 2021 anche la ricerca del “servizio di gestione dei rifiuti”.

La mobilità

Inoltre, per la Giornata della Terra, Google Maps ci offre anche uno spaccato del rapporto tra gli italiani e la mobilità.

Quasi il 40% degli abitanti di Roma e Milano utilizza mezzi alternativi alla macchina per spostarsi in modo sostenibile nella propria città. Infatti, romani e milanesi preferiscono muoversi con i mezzi pubblici, rispettivamente per il 14 e il 13,7%. Oppure camminando (ben il 22,2 e 23,8%), o ancora utilizzando la bicicletta (il 2,8% a Roma e il 2% a Milano). Proprio il dato sulle bici è quello più in crescita rispetto al 2021, nonostante i numeri assoluti ancora bassi. C’è infatti stato un rialzo di due punti percentuali sia a Roma che a Milano.

Many Mornings Save the Planet Calze multicolori Pianeta,...
  • Modello di calzini: salva il pianeta
  • Motivo di calzini: Pianeta, Terra, Giornata della Terra, Madre Natura
  • Colore: verde

La Giornata della Terra

E così, pare che ci sia un forte interesse degli italiani alla sostenibilità. Non solo attraverso le ricerche su Internet ma anche con azioni concrete.

Una consapevolezza individuale sarebbe fondamentale, viste le condizioni sempre più precarie del nostro pianeta, messe in luce dalle molte conferenze sull’argomento. Il clima sta mutando, e il Pianeta è sempre più sfruttato, al punto che da quando l’intervento dell’uomo si è fatto più invasivo, c’è chi ha proposto di adottare un nome: antropocene. Con cui si definirebbe l’era geologica in cui stiamo vivendo, nella quale l’uomo ha modificato, non certo in meglio, l’ambiente.

Le avvisaglie di una condizione di salute precaria della Terra, tuttavia, non sono certo recenti. L’ONU ha infatti istituito la Giornata della Terra il 21 marzo del 1970, primo giorno di primavera nell’emisfero settentrionale.

Da allora questa ricorrenza è diventata, ahinoi, sempre più importante, e chiama ad azioni sempre più urgenti.

Ultimo aggiornamento 2024-07-21 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Da non perdere questa settimana su Techprincess

🎮Il video del monaco buddista che gioca a Super Mario (e prega per ogni nemico ucciso)
 
💍A cosa serve un anello smart? | La prova di RingConn Smart Ring
 
💬noplace è l’applicazione più scaricata su App Store: scopriamo di cosa si tratta
 
Chi ha detto che il fotovoltaico deve essere complicato?
 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Autore

  • Claudio Bagnasco

    Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975 e dal 2013 vive a Tortolì. Ha scritto e pubblicato diversi libri, è co-fondatore e co-curatore del blog letterario Squadernauti. Prepara e corre maratone con grande passione e incrollabile lentezza. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale claudiobagnasco.com

    Visualizza tutti gli articoli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button