fbpx
NewsTech

Qualcomm vince l’appello contro l’UE: annullata la multa da quasi 1 miliardo di euro

Il caso risale al 2018

Qualcomm batte l’antitrust europea e non dovrà pagare la multa da 997 milioni di euro sancita dall’ente nel 2018. Tale multa era legata ad un presunto accordo tra Qualcomm e Apple con Qualcomm che avrebbe pagato diversi miliardi di dollari ad Apple per diventare fornitore esclusivo dei moduli LTE per i suoi dispositivi. Ecco i dettagli sul caso:

Qualcomm non dovrà pagare la multa prevista dall’UE

La sentenza relativa alla multa a Qualcomm risale, come detto, al 2018. L’azienda americana presentò appello ed oggi è riuscita a ribaltare il giudizio dell’antitrust europea. Secondo quanto riferito dal Tribunale UE, alla base del caso ci sarebbero una serie di irregolarità procedurali che avrebbero impedito a Qualcomm di difendersi in modo adeguato per evitare la multa multi-milionaria.

Da notare, inoltre, che, secondo il Tribunale, la Commissione antitrust europea non sarebbe stata in grado di fornire prove sufficienti per evidenziare la colpevolezza di Qualcomm. Secondo i giudici, inoltre, Apple non aveva alternative concrete alle proposte di Qualcomm all’epoca per i moduli LTE dei suoi dispositivi.

Nuovo appello in arrivo?

La palla passa ora all’antitrust UE che ha facoltà di appellarsi alla Corte di Giustizia dell’UE. Un eventuale appello da parte dell’ente comporterà un’ulteriore proroga del caso che, quindi, a distanza di quattro anni, potrebbe ancora essere molto lontano dalla sua conclusione. Maggiori dettagli su quelle che saranno le prossime mosse dell’antitrust arriveranno nel corso dei prossimi mesi.

 

Offerta
Apple iPhone 13 mini (128 GB) - verde
  • Display Super Retina XDR da 5,4"
  • Modalità Cinema con profondità di campo smart e spostamento automatico della messa a fuoco nei video
  • Evoluto sistema a doppia fotocamera da 12MP (grandangolo e ultra-grandangolo) con Stili fotografici, Smart HDR 4,...

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button