fbpx

Google Fuchsia OS: che cos’è e quando arriverà il possibile sostituto di Android

Fuchsia OS è il sostituto di Android. Sì, avete capito bene. Google sembra infatti intenzionato a sostituire il famoso sistema operativo per lasciare spazio ad un altro OS. Niente paura però, il cambio non avverrà quest’anno, così avremo tutto il tempo di abituarci all’idea. Google Fuchsia OS: che cos’è e cosa cambia Lo so, vi […]


Fuchsia OS è il sostituto di Android. Sì, avete capito bene. Google sembra infatti intenzionato a sostituire il famoso sistema operativo per lasciare spazio ad un altro OS. Niente paura però, il cambio non avverrà quest'anno, così avremo tutto il tempo di abituarci all'idea.

Google Fuchsia OS: che cos'è e cosa cambia

Google Fuchsia OS screen

Lo so, vi starete chiedendo perché mai Google dovrebbe abbandonare Android. La risposta in realtà è molto semplice: per dare vita ad un'unica piattaforma. L'idea è quella di abbandonare anche Chrome OS, Android TV e Android Wear per dare vita ad un sistema completo, capace di funzionare su qualunque dispositivo, che sia uno smartphone, un computer, una smart TV, un dispositivo indossabile o uno speaker intelligente.

Fuchsia OS dovrebbe poi garantire aggiornamenti più regolari, una miglior gestione dei comandi vocali e soprattutto una certa attenzione alla privacy degli utenti. Una strategia che farà sicuramente la gioia di quest'ultimi ma che cozza un po' con la strategia commerciale del colosso americano. Pubblicità e privacy infatti tendono a non andare molto d'accordo, ma Google potrebbe avere in serbo qualche interessante alternativa.

A rendere infine tutto ancora più difficile ci sarebbe la scelta di abbandonare il kernel Linux. Questo da un lato significherebbe l'interruzione dei legami con Oracle, ma dall'altro renderebbe Android totalmente incompatibile con il nuovo Fuchsia OS.

Quando arriverà Fuchsia OS?

Stando a quanto riportato in questi giorni da Bloomberg, al momento sono ben 100 gli ingegneri al lavoro sul nuovo sistema operativo e i lavori sembrano essere in corso già da due anni. Questo però non significa che Fuchsia OS sia quasi pronto. La nuova piattaforma infatti dovrebbe sostituire tutte le altre nel giro di cinque anni, cinque anni che non solo dovrebbero servire a preparare il terreno per gli utenti, ma anche per le aziende. A Sundar Pichai e compagni toccherà infatti l'arduo compito di traghettare i vari produttori verso il futuro, cercando di rendere il passaggio dagli attuali sistemi operativi al nuovo Fuchsia OS il più indolore possibile.


Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.