fbpx
Operazione Risorgimento Digitale tim

La Cultura Digitale a casa degli italiani
Inizia una seconda fase del progetto Operazione Risorgimento Digitale, per favorire la diffusione delle competenze digitali tra cittadini


Il progetto Operazione Risorgimento Digitale, la grande alleanza tra istituzioni, imprese e terzo settore lanciata lo scorso novembre da TIM, arriva alla sua seconda fase. L’idea è nata per favorire la diffusione delle competenze digitali tra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni.

Di fronte all’emergenza Coronavirus e nell’ottica di proseguire nella propria mission verrà avviato domani 14 aprile il progetto “Maestri d’Italia”. Si tratta della prima scuola online che nasce con l’obiettivo di portare nelle case degli italiani la cultura digitale attraverso la testimonianza di personaggi pubblici e format di apprendimento. Lo scopo è quello di diffondere, anche tra i più piccoli, le potenzialità di Internet in questo momento particolare.

Sottolinea il Presidente di TIM, Salvatore Rossi: “Nel momento difficile che affrontiamo cresce a dismisura l’importanza del digitale e delle competenze necessarie a usarlo, a stare in rete. Operazione Risorgimento Digitale non poteva quindi fermarsi, doveva anzi accelerare. Dopo aver potenziato la capacità dei cittadini di connettersi fra loro e con la rete, abbiamo allora deciso di fare un ulteriore passo: Maestri d’Italia ci permetterà, in maniera concreta, di rafforzare il dialogo avviato con i cittadini di ogni età e in ogni angolo del Paese, dando loro informazioni e approfondimenti offerti da figure di eccellenza. Contiamo comunque che il nostro originario progetto possa tornare presto tra le strade d’Italia”.

Operazione Risorgimento Digitale e Maestri d’Italia

Il progetto assume così una valenza ancora più strategica e di sistema diventando una vera e propria scuola diffusa, gratuita e interattiva. Il tutto nasce dalla sinergia tra «luoghi» virtuali e un ricco palinsesto di incontri e contenuti interattivi della durata di circa un’ora. Le lezioni si terranno in diretta sul sito ufficiale  Operazione Risorgimento Digitale e sui canali YouTube e Facebook.

Il programma prevede inoltre:

  • Un ciclo di oltre trenta lezioni tenute da grandi esperti (Meastri d’Italia). I primi speaker sono: Carlo Ratti, Italo Rota, Ilaria Capua, Roberto Cingolani, Carlo Cottarelli, Roberto Burioni, Stefano Boeri e Makkox. Ciascuno di loro approfondirà gli impatti sociali ed economici dell’emergenza Coronavirus con l’obiettivo di creare occasioni di dialogo e confronto
  • Cinque master class di quattro lezioni ciascuna – Per insegnare a valorizzare Internet e le sue risorse. Si tratta di corsi specifici sulle competenze digitali svolti su Google Meet e rivolti a docenti con il desiderio di conoscere gli strumenti della didattica digitale.  Grazie a cinque docenti qualificati – Salvatore Giuliano per la didattica digitale, Ernesto Belisario per la pubblica amministrazione, Arturo Di Corinto per la cybersecuritySilvia Vianello per i social media per le professioni, Giampaolo Colletti sui temi dello smart worker, sarà possibile comprendere le grandi opportunità che la tecnologia offre
  • Un ampio spazio dedicato ai bambini – Un programma di contenuti di edutainment, per far acquisire loro le competenze digitali giocando. Una sessione mattutina di un’ora circa, interattiva e coinvolgente sui primi passi di tecnologia, robotica ed esperimenti scientifici e di cucina, bricolage e chimica; discipline tradizionali come le scienze, ambiente e territorio affrontate tutte attraverso il gaming. I contenuti educazionali saranno curati da esperti del settore e personaggi amati dai bambini: Codemotion, Fondazione Mondo Digitale, OFpassiONMaker Camp e Telefono Azzurro.

Daniele Cicarelli

author-publish-post-icon
Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link