fbpx

Holly e Benji – Due fuoriclasse: l’amore smisurato per il calcio
Il sogno di Oliver Hutton si trasforma in realtà e fa sognare un'intera generazione di calciatori


Continua il viaggio tra gli anime che ci hanno tenuto in compagnia nella nostra infanzia negli anni ottanta e novanta. Chiunque ami la sfera rotonda che ogni settimana fa esultare migliaia di persone non può non conoscere Holly e Benji – Due fuoriclasse. Molti calciatori professionisti hanno ammesso di aver iniziato a giocare proprio grazie alle gesta degli eroi sul rettangolo verde. Gesta spesso fuori dal normale ma capaci di rendere ricche di colpi di scena le partite infinite. Ogni match è una battaglia che va oltre il calcio, ma rappresenta un insegnamento di vita.

Holly e BenjiHolly e Benji: il sogno di Oliver Hutton

La storia comincia quando Holly, un ragazzino giapponese innamorato perso del calcio, si trasferisce con la sua famiglia nella regione di Shizuoka, per la precisione a Fujisawa. Holly ha un obiettivo preciso: diventare un calciatore professionista. Una volta arrivato nella sua nuova città ha un incontro con Arthur, che gioca con la Newppy, la squadra della scuola in cui si iscriverà. Holly si imbatte subito in Benji Price, portiere fortissimo che fino a quel momento non ha subito nemmeno un gol. In allenamento si sfidano: Holly parte da centrocampo, supera tutti in dribbling e segna nella porta di Benji che resta di sasso. L’assist vincente viene fornito d Roberto Sedinho, ex-centravanti della nazionale Brasiliana e del S.Paolo. Roberto accetta di diventare allenatore della Newppy e promette ad Holly di portarlo in Brasile se questi vincerà il campionato.

Julian Ross ed i problemi cardiaci

Il torneo scolastico, la tradizionale sfida fra Newppy e San Francis termina sul 2-2. Il torneo viene assegnato pari merito. Al campionato Regionale partecipa una selezione cittadina, composta dai migliori giocatori delle squadre di Nankatsu: la New Team, della quale fanno parte sia Holly che Benji. I due sono una coppia formidabile e arrivano in finale dove incontrano la forte Stanton. Benji si infortuna, resta in campo e con una tripletta Holly dà la vittoria alla New Team (3-0) conquistando così il diritto di partecipare al Campionato Nazionale Giovanile. Nella gara inaugurale assistiamo all’unica sconfitta nella storia della New Team contro la fortissima Muppet guidata da Mark Lenders.

Per continuare questa avventura la New Team deve vincere tutte le restanti partite con l’aggravante dell’infortunio di Benji sostituito da Alan Crocker, una riserva assolutamente non all’altezza. Nonostante tutto la New Team batte la Hot Dog dei gemelli acrobatici Derrick e il Norfolk del gigantesco portiere Sellers. La semifinale è contro la Mambo di Julian Ross, uno dei calciatori più forti della competizione, che soffre di problemi cardiaci ed è costretto ad un certo punto ad abbandonare la sfida nonostante la grande forza di volontà.

La finale tra New Team e Muppet

La finale vede la New Team di nuovo di fronte alla Muppet, rinforzata da Ed Warner, acrobatico portiere che sfrutta le arti marziali. La compagine guidata da Mark Landers ha superato nell’altra semifinale la Flynet di capitan Philip Callaghan che basa tutto sul gioco di squadra. Dopo una partita storica e ricca di emozioni, con Tom Becker che gioca da infortunato.

La New Team passa in vantaggio con un tiro a due di Tom e Holly che non lascia scampo a Warner, subisce la rimonta (2-1) degli uomini di Landers, pareggia con Holly all’89’ e con altri sui due gol nel quarto tempo supplementare va a vincere con il risultato finale di 4-2 grazie ad una doppietta di Holly. Roberto Sedinho non rispetta la promessa fatta a Holly partendo senza di lui perchè ritiene che il suo pupillo possa crescere bene anche in Giappone. Mentre Benji e Tom partono rispettivamente per la Germania e la Francia lasciandolo Holly solo in Giappone.

Holly e Benji Due FuoriclasseSi rinnova la sfida tra Oliver Hutton e Mark Landers

Sono passati tre anni ed i ragazzi frequentano la terza media. Holly è ancora capitano della New Team, che ha vinto altri due campionati Nazionali nonostante gli addii di Tom e Benji. Per raggiungere la finale la squadra si imbatte contro squadre guidate da vari protagonisti. La compagine del protagonista supera la Otomo dell’attaccante Patrick Everett, la Artic del duro difensore Ralph Peterson, la Norfolk, la Hirado del roccioso Clifford Yuma, la Hot Dog degli acrobatici gemelli Derrick, e la Flynet.

La finale è con la Toho di Mark Lenders e Warner con il primo che si è sottoposto ad allenamenti speciali per battere il rivale storico. Holly intanto arriva da infortunato al match ma decide di giocare lo stesso. La finale storica si conclude in parità: 4 a 4. Ma la gioia di Hutton e Lenders è enorme visto che entrambi, insieme ai migliori del torneo, sono convocati per partecipare al mondiale Juniores.

Arriva la nazionale

La squadra giapponese va in Francia per giocare il mondiale giovanile (under 14) con il Giappone che perde le prime amichevoli a causa dell’assenza di Holly, infortunato. Il ritorno di Holly cambia totalmente la musica in campo. Insieme a vecchi amici come Tom e Benji, il Giappone inizia la sua scalata alla vittoria. Batte a sorpresa l’Italia del portiere Dario Belli-Gino Hernandez e l’Argentina di Diaz e Pascal. In semifinale, Holly e i suoi affrontano i padroni di casa grandi favoriti, ovvero la Francia guidata da Napoleon e Pierre LeBlanc. Qui i rigori favoriscono il Giappone per 5 a 4.

Si arriva alla finale contro la Germania composta da tantissimi campioni. Il portiere Reiner Bauer, di Karl Heinz Schneider, Hoffman, Shester, Magath, Muller che ha battuto l’Uruguay di Ruben Pablo in semifinale. Un gol allo scadere di Mark Lenders su assist di Holly regala la storica vittoria al Giappone. Roberto Sedinho riappare mantenendo questa volta la promessa fatta anni prima. Il campione brasiliano porta Holly nel San Paolo dove giocherà per tre anni. Qui terminano le puntate andate in onda sulla televisione italiana.

Holly e Benji NazionaleHolly e Benji, l’amicizia e la lealtà come punti cardine

L’avventura di Holly e Benji, al di là del calcio, mette in risalto tanti aspetti come il sacrificio, il rispetto e l’amicizia. Holly incontrerà tanti campioni sulla sua strada con storie particolari. Il personaggio principale della storia mostra sempre grande rispetto per gli avversari, nonostante incontri alcuni calciatori scorretti. Con la sua classe e il suo amore mette sempre in risalto i veri valori di questo sport: il rispetto per l’avversario e l’amicizia. Esempio lampante è il costante incoraggiamento per Alan Crocker, portiere che viene colpito volontariamente da Mark Landers sul viso dalla palla in un match. Episodio che segna l’estremo difensore che non riesce poi più a parare. Holly riesce però nell’impresa di fargli riprendere fiducia, mostrandogli che il pallone è suo amico. Un gesto che fa capire quanto i valori nello sport debbano sempre trionfare su tutto.

Holly e Benji, le tante differenze con il manga

Holly e Benji differisce molto dal manga originale per varie ragioni.  Eccone alcune delle più importanti.
L’iscrizione iniziale di Holly alla S. Francis (poi cambiata in corsa) è un’invenzione dell’anime, e nel manga l’unico membro della Newppy che Holly conosce il giorno dell’arrivo nella nuova città è Bruce, mentre nell’anime nello stesso giorno si imbatte anche in Patty e Arthur. Nell’anime Roberto arriva al luogo della sfida tra Holly e Benji seguendo Holly, Bruce e Patty, mentre nel manga, per seguire la traiettoria del pallone lanciato da Holly dalla collina verso il giardino di Benji, Roberto si intrufola furtivamente nella casa di Benji venendo aggredito dal cane, e successivamente segue Benji e il suo allenatore personale verso il luogo della sfida.

L’incontro con Roberto Sedinho

Nel manga, quando Roberto segna in rovesciata dopo che il pallone aveva colpito la traversa, Holly si allena tutto il giorno nel tentativo di riprodurre la stessa tecnica, mentre nell’anime questa sequenza viene sostituita da un sogno in cui Holly effettua quella tecnica contro Benji. Nella partita tra Newteam e Muppett, il secondo gol di Mark Lenders è diverso tra anime e manga: nel manga Lenders supera Tom con una finta e poi segna nonostante Benji avesse tentato in uscita di stroncargli il tiro sul nascere, mentre nell’anime segna di potenza con un tiro che entra in rete travolgendo Tom (che aveva tentato di intervenire in scivolata) e facendo cadere a terra il guanto di Benji.

Nell’arco delle scuole medie nel manga furono introdotti due personaggi nuovi, il pugile Kanda (innamorato di Patty) e Carlos (che impartisce lezioni private di portoghese a Holly), che tuttavia non furono inclusi nell’anime. Sempre nell’arco delle scuole medie nel manga Arthur è la riserva fissa della Newteam, per cui assiste alle partite dalla panchina, mentre nell’anime è un semplice tifoso come alle elementari. I ruoli di Mason e Carter nel gol del 4-3 della Newteam contro la Hirado sono stati invertiti: nel manga Carter superava Yuma e Mason segnava mentre nell’anime accadde l’opposto.

I personaggi principali di Holly e Benji

In Italia, l’anime debutta nel luglio 1986 su Italia 1 di Fininvest (successivamente Mediaset), con il titolo di Holly & Benji e con i nomi di giocatori e squadre cambiati. Salvo rare eccezioni, come Shimada, Otomo, Hirado e Toho) per esplicita richiesta di Reteitalia alla società di doppiaggio (la CAR Film). Tutto ciò in in base alla loro policy di italianizzare o inglesizzare i nomi giapponesi per motivazioni di semplificazione culturale.

Oliver Hutton (大空 翼 Ōzora Tsubasa) – Centrocampista-attaccante numero 10 nella New Team, nella Nazionale Giapponese U-15, U-20 e U-23, nel San Paolo, nel Barcellona B e numero 28 nel Barcellona.

Benjamin Price (若林 源三 Wakabayashi Genzō)
Portiere numero 1 nella Saint Francis, nella New Team, nell’Amburgo, nella Nazionale Giapponese U-20 e U-23, e numero 22 nella Nazionale Giapponese U-15.

Tom Becker (岬 太郎 Misaki Tarō)
Centrocampista numero 11 nella New Team, nella Nazionale Giapponese U-15, U-20 e U-23, e numero 38 nello Júbilo Iwata.

Mark Lenders (日向 小次郎 Hyūga Kojirō)
Attaccante numero 10 nella Muppet, nella Toho, numero 9 nella Nazionale Giapponese U-15, U-20 e U-23, numero 18 nella Juventus e numero 78 nella Reggiana.

Bruce Harper (石崎 了 Ishizaki Ryō?)
Difensore numero 14 nella New Team e nella Nazionale Giapponese U-15, numero 4 nella Nazionale Giapponese U-20 e U-23, e numero 36 nel Júbilo Iwata.

Philip Callaghan (松山 光 Matsuyama Hikaru)
Centrocampista numero 10 nella Flynet, numero 12 nella Nazionale Giapponese U-16, U-20 e U-23, e numero 36 nei Consadole Sapporo.

Julian Ross (三杉 淳 Misugi Jun)
Centrocampista e libero numero 14 nel Musashi e nella Nazionale Giapponese U-23, numero 24 nella Nazionale Giapponese U-16, numero 6 nella Nazionale U-20, numero 41 nel FC Tokyo e con un breve trascorso nel Bellmare Hiratsuka.

Ed Warner (若島津 健 Wakashimazu Ken)
Portiere numero 17 nella Muppet, nel Yokohama Flugels e nella Nazionale Giapponese U-20 e U-23, numero 1 nella Toho e nella Nazionale Giapponese U-15, numero 51 nel Nagoya Grampus Eight, attaccante a partire dalle qualificazioni al torneo olimpico.

James e Jason Derrick (立花 國夫 と 宗夫 Kazuo to Masao Tachibana)
Chiamati gemelli Derrick, sono centrocampisti-attaccanti numeri 10 e 9 nella Hot-Dog, numeri 3 e 2 nella Nazionale Giapponese U-16, U-20 e U-23, numeri 40 e 41 nel JEF United Ichihara. A scuola sono i campioni della prefettura di Akita e le stelle della Hot-Dog,

Alan Crocker (森崎 有三 Yuzo Morisaki)
Portiere numero 12 poi numero 1 nella New Team, numero 21 nella Nazionale Giapponese U-15, U-20 e U-23, numero 34 negli Shimizu S-Pulse. Inizialmente è il secondo portiere della New Team e terzo portiere della nazionale giapponese.

Paul Diamond (井沢 守 Mamoru Izawa)
Centrocampista numero 10 nella Saint Francis, numero 8 nella New Team, nella Nazionale Giapponese U-15, U-20 e U-23, e poi acquistato dal Yokohama F. Marinos.

Johnny Mason (来生 哲兵 Teppei Kisugi)
Attaccante numero 9 nella Saint Francis e nella New Team, numero 20 nella Nazionale Giapponese U-16, numero 19 nella nazionale U-20 e U-23, numero 39 nei Cerezo Osaka.

Ted Carter (滝 一 Hajime Taki)
Centrocampista-attaccante numero 11 nella Saint Francis, numero 7 nella New Team, numero 17 e 13 nella Nazionale Giapponese U-15 e U-20, numero 6 nella Nazionale Giapponese U-23, tesserato dai Tokyo Verdy: di ruolo è un’ala pura.

Tanti altri protagonisti

Patrick Everett (新田 瞬 Shun Nitta)
Attaccante numero 9 nella New Team e nella Otomo, numero 18 nella Nazionale Giapponese U-16, U-20 e U-23, numero 35 nei Kashiwa Reysol.

Danny Mellow (沢田 タケシ Takeshi Sawada)
Centrocampista numero 15 nella Muppet, nella Toho, nella Nazionale Giapponese U-15, U-20 e U-23, numero 35 negli Urawa Red Diamonds, numero 10 nella Nazionale Giapponese U-19: inizialmente sullo stesso piano tecnico di Tom Becker ma più giovane di due anni.

Clifford Yuma (次藤 洋 Hiroshi Jito) Difensore numero 5 nella Hirado, nella Nazionale Giapponese U-16, U-20 e U-23, numero 90 negli Avispa Fukuoka, ha militato anche nella squadra liceale Kunimi Gakuin FC.

Teo Sellers (中西 太一 Taichi Nakanishi)
Portiere numero 1 nella Norfolk e numero 13 nella nazionale giapponese Under 13, ha militato anche nella Tatsunami (scuola di Osaka che ha unito gli studenti della Norfolk e della Artic).

Roberto Sedinho (ロベルト本郷 Roberto Hongo) Grande campione della nazionale brasiliana. A causa del distacco della retina si è ritirato completamente dal mondo del calcio. Per questo decise di suicidarsi buttandosi in acqua, ma fu salvato dal padre di Holly.

Freddy Marshall (見上 辰夫 Mikami Tatsuo)
Ex-portiere della nazionale e allenatore personale di Benji, allenatore del Giappone Under 15 e della “next generation” Under 19. Doppiato in italiano da Massimiliano Lotti (Captain Tsubasa 2018)

Episodi e sigla

L’anime in Italia viene trasmesso da Italia 1 in 128 episodi, il primo in onda il 19 luglio 1986 con grande successo. È passato anche su Canale 5 nel 1991. La sigla italiana storica è Holly e Benji due fuoriclasse, in molte repliche successive è stata trasmessa con la nuova sigla intitolata Che campioni Holly & Benji!!!

 


Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link