fbpx
AttualitàCulturaNews

Twitter non bannerà i Talebani, per adesso

Ma il social dice che "rimarrà vigile"

Twitter non ha ancora annunciato il ban dei Talebani dalla propria piattaforma, nonostante la preoccupazione che utilizzino i social per continuare l’ascesa al potere in Afghanistan. La mancata decisione risulta ancora più significativa dopo che Facebook ha chiarito di aver creato una task force per monitorare la situazione ed espellere tutti i rappresentati del gruppo dai propri social.

Twitter non ha ancora annunciato il ban per i Talebani

Un portavoce di Twitter ha commentato la (mancata) decisione, restando però sul vago. La situazione in Afghanistan sta evolvendo rapidamente. Stiamo anche assistendo a persone nella nazione che usando Twitter per cercare aiuto e assistenza. La prima priorità per Twitter è mantenere sicure le persone e restiamo vigili”.

Twitter specifica poi che: Continueremo a far rispettare proattivamente le nostre regole. E monitoreremo i contenuti che violano le regole di Twitter, in particolare quelle contro la glorificazione della violenza, la manipolazione della piattaforma e lo spam”.

twitter afghanistan talebani ban-min

Una posizione ancora ambigua, che sta costando la gogna mediatica al social di Jack Dorsey. Soprattutto dopo che Facebook ha ribadito in maniera univoca il ban dei Talebani dalle proprie piattaforme (sebbene alcuni giornalisti riportino che i terroristi stiano ancora usando WhatsApp). “I Talebani sono designati come organizzazione terroristica sotto la legge USA e li abbiamo bandito dai nostri servizi per le nostre policies sulle Organizzazioni Pericolose. Questo significa che abbiamo rimosso gli account gestiti da o in favore dei Talebani e abbiamo proibito complimenti, supporto e rappresentazione del gruppo” spiega un portavoce di Facebook alla BBC. Facebook ha inoltre creato un gruppo nativo della regione Dari e che parla Pashto per monitorare la situazione.

Molte delle critiche online ai social nascono dalla preoccupazione per i cittadini afgani. Ma alcuni sostenitori dell’ex-Presidente Trump lamentano il fatto che lui sia bannato a vita, mentre il portavoce dei Talebani continua a postare. Trump era stato allontanato per incitazione alla violenza dopo l’attacco al Campidoglio americano.

I Talebani hanno approfittato del ritiro delle forze americane ed alleate dalla regione per riprendere il potere in Afghanistan. E molti commentatori stanno valutando l’operato dei social media nella vicenda. Per il momento, solo Facebook si è esposto con un ban chiaro e deciso. Vi terremo informati.

Source
The Independent

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button