fbpx
News

[Intervista] Eva Wimmers, presidente di Honor Europa, ci spiega le prospettive future dell’azienda

Abbiamo avuto la possibilità di intervistare Eva Wimmers, presidente di Honor Europa, e scoprire quali sono i progetti dell'azienda per l'anno appena iniziato.

L'azienda è in forte crescita, smartphone dopo smartphone è in grado di accontentare anche gli utenti più esigenti mettendo sul mercato prodotti dall'interessante rapporto qualità/prezzo.

La nostra intervista ad Eva Wimmers

Abbiamo avuto l'occasione di ascoltare le parole della presidente di Honor Europa – e vice presidente di Honor Global – durante il briefing dedicato all'arrivo di Honor 7X sul mercato.

  1. Perché Honor ha inserito il suo primo full screen display su un device medio di gamma?
    Credo sia stato fatto per enfatizzare il nostro posizionamento. Concepiamo sempre prodotti per gli "Hi Users" che sono i giovani nativi digitali ed immigrati digitali, che utilizzano molto Internet e per i quali è molto importante poter fruire di contenuti come video e foto.
    Esattamente come facciamo per tutti i nostri prodotti, vogliamo portare le migliori innovazioni e le migliori tecnologie ad un prezzo accessibile ed abbiamo pensato fosse interessante iniziare da un medio di gamma e non da un top di gamma.
  2. Qual è il vostro target principale al momento?
    Honor, sin dal principio, si è rivolta a due gruppi di target: uno era quello dei nativi digitali e l'altro era quello degli immigrati digitali, ovvero quelle persone nate quando queste tecnologie non c'erano ancora, ma che hanno iniziato immediatamente ad usarle quando sono diventate di massa.
    Questo perché lo stile di vita ed i comportamenti tipicamente ricollegati ai Millennials ormai, costituiscono una scelta di vita e non più una scelta legata all'età. Questo era il nostro target fin dall'inizio e lo è ancora.
  3. Ed il mercato Europeo? Qual è la situazione attuale?
    Il mercato europeo è cresciuto molto rapidamente, in Cina siamo cresciuti ancora più rapidamente. Per la prima volta, durante l'ultimo Black Friday cinese, Honor ha battuto compagnie molto più grandi, che normalmente sono leader di mercato nelle vendite. E lo ha fatto in un solo giorno!
    Anche in Europa siamo cresciuti molto rapidamente. Negli ultimi due anni abbiamo raddoppiato gli introiti ogni anno e quest'anno (2017), in Italia, nel primo semestre siamo cresciuti del 350% in termini di introiti.
  4. Honor è nata anche per fronteggiare la concorrenza di compagnie come Xiaomi. Com'è la situazione dopo 4 anni?
    Dopo 4 anni Honor in Cina è la brand community numero 1. Ci sono diversi brand che hanno community parecchio attive, ma Honor rimane la numero 1!
    In Europa iniziamo lentamente a vedere un po' di competizione adesso. Honor è stata la prima a fare brand community e, sin dall'inizio, siamo nati come brand globale ed internazionale, non come brand cinese per i giovani.
  5. Honor è anche accessori. avete dei progetti per aumentarne la diffusione?
    Si! Al momento abbiamo già disponibili tutti gli accessori più importanti. Tuttavia, i nostri fan e clienti voglio scelta più "lifestyle" e quindi, il prossimo anno (2018), presenteremo più accessori rispetto a quelli che abbiamo oggi, realizzati anche in collaborazione con partner esterni.
  6. Quali sono i piani futuri per il mercato europeo?
    Per il prossimo anno vogliamo crescere alla stessa velocità degli ultimi due anni. Vogliamo crescere nella nostra community perché ci vediamo innanzitutto una community che ruota intorno a bellissimi smartphone. Infine, vogliamo anche che le vendite crescano e desideriamo farci conoscere meglio da più target diversi rispetto a quelli che ci conoscono già oggi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button